Fumettilandia

Cinegatto

PROGETTO INFANZIA: NONOSTANTE TUTTO. CANZONE D'AMORE PER GIOVANNI FALCONE E FRANCESCA MORVILLO DI GIACOMO PILATI E ANNA SARA BENECINO

Buongiorno Gattolettori,
l'albo di cui parliamo oggi ci riporta ad uno dei momenti più bui e dolorosi della storia della nostra Repubblica.
Gli anni delle stragi di mafia, che hanno segnato indelebilmente la nostra memoria collettiva e che siamo chiamati a ricordare per far sì che ciò che è stato - e che non sarebbe mai dovuto essere - non cada nell'oblìo.

 


Nonostante tutto
Canzone d'amore per Giovanni Falcone e Francesca Morvillo
di Giacomo Pilati - Anna Sara Benecino

 

Editore:
Buk Buk
Prezzo: € 16,00
Uscita: 10 maggio 2022
Link d'acquisto: QUI

La poesia può tutto. Nonostante il flusso degli eventi, nonostante l’accelerazione dei fatti che portano a una tragica fine, la poesia può risalire al prima, al momento in cui l’omicidio non è ancora avvenuto, e ha il potere di cristallizzare con le parole un attimo che rischia di andare perduto. Perché quando il dramma segna la fine di un’esistenza, non vogliamo che solo quello sia il carico della nostra memoria. Nonostante tutto.
RecensionE
 
Una stagione che ha lasciato dietro di sé una lunga scia di sangue e morte, di sedie vuote e ferite mai rimarginate. 
 

Con una sedia vuota ci accoglie la copertina di “Nonostante tutto – canzone d’amore per Giovanni Falcone e Francesca Morvillo”, il toccante monologo scritto quattro anni fa da Giacomo Pilati e riproposto da Buk Buk nella collana Albi d'autore nel trentennale della strage di Capaci, in cui persero la vita, oltre a Francesca Morvillo e Giovanni Falcone, gli uomini della scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani.

Lo scrittore trapanese ripercorre idealmente le riflessioni di Francesca Morvillo, e questa volta le mette su carta in una versione impreziosita dalle illustrazioni di Sara Bencino che, con un tratto realistico e deciso, ci restituisce uno spaccato della vita dei due magistrati palermitani.

La storia si dipana su due binari: da un lato quelli che potrebbero essere gli ultimi pensieri della giudice, in quello spazio sospeso tra la vita e la morte dopo l'esplosione prima del decesso in ospedale; dall'altro, il racconto, rigorosamente al presente, di una donna che vorrebbe vivere in maniera normale, nonostante tutto. Nonostante abbia scelto di stare accanto ad un uomo privato della libertà ancor prima che della vita.
Io e Giovanni veramente soli mai siamo stati. La mafia ci ha condannato in questo modo: ci ha tolto l'intimità.
Le parole, lievi come una poesia, a tratti risuonano come un cazzotto nello stomaco; un j'accuse contro uno stato che non è stato in grado (o non ha voluto?) proteggere i suoi servitori.
La scorta non ci molla nemmeno un momento, mentre gli altri che devono proteggerlo si girano apposta dall'altra parte. Fanno finta di non vederlo.

 

Nonostante tutto - canzone d'amore per Giovanni Falcone e Francesca Morvillo una poesia per ricordare, nonostante tutto, che la mafia ha tolto loro l'intimità, la vita, ma non cancellerà mai il loro ricordo.

Nessun commento

Powered by Blogger.