Fumettilandia

Cinegatto

CINEGATTO: DUNE DI VILLENEUVE SU SKY CINEMA

Su Sky Cinema è disponibile Dune, il film di Denis Villeneuve con Timothée Chalamet, Rebecca Ferguson, Oscar Isaac, Josh Brolin, Zendaya. 


Scheda Film



Nel sistema feudale che domina l'universo, nel futuro il potere è nelle mani di un imperatore sotto il quale lottano tra di loro delle importanti casate. Sul desertico pianeta Arrakis si trova la Spezia, sostanza preziosa per una varietà di motivi. Alla casata Atreides e al suo capo, il Duca Leto viene affidato il controllo del pianeta, ma in realtà si sta approntando una congiura per eliminarlo. Leto ha però un figlio, Paul, il quale è dotato di particolari poteri che sta sviluppando con l'aiuto di sua madre Lady Jessica. Anche lui finisce con il diventare un ostacolo da abbattere.

DUNE DI VILLENEUVE SU SKY CINEMA

Ci sono voluti 155 minuti, secondo Villeneuve, per raccontare la prima parte del romanzo di Frank Herbert. Tempo non sfruttato nemmeno da David Lynch nel 1984 con la sua trasposizione cinematografica di Dune dalla durata di 137 minuti. L'attenzione, la cura nei dettagli, nei costumi e nelle scenografie si vede tutta da parte di Villeneuve; ma ormai sappiamo che il regista si prende fin troppo tempo per fermarsi o seguire lente inquadrature e piani che scavano quasi nei pensieri dei protagonisti. 




La storia di Dune, a detta di George Lucas stesso, è stata fonte di ispirazione per la nascita di Star Wars. Eppure, nonostante le tante somiglianze, il modo di raccontare è ben diverso, così come diversi sono i registi dietro la macchina da presa. Si crea, però, un'aspettativa, quella cioè di vedere un prodotto simile, quantomeno nell'energia delle scene, nel ritmo del racconto, nella forza delle azioni. Qui scatta la delusione, e quei minuti di troppo ne sono i responsabili. Tuttavia Villeneuve ha un suo stile ben riconoscibile e, quando andiamo al cinema per vedere un suo film, ne siamo consapevoli. Sono sempre pronta a vedere film che prendono il loro tempo per la narrazione, ci sono dei titoli indimenticabili e dalla durata anche superiore a Dune. Ma, in questo caso, è troppo inutilmente. 




La colonna sonora è stata realizzata da Hans Zimmer, che sceglie di richiamare un suono "antico", lontano, misterioso. E proprio questa scelta permette di sottolineare quanto psicologico e intimista sia l'intento del film, che tocca temi collettivi della condizione umana, parlando anche di religione e di una storia che si ripete. Proprio per questo, a mio parere, bisogna essere coscienti di cosa si sta per guardare ed essere predisposti alla visione di un film fantascientifico che punta ad altro. 




3 commenti

  1. Non sono d'accordo completamente ma perchè io sono una grande fan di questo film e lo vedrei altre mille volte di seguito xD Non so, ne sono rimasta affascinata soprattutto per la colonna sonora, la regia con i suoi tempi lunghi e in generale l'atmosfera assolutamente surreale che ti porta davvero in un altro mondo. Non vedo l'ora di vedere i seguiti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicole, grazie per il tuo commento! Dune piace a molti infatti, ha grandi fan xD Il regista usa tempi lunghi in tutti i suoi film, c'è a chi piace e a chi no, ma come ho detto nell'articolo ci sono dei pregi oggettivi (tra cui la colonna sonora). Anche io sono curiosa di vedere il secondo capitolo comunque! :D

      Elimina
    2. Ciao Nicole, grazie per il tuo commento! Dune piace a molti infatti, ha grandi fan xD Il regista usa tempi lunghi in tutti i suoi film, c'è a chi piace e a chi no, ma come ho detto nell'articolo ci sono dei pregi oggettivi (tra cui la colonna sonora). Anche io sono curiosa di vedere il secondo capitolo comunque! :D

      Elimina

Powered by Blogger.