Fumettilandia

Cinegatto

GRAPHIC NOVEL: NOI, I SELK'NAM DI CARLOS REYES E RODRIGO ELGUETA

Buongiorno readers,
oggi è con grande piacere che sono qui a parlarvi di un popolo che fino ad oggi, non ne conoscevo neanche l'esistenza. Siete curiosi?


Noi, i Selk'nam
Storia di una resistenza
di Carlos Reyes e Rodrigo Elgueta
                                                    

Genere:
Graphic novel
Prezzo: € 20,00
Editore: EdicoLa
Uscita: 12 ottobre 2022

Un popolo che si credeva estinto. Il fascino di una terra alla fine del mondo. La storia di un grande inganno. Cacciatori e raccoglitori nomadi, custodi di una ritualità ricca e suggestiva che affonda le radici in un'antica società matriarcale, i Selk'nam si insediarono nella Terra del Fuoco, all'estremo sud del continente americano, più di 10.000 anni fa e lì vissero, circondati da una natura inospitale, fino a quando la fame di oro e terreni incolti, la smania di evangelizzazione e la crudeltà dei conquistatori non diedero vita a un tremendo genocidio. Strappati alle loro terre, rinchiusi nelle missioni, uccisi o messi in mostra come animali nelle gabbie degli zoo europei, i Selk'nam pagarono un tributo altissimo alla colonizzazione. Cosa rimane oggi di questo popolo leggendario? Come può il suo tragico passato illuminare il futuro della convivenza tra i popoli? Intrecciando la ricostruzione storica con le testimonianze di artisti e studiosi contemporanei che hanno contribuito a far conoscere il destino dei Selk'nam, la graphic novel di Carlos Reyes e Rodrigo Elgueta è un affascinante viaggio alla scoperta delle origini, della mitologia e della cosmovisione di una popolazione che si credeva estinta e che invece oggi rivendica la propria esistenza e lotta per essere riconosciuta, nel tentativo – sempre più urgente per tutti – di riscrivere la versione ufficiale della storia.
RECENSIONE

 

Come sapete sono una vera e propria appassionata di graphic novel e fumetti quindi non mi faccio scappare mai niente soprattutto se si tratta di qualcosa di nuovo. La graphic novel che vi voglio presentare oggi è tratta da una storia vera.
In questo intrigante volume infatti conosceremo più da vicino il misterioso popolo Selk'nam una popolazione che si credeva istinta ma che grazie a questo libro, si è cercato di ricomporre il puzzle di questa assurda sparizione.

 

Così attraverso a queste splendide tavole, affronteremo un bellissimo viaggio alla scoperta delle origini di questa popolazione che tutti credevano estinta ma che in realtà, ancora oggi, qualcuno ne rivendica l'appartenenza.
Come indicato da Wikipedia, I Selk'nam arrivarono in Argentina già 10.000 anni fa, alla fine dell'ultima era glaciale. Appartenevano probabilmente ad una seconda ondata migratoria, sviluppatasi a oriente della catena andina, ed è possibile che fossero imparentati con i Tehuelches della Patagonia e i Guaicurù del Chaco con cui avevano in comune i tipi di maschera e i riti di iniziazione. Ma si ipotizza pure che tutte e tre le popolazioni indigene abitanti la Terra del Fuoco, discendessero da tribù asiatiche, le quali, attraversato lo Stretto di Bering, erano migrate fino all'altro estremo del globo.

 

Purtroppo a causa dei così detti "popoli sviluppati", i Selk'nam sono stati privati delle loro terre, delle loro abitazioni, fino a spingerli ad un grandissimo genocidio di massa. Come molti Indios e Africani, questo popolo non è stato assolutamente rispettato ma anzi, è stato messo in mostra come animali in gabbia. 


La narrazione di questa Graphic Novel mi è piaciuta molto anche se a tratti l'ho trovata un po' troppo prolissa, come ben sapete non sono un'amante delle tavole strapiene di narrazione ma devo dire che, la narrazione mi ha convinta pienamente mentre le illustrazioni, mi hanno lasciato un po' con il punto interrogativo. Le tavole dedicate ai Selk'nam infatti le ho trovate veramente molto belle, curate e d'impatto mentre per quanto riguarda tutto il resto, i disegni, prevalentemente dark, non mi hanno fatto impazzire molto, tanto che, spesso, ho avuto difficoltà a capire la scena.


In conclusione mi sento di dire che se non fosse stata per la parte narrativa, molto accattivante, precisa, curiosa, andrenalinica e coinvolgente, non so se avrei continuato la lettura del fumetto... non me ne voglia l'illustratore ma sono state troppe le tavole che ho trovato confusionarie e poco chiare.
Comunque ciò non toglie che è stato fatto un lavoro speciale e sarebbe bello poter vedere questo prodotto "storico" tra i banchi di scuola.


Nessun commento

Powered by Blogger.