Fumettilandia

Cinegatto

RECENSIONE: GLI ACCARTOCCIATI DI THODORIS KOUKIAS

Buongiorno readers,
come state? Il week end si avvicina e io voglio conludere la settimana con voi, parlandovi di un bellissimo e delicatissimo libro.


Gli Accartocciati
di Thodoris Koukias


Genere: Narrativa per ragazzi
Editore:  MIMebù
Prezzo: € 9,99
Pagine: 192
Uscita: 30 settembre 2022

Nefeli sente di non appartenere a nessun posto e a nessun gruppo, a volte nemmeno a se stessa. È come se i colori nella sua vita stessero sbiadendo, assorbiti da uno di quegli acchiappacolore che sua madre usa in lavatrice. La sindrome di Asperger ha fatto guadagnare a Ionas il titolo di adolescente più strano della scuola. Forse non è in grado di allacciarsi le scarpe o sorridere, ma ha un’intelligenza impressionante. E soprattutto non mente mai. Poi c’è Adela, bella e indipendente. Per lei solitudine e discriminazione non sono novità, dal momento che per i suoi compagni è solo “l’albanese”. Essere outsider avvicina i tre amici, ma li rende anche un facile bersaglio per chi si sente minacciato dalla loro diversità.
RECENSIONE
 
Un libro intenso, dolce, emozionante ma anche dai risvolti cupi. Queste sono le sensazioni che ho provato durante la lettura del libro "Gli Accartocciati" scritto da Thodoris Koukias. Un romanzo di formazione, una storia di vita e sopravvivenza.

Nefeli è una ragazza che si sente di non appartenere a questo mondo, perennemente insoddisfatta e infelice, non riesce a rendersi conto che i colori della sua vita, stanno sbiadendo piano piano. Ionas ha la sindrome di Asperger, un disturbo pervasivo dello sviluppo, che gli altri suoi coetani non riescono a comprendere e per questo viene additato come lo strano. Infine c'è Adela che ha causa delle sue origini, proviene dall'Albania, è cosiderata da tutti la straniera. A mio avviso però il vero protagonista di questa storia è la diversità. 

 

In questo libro infatti il tema che sarà affrontato, riguarda soprattutto l'inclusione una condizione molto frequente ahimè tra le mura della scuola. I protagonisti, considerati degli outsider per il resto dei suoi coetani, si faranno forza l'uno con l'altro.


Gli Accartocciati è una storia difficile ma allo stesso tempo dolce e delicata in cui le insicurezze, le paure e le problematiche fisiche e mentali di alcuni ragazzi, vengono trasformate in una splendida amicizia. Lo stile di Koukias, è molto coinvolgente e ammaliante tanto che, non sono riuscita a staccarmi dal libro e l'ho completamente divorato in una giornata.
Mi sento però di dire che Gli Accartocciati  non è un libro semplice, ma storie così andrebbero lette più frequentemente proprio per ricordarci che la diversità non deve essere visto come un ostacolo o un limite ma bensì, un mezzo per migliorare e crescere umanamente.


È quindi un libro che insegna a credere in sé stessi, a rispettare i propri sentimenti e le proprie idee... non abbiate paura del giudizio degli altri ma soprattutto, accettatevi per come siete, affinché non ci siano più limiti o ansie immotivate. Per voi invece che amate giudicare senza pensare che dall'altra parte ci possa essere qualcuno che soffra... aprite il cuore!

Perché leggere Gli Accartocciati? Perché pur essendo una lettura emotiva e dura, vi troverete tra le mani anche una storia di coraggio, speranza e resilenza qualità che spesso, dimentichiamo di dimostrare.


Nessun commento

Powered by Blogger.