Fumettilandia

Cinegatto

RECENSIONI A CONFRONTO: LA CITTA' DI VAPORE DI CARLOS RUIZ ZAFON

Buongiorno readers,
oggi sono qui per presentarvi il primo appuntamento della Challenge creata da me e Sabrina del blog Reading at Tiffany's, Recensioni a confronto.
Abbiamo deciso di iniziare questo mese con una graphic novel.
Se volete seguirci nei prossimi appuntamenti e leggere con noi, sotto troverete il
calendario con le letture.

 

 


La città di vapore
di Carlos Ruiz Zafon
                                                    

«Posso evocare i volti dei bambini del quartiere della Ribera con cui a volte giocavo o facevo a botte per strada, ma non ce n'è nessuno che desideri riscattare dal paese dell'indifferenza. Nessuno tranne quello di Blanca.» Si apre così la raccolta di racconti che lo scrittore dell'indimenticabile saga del Cimitero dei libri dimenticati ha voluto la-sciare ai suoi lettori. Un ragazzino decide di diventare scrittore quando scopre che i suoi racconti richiamano l'attenzione della ricca bambina che gli ha rubato il cuore. Un architetto fugge da Costantinopoli con gli schizzi di un progetto per una biblioteca inespugnabile. Un uomo misterioso vuole convincere Cervantes a scrivere il libro che non è mai esistito. E Gaudí, navigando verso un misterioso appuntamento a New York, si diletta con luce e vapore, la materia di cui dovrebbero essere fatte le città. La città di vapore è una vera e propria estensione dell'universo narrativo della saga di Zafón amata in tutto il mondo: pagine che raccontano la costruzione della mitica biblioteca, che svelano aspetti sconosciuti di alcuni dei suoi celebri personaggi e che rievocano da vicino i paesaggi e le atmosfere così care ai lettori. Scrittori maledetti, architetti visionari, edifici fantasmagorici e una Barcellona avvolta nel mistero popolano queste pagine con una plasticità descrittiva irresistibile e la consueta maestria nei dialoghi. Per la prima volta pubblicati in Italia, i racconti della Città di vapore ci conducono in un luogo in cui, come per magia, riascoltiamo per l'ultima volta la voce inconfondibile dello scrittore che ci ha fatto sognare come nessun altro.

RECENSIONE SONIa
 
Ho iniziato questa lettura con un misto di felicità e malinconia... felicità perché amo Zafon, ho infatti divorato tutti i suoi libri, malinconia, perché purtroppo sapevo che questo sarebbe stato l'ultimo suo libro. Con un po' di tristezza e commozione quindi mi sono appresta a leggere La città di vapore e che dire... la scrittura di Zafon come sempre è così intrigante, potente e magica che a parer mio, è riuscito a congedarsi con onore da tutti i suoi lettori. 
 
Sicuramente La città di vapore non è un romanzo come gli altri, non si tratta infatti di un'unica storia ma di tanti piccoli racconti in cui i personaggi, in qualche modo, si ricollegano tutti alla serie il  "Cimitero dei Libri Dimenticati". In queste pagine poi ho ritrovato la splendida Barcellona avvolta dal solito mistero e dai suoi grandi segreti ma soprattutto l'enigmatico  Labirinto dei libri.
Undici racconti che sapranno coinvolgere e intrattenere anche chi non ha mai letto un libro di Zafon.
 
Quella di Zafon poi è una scrittura scorrevole che ti permette di assaporare ogni parola, è sempre attento a qualsiasi particolare e forse proprio a causa di questa sua meticolosità che il romanzo può dare l'impressione inzialmente di procedere un po' a rilento.
Anche l'ambientazione del libro è molto particolare e diciamocelo, pure abbastanza inusuale, leggendo infatti vi accorgerete che non si parla mai di una Barcellona "caliente" e solare come noi tutti la conosciamo, ma di una Barcellona fredda, cupa e avvolta dalla nebbia, proprio a mettere in evidenzia questo lato così misterioso e oscuro di ogni racconto.
 
In conclusione posso senz'altro dirvi che Zafon è uno scrittore che si fa amare, è difficile infatti sentire dire "non mi piacciono i libri di Zafon...".
I suoi romanzi hanno tutto quello che, un lettore esigente, cerca... le sue storie infatti sono misteriose, affascinanti, romantiche e a volte anche paurose. Un mix perfetto quindi per prendere tra le mani tutti i libri di questo grandissimo scrittore.
 
 
RECENSIONE SABRINA

 
L'ultima volta che ho letto un libro di Zafon è stato davvero tanto tempo fa e mi ha fatto piacere vedere uno dei sui libri scelto per questa challenge. 

Il libro è una raccolta di racconti slegati tra di loro ma con personaggi o situazioni che possono essere familiari per chi ha letto altri libri dell'autore. Ognuno di questi racconti è una storia a se stante che lascia però la curiosità di volerne leggere ancora, un libro che diciamo potrebbe definirsi sia un tributo a un autore che purtroppo ci ha lasciato troppo presto, sia una spinta a leggere i romanzi completi che ha scritto per la Trilogia della Nebbia. Quello che mi ha colpito tra tutti, proprio il primo, una storia di bambini e la speranza di una vita libera, diversa ma soprattutto piena d'amore, che purtroppo non sempre arriva.

Appena ho iniziato a leggere questo libro, l'ho riconosciuto subito, quello stile, quelle storie che mi avevano tanto colpito in passato mi sono tornate subito alla mente, ho ritrovato la Barcellona tanto cara all'autore che fa da sfondo con paesaggi nebbiosi e misteriosi, un messaggio nascosto tra le varie vicende, che poi alla fine è quello che lascia la vera impronta nel lettore, e ho ritrovato una scrittura che è un piacere seguire, scorre leggera senza mai pesare.

Un libro che consiglio di leggere solo dopo aver imparato ad apprezzare Zafon attraverso i suoi libri principali, questo da solo è come l'assaggio di un'esperienza di lettura che potrebbe essere più soddisfacente e completa. Mi ha lasciato la voglia di fare una rilettura e completare la trilogia che non ho ancora completato e mi ha ricordato un autore che ci ha lasciato delle storie davvero coinvolgenti e ricche di sentimento che sanno entrare nel pronfondo dell'animo.
 
 
29 Luglio - Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali (Graphic Novel)
31 Agosto - Miss Austen 
30 Settembre - Città di spettri
28 Ottobre - Le ragazze non hanno paura
30 Novembre - Il pericolo senza nome
28 Dicembre - L'Amore bugiardo

Nessun commento

Powered by Blogger.