Fumettilandia

Cinegatto

RECENSIONE: IL BACIO. THE WINNER'S KISS DI MARIE RUTKOSKI

Hola readers,
finalmente è arrivato anche l'ultimo capito della serie della Rutkoski, The Winner's. Cosa accadrà a Arine e Krestel?



The Winner's Kiss
Il bacio
di Marie Rutkoski
 
                                                      
Genere: Distopico
Prezzo: € 14,90 (ebook 4,99)
Editore: Leggereditore
Uscita: 5 Dicembre 2019

La guerra è cominciata. Arin ne è al centro a fianco a nuovi alleati dei quali non si può fidare per combattere contro l'impero. Anche se si è convinto di non amare più Kestrel, Arin non l'ha dimenticata, come non ha dimenticato chi è diventata: il tipo di persona che ha sempre disprezzato. Ha tenuto più all'impero che alla vita di persone innocenti, e certamente più che a lui. O almeno, questo è quello che crede. Nel gelido Nord, intanto, Kestrel è prigioniera in un brutale campo di lavoro. E mentre cerca disperatamente un modo per scappare, vorrebbe che Arin sapesse quello che ha sacrificato per lui. Vorrebbe farla pagare all'impero per quello che le è stato fatto. Ma nessuno ottiene quello che vuole solo desiderandolo. Mentre la guerra si fa più intesa, entrambi scoprono che il loro mondo sta cambiando in modo irreversibile. L'est è in guerra con l'ovest e loro sono nel mezzo. Con così tanto da perdere, chi può vincere davvero?
RECENSIONE

Il secondo volume lasciatemelo dire si era concluso con un vero inno al Mai un Gioa. Non che questo ultimo volume sia iniziato nel modo migliore ma finalmente, la Marie Rutkoski, ci ha permesso di vedere la luce.

La guerra è cominciata e Arin, sempre più convinto di non provare più niente per Krestel, ha deciso di combattere contro l'impero e quindi contro di lei che a quanto pare, è diventata proprio il prototipo di persona che ha sempre disprezzato.
Ma Krestel è una persona astuta, intelligente, arguta... sa bene per chi e per cosa sta combattendo e forse prima o poi, Arin riuscirà a perdonarla.

"Ci ha cambiati entrambi." Sembro lottare con le parole giuste. "Penso a te, a tutto quello che hai perso, a chi eri, a quello che sei stato costretto a essere, e che avresti potuto essere e io... Io sono diventata questa persona, incapace di..." Chiuse la bocca. "Krestrel," disse lui piano "io sono innamorato di questa persona." Ma la sua bocca sottile si strinse. Il suo viso brillò di nuovo di paura.
Come sapete non amo gli spoiler quindi mi fermerò qui, e non approfondirò la trama perchè se non avete letto i precedenti volumi vi rovinerete solo la bellezza di questa magnifica trilogia.
Si può infatti non amare un romanzo del genere? Una storia coinvolgente, esilarante per alcuni tratti brutale per altri romantica.
La scrittura di Mary Rutkoski è così ricca, accattivante, istigatrice e piena di emozioni e anche se a volte sono inespresse, sono così potenti e cariche di pathos che riescono immancabilmente a scatenare nel lettore, tante di quelle sensazioni che ne uscirete travolti. L'amore tra Arin e Kestrel è praticamente impercettibile ma l'autrice lo descrive così bene che praticamente ne respiriamo l'essenza.


Attraverso questa serie ho avuto modo di conoscere la penna strabiliante della Rutkoski in cui, con entusiasmo, ho potuto constatare che il suo punto forte è sicuramente l'imprevedibilità, da un momento all'altro infatti, il lettore si può aspettare di tutto.
Nonostante io preferisca di gran lunga i Pov narrativi poi, l'autrice è riuscita anche a farmi apprezzare la narrazione in terza persona, trasmettendomi spesso più di quanto fosse stato scritto.

The Winner's Crime è sicuramente una trilogia che merita di essere letta, non solo per il filone romantico, bello, intenso, struggente e doloroso, ma soprattutto per la bravura dell'autrice che è riuscita a tenere con il fiato sospeso i suoi lettori fino alla conclusione di questa serie.

Perchè leggere The Winner's Crime? Perchè i colpi di scena, i complotti e le vendette, costruiti alla perfezione con degli accurati piani strategici, ci accompagneranno fino all'ultima pagina del libro.



2 commenti

Powered by Blogger.