Fumettilandia

Cinegatto

STORIE SENZA TEMPO: IL RE LEONE

Buon pomeriggio readers,
eccoci qui con un nuovo appuntamento dedicato alla rubrica gestita da me e da Annalisa che ci vedrà mettere a confronto un libro e la sua trasposizione Disneyana. Chi la spunterà? Io con il libro o lei con i film Disney?

 

Il Re Leone
IL RE LEONE

Differenze tra libri e mondo Disney

Annalisa:  Fermi tutti! Qui si parla di un CAPOLAVORO. La Disney ha probabilmente raggiunto il suo livello più alto con questo classico d'animazione, e lo fa toccando dei punti fondamentali come la vita e il suo percorso, la rinascita, il rispetto di ogni creatura vivente. I protagonisti sono sempre e solo gli animali, non c'è in questo cartone nessun essere umano (finalmente). Il regno animale è per molti aspetti simile al nostro, come insegna Il Re Leone mostrando le sue gerarchie, violenze e inganni, ma anche la gioia di vivere per le piccole cose. 
 
Sonia: Tatatatataaaaa diciamo che questa volta la sfida la vinci tu a mani basse, uno perché come hai detto Il Re Leone della Disney è un vero capolavoro, due perché in questo caso non esiste un libro su Il Re Leone da cui è stato elaborato il film d'animazione, la Disney infatti ha solo preso spunto dall'opera teatrale di William Shakespeare, Amleto. Il re leone fu quindi il primo Classico Disney ad essere una storia originale, piuttosto che essere basato su un lavoro già esistente che reinterpretare un mito o una fiaba popolare.
 

Simba

Annalisa: Non sono mai stata grande fan di Simba, perché il mio preferito è da sempre Mufasa! Da piccola non potevo che detestare la testardaggine del leoncino, la spavalderia e ingenuità che lo portano ad essere responsabile per la morte del padre. Sì, è stato raggirato da Scar, ma quante volte è stato avvertito da Mufasa di non spingersi oltre determinati confini? Mmmh, caro Simba, mi dispiace ma non ti ho ancora perdonato. Sono contenta però il personaggio sia cresciuto nell'arco della storia, mostrando alla fine un degno Re della Savana! 
 
Sonia: Simba il leoncino che perde precocemente la figura paterna, può essere tranquillamente paragonata a quella di Amleto. Le vite di entrambi i personaggi infatti sono profondamente plasmate dalla morte del proprio padre.
 
 
Mufasa

Annalisa: Adoro. Il padre e il sovrano perfetto, lo voterei alle elezioni! Le scene più toccanti del film sono proprio con lui, sia da vivo che da "voce" (la fantastica voce di Luca Ward, tra l'altro). La guida di Simba e del suo branco, un capo che ha paura, ma che è assolutamente consapevole del suo ruolo. Un saggio che sa guardare alle stelle e ascoltare ai Re del passato per trarre consiglio. We love you <3
 
Sonia: Diciamo che la figura paterna ha un sua importanza anche dopo la morte... Il padre di Simba, Mufasa, fa infatti visita al leoncino per ricordargli il suo diritto di nascita e per dirgli di diventare il sovrano che avrebbe dovuto essere. Stessa cosa in Amleto, il padre appare al figlio sotto forma di fantasma.
“Simba, lascia che ti dica una cosa che mio padre disse a me. Guarda le stelle. I grandi Re del passato ci guardano da quelle stelle. Perciò quando ti senti solo ricordati che quei re saranno sempre lì per guidarti. E ci sarò anche io”.

Scar
 
Annalisa: L'ho sempre paragonato a Jafar, non so perché. Scar è il classico cattivo, invidioso, bramoso di potere, eterno secondo davanti al fratello più bello, più forte, più bravo. Vive nel buio, circondato dalle Iene, cospira contro il fratello e fa di tutto per impossessarsi del regno; anche se, come viene dimostrato dopo pochissimo, non ha la stoffa per comandare: le prede sono state quasi tutte mangiate e le altre sono fuggite via, in poco tempo ha condannato l'esistenza del suo branco per questa smania di avere tutto e subito, senza pensare alle conseguenze.
 
Sonia: Questi zii così cattivi... ebbene si Scar ha provocato la morte del nostro adorabile Mufasa per succedergli sul trono e in Amleto avviene la stessa cosa, lo zio del principe, Claudio, uccide suo fratello in modo che possa  diventare lui il re.


Timon e Pumbaa

Annalisa: le parole di Hakuna Matata riecheggiano nelle nostre teste ogni volta che siamo stressati e vogliamo imporci di stare calmi. Funzionano. Timon e Pumbaa mostrano un altro lato della vita, quello da prendere come viene, senza preoccuparsi del domani. Un concetto molto diverso da quello di Scar, perché non prevede un'esagerazione, un'abbondanza non necessaria. Tutto ciò che serve ai due amici è il necessario. Per il resto, la bellezza risiede nella vita, nel paesaggio e in ciò che ha da offrire e che è possibile prendere senza esagerare. 
 
Sonia: Queste figure a me tanto care ovviamente non hanno un termine di paragone nell'Amleto.
 

Nala e Leonesse

Annalisa: la forza del branco, le leonesse che dimostrano tutto il loro coraggio sotto il dominio di Scar e nella lotta al fianco di Simba nell'epilogo. Nala non si è mai arresa, ha sempre creduto che Simba fosse ancora in vita; l'ha cercato, trovato e riportato a casa. Con il supporto di tutte le leonesse, Simba ritrova il suo posto nel mondo. 
 
Sonia: Anche qui non possiamo fare un raffronto con l'opera di Shakspeare.


Rafiki

Annalisa: il vecchio saggio, istituzione di ogni villaggio, figura fondamentale, sciamano che legge il futuro ed è in contatto con il passato. Un personaggio affascinantissimo e rappresentativo del cartone animato, il meno loquace eppure colui che insegna più di tutti. 

                                 Differenze

Annalisa: Ho visto tre versioni de Il Re Leone, e le ho trovate tutte meravigliose. La prima è il cartone animato del 1994, unico e solo; la seconda è il musical di Broadway, fedelissimo alla trama, con attori straordinari, scenografie e canzoni che lasciano a bocca aperta e rimangono nel cuore per sempre; la terza e più recente è il live action Disney, che ho molto apprezzato nella visione in Imax al cinema. Dunque, Il Re Leone è speciale in ogni salsa.

Sonia:  In conclusione posso solo che affermare quello che sia io che Annalisa abbiamo detto: Il Re Leone è un Capolavoro e in qualunque versione ci venga presentata, noi continueremo ad amarlo

 

Vi ricordiamo i prossimi appuntamenti:

Maggio - Biancaneve e i sette nani - 16/5/22
Giugno - Bambi - 20/6/22
Luglio - Aladino - 18/7/22
Agosto - La bella addormentata nel bosco - 19/8/22
Settembre - I cento e un dalmata (La carica dei 101) - 19/9/22
Ottobre - Robin Hood - 17/19/22
Novembre - Il libro della giungla - 21/11/22
Dicembre - Il canto di Natale - 23/12/22

Nessun commento

Powered by Blogger.