Fumettilandia

Cinegatto

PAGINA 69 #31

Eccomi nuovamente qui readers,
è arrivato infatti il momento della Rubrica dedicata ai nostri autori emergenti, Pagina 69.
Oggi sul Blog abbiamo come ospite Maria Letizia Musu e il suo libro: "Baci libri e qualche cadavere".


Pagina 69

Se sei un autore emergente e vorresti anche tu il tuo spazio nella Pagina 69 pui inviarmi il tuo materiale a gattolibraio@libero.it

Autore Emergente se ti sei appena sintonizzato sul mio blog, il giovedì è dedicato a te quindi scegli come vuoi avere un po' di visibilità (segnalazione o pagina 69) e invia un email a gattolibraio@libero.it con il libro 

Sia per la pagina 69 che per la segnalazione dovrai inviarmi il seguente materiale:
- Libro da segnalare
- Piccolo estratto a piacere del libro
- Biografia
- Foto autore/autrice o qualcosa che vi rappresenti

Avviso: Tutte le email sprovviste di questo materiale non saranno neanche prese in considerazione

Ricordo che la rubrica è stata ideata da Ornella di Peccati di Penna.
 
BACI LIBRI E QUALCHE CADAVERE 
MARIA LETIZIA MUSU

Genere
: Romance
Prezzo: € 13,52 (Ebook € 1,99)
Editore: ‎ Self Publishing
Pubblicazione: 12 Agosto 2021


Alessandra ha deciso di lasciare il suo ragazzo, il rapporto è entrato in un fase di stanca e lei crede sia arrivato il momento di prendersi una pausa. Mentre cerca su Google le frasi giuste per spezzargli il cuore, legge per caso nella pagina dei morti che è passato a miglior vita Pierugo Casti, il vecchio librario di Ossilo, paese dove lei ha trascorso molte estati della sua fanciullezza.
Decide così di partire per quel paesino di mille anime. Lì incontrerà dopo tanti anni il suo primo amore, ‘quello bello e selvaggio, dal sorriso irresistibile e l’aria da pirata dei sette mari’, convinta che il destino le stia regalando una chance con lui, ma non solo. C'é anche un uomo misterioso che si aggira per le vie del paesino e Alassandra non può far a meno di indagare per capire chi sia.
‘Baci, libri e qualche cadavere’ è una commedia romantica, dove nessuno è come sembra.

ESTRATTO
 
Vorrei Monica con me, perché situazioni come questa vanno condivise con l’amica del cuore e quando faccio finalmente il mio ingresso a Ossilo mi sento sola. Parcheggiata l’auto all’inizio del paese, provo una strana malinconia che non ha a che vedere col funerale ma al fatto di essere nuovamente in un luogo che per tante ragioni è stato importante. La prima sigaretta l’ho fumata qui, vomitando l’anima e lanciando al vento improperi. Il primo innamoramento l’ho avuto qui, e anche il primo  lavoro. Insomma, Ossilo rappresenta la mia prima volta per tante cose e forse è per questo che mi sento così triste.

Proseguendo a piedi, mi inoltro tra i vicoli deserti. Osservando le vecchie case, i portoni in legno scuro e lo sterco di animale, convengo che a Ossilo il tempo si è fermato perché ogni cosa è esattamente come l’ho lasciata. Incluso lo sterco. Spesso accadeva che il traffico si bloccasse per consentire l’attraversamento di un gregge e tutto era normale. In pratica nessuno protestava; tutti si fermavano, come ci si ferma davanti a un passaggio al livello, e aspettavano che  gli animali passassero. Dietro di loro rimaneva sempre un tappeto di minuscole palline di sterco che finivano schiacciate contro i pneumatici, ma nessuno se ne lamentava.

È presto per il funerale, così decido di farmi un giro e rivivere (attraverso le immagini e i profumi del luogo) le emozioni della mia preadolescenza. È come fare un salto indietro nel tempo e non è affatto difficile rammentare una me ragazzina che corre nelle stradine deserte e assolate nei pomeriggi d’agosto. Mi rivedo ferma davanti all’unica bottega di alimentari mentre sbircio la vetrina colma di dolci preziosi, per poi entrare e comprare delle fantastiche gomme da masticare avvolte nel disegno di un pirata-tatuaggio (che di lì a poco avrei trasferito sul mio braccio). Sì, ero una specie di maschiaccio all’epoca. Avevo i capelli cortissimi e ne combinavo di tutti i colori.

Proprio accanto alla bottega, viveva una signora vedova, senza figli, che trascorreva le sue giornate seduta su una seggiolina, proprio fuori dalla sua abitazione…
«E tu chi sei?» mi chiede la signora, seduta proprio nello stesso punto.
È solo invecchiata, ma non c’è alcun dubbio sia lei ed è armata di un nodoso bastone. Ha il tipico sguardo inquisitore di chi nota l’arrivo di una straniera e vuole conoscere nei minimi dettagli il suo albero genealogico. Perché nei piccoli paesi ci si conosce tutti e una faccia nuova è vista come sospetta. Poi, magari, sono capaci di invitarti a pranzo e a cena per una settimana, ma prima devi sottostare a un interrogatorio.
«Allora, chi sei?» incalza la vecchietta, brandendo il bastone.
Potrei dirle che non sono una straniera e che ho trascorso molte estati della mia infanzia qui, ma preferisco nominare qualcuno che la signora possa ricordare.

«Sono figlia di… zio Mario» rispondo e l’assurdità di essere figlia di mio zio, dipende dal fatto che mio padre era conosciuto da tutti come “zio Mario”.
Due minuscoli occhietti continuano a osservarmi dubbiosi: la vecchietta non è per niente convinta. Cerco di pensare velocemente a qualche particolare da aggiungere, ma il bastone che la vecchietta impugna mi rende nervosa.
«Sono venuta per il funerale del signor Casti.»
Non so se il merito è stato dell’aver nominato l’anziano librario, ma la vecchietta cambia espressione. Pronuncia alcune parole in dialetto di cui non comprendo il significato neanche alla lontana, ma che mi fanno intuire di aver fatto la mossa giusta. Bene, ho azzeccato la parola d’ordine e ora posso procedere in modalità indigena.

MARIA LETIZIA MUSU

Maria Letizia Musu è nata a Cagliari il 12 febbraio del 1966, attualmente risiede a Quartu Sant’Elena con la sua famiglia. Insegna da più di 25 anni Lettere in una scuola media della sua città.
Dopo alcuni anni di esperienza con una piccola CE, ormai da tempo si affida al self publishing.
Ha all’attivo 16 pubblicazioni, tra romanzi e racconti.
Romanzi.
Storici/Fantasy: Nemici (I Giorni dell’Odio, I Giorni della Vendetta, I Giorni della Giustizia, I Giorni della Tempesta); Burgos (I Quattro Regni, La Foresta Stregata, L’Ultima battaglia)
Humor: Non mettetemi fretta
Rosa/Humor/Giallo: Grazie Per la Bruttissima esperienza, Appuntamento al buio

Lavori brevi.
Narrativa:  Aspettando il Principe Azzurro (se non fosse per la calzamaglia aderente); Ci amiamo da morire (ma non è detto che sia una buona notizia); Prof, posso andare in bagno?; Prof, posso chiamare a casa?; Gigi Riva non si tocca; Dettagli rilevanti.

Allora che cosa ve ne sembra? Vi ho incuriosito? Se volete potete acquistarlo direttamente dal link sottostante.


         

Nessun commento

Powered by Blogger.