Fumettilandia

Cinegatto

RECENSIONE: BILLY E I PIPISTRELLI DI MARCO INNOCENTI

Buon pomeriggio Gattolettori,
eccomi qui con una proposta di lettura molto carina e interessante. La copertina poi è talmente invitante che è impossibile non leggerlo in questo periodo...


Billy e i Pipistrelli
di Marco Innocenti
                                                      

Genere:
Narrativa x ragazzi
Editore: Albero delle Matite
Prezzo:
Pagine: 160
Uscita: 1 settembre 2021
 

Giudici incappucciati, tribunali popolati da pipistrelli, cyborg più umani degli uomini. Una storia avventurosa e poetica. Un inno all'amicizia e alla libertà. Billy non può ricordare com'è la libertà: è nato in una città prigioniera di giudici tirannici, dove anche gli sport, la musica e l'arte sono proibiti. Per sopravvivere in questa società distopica, un ragazzo come lui deve crescere in fretta, specialmente se non ha famiglia né un soldo in tasca. Intanto tra i Signori della giustizia e i ribelli della Guerriglia urbana la lotta si fa sempre più aspra: la battaglia finale si avvicina e richiederà coraggio, altruismo e determinazione. Ma Billy non è solo. Al suo fianco c'è Bimbo. Billy e Bimbo sono amici per la pelle. Quella di Bimbo è sintetica. Età di lettura: da 12 anni.
RECENSIONE

 

In una realtà del tutto distopica, la popolazione vive sotto la supremazia dei Giudici, delle presenze oscure e cattive che a piacimento, fanno il bello o il cattivo tempo. I giudici infatti oltre a perseguitare e a punire chi non rispetta le regole, hanno anche proibito la musica, l'arte e gli sport.


Le persone non si ricordano nenache più cosa vuol dire essere liberi, soprattutto Billy che dopo aver perso entrambi i genitori, è costretto a tirare avanti tra abitazioni di fortuna e baratti in cambio di cibo.
Suo unico amico/fratello al suo fianco è Bimbo, un cyborg umano-non umano che ha talmente tante qualità e attenzioni verso il ragazzo che tutto sembra tranne che un robot.

Per sopravvivere ad una società del genere, Billy è stato costretto a crescere in fretta, non c'è tempo per godersi l'adolescenza, giocare o innamorarsi, soprattutto se non fa che incontrare gente bugiarda e approfittatrice. In città però la situazione sta diventando sempre più invivibile e gli scontri tra i Signori della giustizia e i ribelli della Guerriglia urbana diventano sempre più violenti. Sarà proprio in una di queste rivolte che Billy sarà costretto, momentaneamente, a separarsi dal suo migliore amico Bimbo. La battaglia finale è ormai alle porte, riusciranno i cittadini a liberarsi dei giudici oppressori e dei tribunali popolati da pipistrelli?
 
Ecco un carinissimo libro per ragazzi che saprà regalarvi tantissime emozioni ma soprattutto suspence e mistero. Marco Innocenti attraverso la sua narrazione infatti ci presenta una società distopica piena di divieti e regole da seguire quasi a ricordare i tempi di Hitler e Mussolini ma allo stesso tempo, ci mostra anche una società futuristica, in cui prima o poi anche noi avremo a disposizioni dei cyborg come amici.
 
La scrittura è fluida, scorrevole e piacevole, tanto che è impossibile staccarsi rapidamente dal libro. I dialoghi sono credibili e i personaggi sono caratterizzati così bene, che sembra quasi di conoscerli da tempo.
In conclusione posso assicurarvi che il libro, "Billy e i pipistrelli" è una storia che vi rimarrà nel cuore, e che pur essendo un po' triste e un po' drammatica, saprà farvi anche sorridere tanto, e poi, così  avremo il modo di conoscere due personaggi davvero incredibili, non trovate?


Nessun commento

Powered by Blogger.