RECENSIONE AUTORI EMERGENTI: NICO DI MARZIA PEZ

Buongiorno Gattolettori,
eccoci qui con un altro appuntamento con la nostra Simon che oggi ci parlerà di un piccolo libricino ma che in realtà nasconde tanta grandezza... Nico di Marzia Pez.

Nico
di Marzia Pez


Genere: Narrativa
Editore: Self Publishing
Pagine: 100

In un luogo senza tempo e senza nome, un giorno di pioggia, due ragazzi si incontrano. Diversi in tutto, diventano amici. Iniziano a frequentarsi quotidianamente condividendo la propria vita con spontaneità. Crescono e diventano uomini, due giovani adulti che, per diverse circostanze,  si perderanno per seguire ognuno la propria strada. Il destino li farà rincontrare e, quel giorno, il senso della loro esistenza cambierà per sempre.

RECENSIONE

Non ricordo che giorno fosse. Nè dell'ora ricordo le cifre. Pioveva. Ricordo che pioveva
Due ragazzi che si incontreranno sotto la pioggia. E sotto la pioggia si lasceranno.
Chissà quante volte vi sarete chiesti: "ma che strano, come è facile raccontare di se, della propria vita, delle cose più nascoste di se stessi ad uno sconosciuto". Quante volte è capitato?
Ed è proprio così che nasce la grande amicizia tra questi due ragazzi... due individui che avranno l'opportunità di scoprire dell'uno e dell'altro, lati inesplorati e straordinari.

Uno più pratico, razionale, fin troppo prudente, l'altro più aereo, filosofo, conturbante, alla ricerca del vero amore, l'unico... il primo... il solo.
Ed ha un modo particolare di ricerca... dà un bacio ad ogni donna conosciuta, perchè solo con un bacio si può toccare l'anima di una persona. 

... Io, amico, sono uno che rinuncerebbe all'anima pur di trovare la donna giusta ed ogni volta che con quel solo ed unico bacio, scopro che non si tratta di lei, muoio...
Narrato in prima persona, il protagonista descrive questo suo ritrovato amico, come un individuo che affascina tutti, uomini, donne con un suo modo di fare così particolare, col suo sorriso, con il suo carisma.
Un individuo capace di vedere le cose da altri punti di vista, non comuni, di trovare altre vie di comprensione, di lettura del mondo, delle persone, senza giudizi e pregiudizi, liberi di osare.
Ecco: il pensiero libero. Sarà spronato infatti sempre dal suo amico filosofo, a scegliere la via giusta da seguire affinchè la sua vita sia migliore.

...Nasciamo in un modo e poi diventiamo esattamente quel che non vorremmo essere. Nel peggiore dei casi, siamo addirittura costretti a vivere in modo completamente diverso dalla nostra natura ed in continuo conflitto con noi stessi..!
La sua paura li farà allontanare e solo nel finale riusciranno a ritrovarsi e a sorprendere il lettore.
Un racconto profondo, intenso, che attraversa l'anima, una storia di una mancata occasione, di inquietudini, turbamenti in un'età difficile, piena di dubbi. 
La storia di questo libro mi ha preso così tanto che alla fine mi sono scordata di tutto quello che avevo intorno. Con grande maestria l'autrice è riuscita ad innescare un meccanisco che lascia appesi... in attesa.

E' stato come entrare in una bolla d'aria. Sentivo nel leggerlo un'atmosfera ovattata sospesa. Guai a pensare che un piccolo libro abbia poche cose da dire! Questo è talmente pregno di emozioni, situazioni, conflitti... che mi ha stupito!
Così concentrato, intenso, con una poetica così inusuale e profonda.
Non fatevi scappare questo libro, merita veramente di essere letto, gran libro!



Nessun commento

Powered by Blogger.