Fumettilandia

Cinegatto

PROGETTO INFANZIA: QUALCOSA CHE C'ENTRA CON LA FELICITA' DI CRISTINA PETIT

Buongiorno miei piccoli lettori,
a volte ci troviamo vere e proprie opere d'arte tra le mani e, se non siamo intenditori, lo scopriamo solo alla fine...
È quello che accade sfogliando Qualcosa che c'entra con la felicità, edito da Pulce edizioni e scritto da Cristina Petit, che prende in prestito alcune opere di Samuel Jessurun de Mesquita, facendone il canovaccio della sua storia.

 


Qualcosa che c'entra con la felicità
di Cristina Petit - Samuel Jessurun de Mesquita
 


Genere:
Libri per bambini
Editore:
Pulci Volanti
Prezzo
: € 19,90
Uscita:
26 gennaio 2022
 

Hans va tutti i giorni al giardino zoologico a trovare i suoi amici. è un bambino che entra naturalmente in empatia con quello che lo circonda e se ne occupa amorevolmente compresi i due colombi che vivono sul suo tetto e che stanno per diventare genitori. Un inno a chi è sensibile e fragile e si prende cura di tutto quello che ha intorno. Illustrazioni potenti e dirette che entrano negli occhi e nel cuore con una forza reale, intensa e vera firmate dal maestro di Escher, morto ad Auschwitz nel 1945. Un testo che risuona con qualcosa di profondo che fa parte della storia dell’umanità. e del suo progresso. Età di lettura: da 5 anni.

RecensionE
 

Una storia profonda che viene fuori con grande naturalezza, come scrive la stessa autrice nell'accurata postfazione: "Come in un mazzo di carte incantato le sue immagini si distribuivano da sole in sequenza e io di fianco mi sono ritrovata a mettere in fila delle parole" .


A legare la scrittrice al pittore olandese, ebreo sefardita di origine portoghese, è un sottile filo: la data del 10 febbraio, giorno in cui si sarebbe spento ad Auschwitz 30 anni prima della sua nascita; l'intento di questo libro è anche quello di portare alla ribalta un artista finito troppo presto nel dimenticatoio aiutando Escher, "allievo devoto e riconoscente, a ricordare al mondo la storia di Sampie, la sua arte e la sua fine."

Le tavole racchiuse nell'albo annoverano essenzialmente autoritratti e animali, ma anche pattern dai motivi geometrici; tutte le illustrazioni, dalle linee essenziali ed eleganti, sono in bianco e nero.


La storia, ambientata nel secolo scorso, ha come protagonista Hans, bambino sensibile e riflessivo, che vede quello che gli altri non vedono: l'enorme discordanza tra progresso e felicità. Una felicità identificata soprattutto con la libertà; quella libertà che può venire a mancare quando ci curiamo troppo delle cose futili, materiali, e troppo poco di quelle importanti, spirituali.


La libertà, ad esempio, che manca agli animali del giardino zoologico della sua città: costretti dietro le sbarre, lontani migliaia di chilometri dai propri habitat naturali.
Hans cerca negli adulti delle risposte alla domanda su cosa sia il progresso; le risposte che riceve non sono soddisfacenti, o meglio non è soddisfacente l'idea che gli adulti hanno del progresso (e della felicità): è per questo che decide che, da grande, farà qualcosa che c'entra con la felicità- quella vera- e con il progresso.

 


Anche Cristina Petit fa qualcosa che c'entra con la felicità quando sceglie di restituire dignità ad una storia come quella di de Mesquita e dar voce ad Hans, alle sue fragilità e al suo amore per le cose semplici.


Un progetto grafico molto curato e interessante. Ho trovato apprezzabile la scelta di spezzare la monotonia delle illustrazioni bicromatiche con note di colore- come ci anticipa la copertina- presenti nel testo, che all'occorrenza vede aumentare o ridurre la dimensione del carattere.  Avrei invece preferito godere delle opere appieno, magari utilizzando un formato leggermente più grande, per averle su un'unica pagina.

Nessun commento

Powered by Blogger.