Fumettilandia

Cinegatto

CINEGATTO: A UN METRO DA TE

Hola readers,
eccoci qui con un'altra bellissima prima visione che la nostra cara Ilenia ha visto per noi, A un metro da te, dal 21 Marzo in tutte le sale cinematografiche.


Scheda Film

A un metro da te è un film di genere drammatico, sentimentale del 2019, diretto da Justin Baldoni, con Cole Sprouse e Haley Lu Richardson. Uscita al cinema il 21 marzo 2019. Durata 117 minuti. Distribuito da Notorious Pictures.

A un metro da te, il film di Justin Baldoni, racconta di un amore romantico e drammatico, ostacolato da una malattia che tiene i due protagonisti lontani, privati di qualsiasi contatto fisico che possa minacciare la cura sperimentale che stanno seguendo.
Protagonisti del film sono i giovani Stella (Haley Lu Richardson) e Will (Cole Sprouse). Hanno diciassette anni, si conoscono nell'ospedale dove sono entrambi ricoverati ed è amore a prima vista. La malattia li costringe a restare sempre a una distanza di sicurezza di un metro e mezzo, per non rischiare di trasmettersi tra loro batteri che potrebbero essere letali, e questo rende tutto molto complicato.
Attraverso gli sguardi, i sorrisi e un amore profondo e totale come solo quello di due adolescenti può essere, i due riusciranno a farsi forza e ad avvicinarsi emotivamente l'uno all'altro infondendosi coraggio a vicenda in questo lungo percorso e trovando finalmente qualcosa che gli dia la spinta giusta per voler guarire e tornare a vivere.
I due giovani impareranno presto che ci sono infinite possibilità di stare insieme e scopriranno di avere una forza dentro capace di travalicare la distanza.
RECENSIONE


A un metro da te” di Justin Baldoni, è un film di genere drammatico e sentimentale che pone l’attenzione su un amore ostacolato da una malattia, la fibrosi cistica.
I due giovani ragazzi, Stella e Will, si incontrano nell’ospedale dove entrambi sono ricoverati. Si conoscono, si innamorano ma la malattia è per loro un ostacolo insormontabile: è infatti negato ai pazienti malati di fibrosi cistica il contatto reciproco, essi devono stare come minimo a due metri di distanza gli uni dagli altri.

Stella è un personaggio positivo, combattente e determinata, mentre Will al contrario è deciso solo a raggiungere la maggiore età per avere il pieno controllo della sua vita e fuggire da quelle lunghe ed esasperanti terapie. I due giovani si compensano alla perfezione è sarà propro il loro amore a permettergli di oltrepassare la malattia che li tiene così lontani.

Le persone con la fibrosi cistica, malattia genetica grave, colpisce principalmente l'apparato respiratorio e digerente, entrambi infatti vengono ostruiti da un muco denso. Ad oggi le cure sono rivolte ai sintomi e alla prevenzione delle complicanze, per cui non esiste una cura risolutiva e la durata e la qualità di vita dei pazienti possono variare molto da persona a persona.


Appare già ovvia e scontata la trama del film ma in realtà i due giovani attori mettono in risalto aspetti di vita quotidiani che noi ogni giorno diamo per scontato: abbracciare il migliore amico, dare la mano alla persona amata o baciarla sulle labbra o semplicemente sulla guancia. Tutte azioni che i malati di fibrosi cistica non possono permettersi. Ed è qui che la giovane protagonista fa riflettere il pubblico: “Abbiamo bisogno di quel contatto con la persona che amiamo come abbiamo bisogno di respirare, non l'ho capito fino a quando non ho più potuto averlo.

Ora chiudiamo gli occhi e soffermiamoci a pensare ad un momento della nostra vita in cui ci siamo trovati davanti ad una persona cara che ha avuto bisogno di essere confortata... cosa accade quando non si trovano le parole? Si sa che a volte un abbraccio è più utile di mille parole...  Fermatevi nuovamente e pensate...questa persona non la potete nemmeno sfiorare con un dito... è incredibile quanto siamo fortunati, non è vero?


Un film toccante, travolgente e purtroppo anche molto realistico, dovrebbe far riflettere tutti gli spettatori!

Voto



6 commenti

  1. Ciao! Credo che questo film mi piacerebbe, anche se per certi versi mi ricorda un po' Colpa delle stelle!

    RispondiElimina
  2. Non al cinema, ma lo vedrò sicuramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si anche io mi sono incuriosita ma sicuramente lo aspetterò su Sky ;-)

      Elimina
  3. Ciao :) anche io vorrei vederlo, ho fiducia in Justin Baldoni! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diamogli fiducia allora dai che a quanto mi hanno riferito è stato bravissimo...

      Elimina

Powered by Blogger.