Fumettilandia

Cinegatto

RECENSIONE: LE RELIGIONI SPIEGATE AI BAMBINI DI AMALIA D'ANNA E MARTINA ROTONDO

Buon pomeriggio Gattolettori,
ecco un bellissimo libro che insegnerà sia ai grandi che ai più piccoli che non importa se si venera un Dio diverso, l'importante è comportarsi bene con tutti.


Le religioni spiegate ai bambini
di Amalia D'Anna e Martina Rotondo
                                                      

Genere: Narrativa x ragazzi
Editore: Becco Giallo
Prezzo: € 14,00 
Pagine: 48
Uscita: 18 novembre 2021

 

Quando la mamma è costretta a partire per lavoro, Alice si ritrova con ben cinque babysitter! Gli altri inquilini del condominio, infatti, si offrono di ospitarla a turno per tutta la settimana. Alcuni, come i signori Bashir, li conosce già bene. Altri, come la signora Devi, si sono trasferiti da poco. Per Alice sarà un settimana molto interessante: i suoi vicini professano varie religioni di cui lei sa ancora poco o nulla. Fortunatamente, però, è una gran chiacchierona, e userà ogni giorno a sua disposizione per imparare di più sulle culture, le abitudini e le tradizioni dei suoi nuovi amici. Questo libro è uno strumento per cominciare a parlare delle religioni con i più piccoli. Età di lettura: da 7 anni.
RECENSIONE

 

La mamma di Alice costretta a partire per lavoro, lascia la bambina nelle mani di ben cinque babysitter. Ogni inquilino del condominio infatti, si è offerto di ospitare per un giorno Alice, una bambina gentile, allegra e anche molto curiosa. Alcuni di loro come i signori Bashir li conosce già da tampo, altri invece, imparerà a conoscerli durante il suo breve soggiorno.


Ciò che non sa però, è che ognuno di loro, professa una religione diversa. Alice si ritroverà così a conoscere i principi, gli usi e i costumi di alcune delle religioni più importanti.

ISLAM

L’Islam è la terza grande religione monoteistica nata in Medio Oriente, Abramo è considerato il primo musulmano e la stessa religione islamica è intesa come riaffermazione e correzione delle due fedi antecedenti (ebraismo e cristianesimo).
L’Islam nasce e si divulga a partire del VII secolo d.C. da un mercante di nome Muhammad originario della Mecca (nell’odierna Arabia Saudita). Muhammad è l’ultimo dei profeti mandati sulla terra da Dio, tra i quali vi erano Abramo, Noè, Mosè, Giovanni Battista e Gesù.
I principi base della religione islamica sono l’esistenza di un solo Dio (in arabo Allah) e la riconoscenza di Muhammad come suo ultimo profeta. 
Le fonti principali dell’Islam sono il Corano, la rivelazione che Muhammad ricevette, e gli Hadith, i racconti delle azioni del profeta
 
RELIGIONE EBRAICA

L'Ebraismo è la religione degli ebrei, la più antica fra le fedi monoteistiche. La lingua italiana utilizza convenzionalmente il termine "ebraismo", benché la religione abbracciata dagli ebrei sin dall'epoca che seguì la fine dell'esilio a Babilonia (VI secolo a.C.) sia definita "giudaismo".La tradizione ebraica considera la propria esperienza religiosa eminentemente come osservanza della Torah, la legge suprema che Dio ha donato al suo popolo, e come Halakah, una "via", un percorso di fede e di vita da seguire scrupolosamente a livello personale e collettivo. Nato nella regione storicamente definibile come Palestina, che in parte coincide con il territorio dell'odierno stato d'Israele, l'ebraismo è oggi diffuso in tutto il mondo a causa della "diaspora", la dispersione degli ebrei durante le persecuzioni.
 
INDUISMO

L'induismo è un credo difficile da spiegare. Non è una religione unitaria, non ha un vero e proprio fondatore, non ha un unico testo sacro. Chi lo pratica definisce la propria religione come Sanatana Dharma, vale a dire una religione eterna e universale, che è sempre esistita e sempre esisterà. È eterna perché si trova nel cuore di ogni essere vivente senziente e non ha bisogno di essere studiata o imparata, ma deve essere semplicemente risvegliata. 

 
ATEISMO

Si definisce ateo chi non crede in alcuna divinità negandone la pretesa specifica esistenza come realtà trascendente l'uomo.La definizione del termine tuttavia è molto dibattuta, in particolare per quanto concerne l'inclusione o l'esclusione della posizione degli agnostici nell'ombrello dell'ateismo. Al riguardo esistono differenti posizioni a tutti i livelli del dibattito, da quello filosofico fino a quello comune. Va inoltre sottolineato che il termine non nasce per una auto-identificazione di chi ha preso una posizione ma piuttosto, storicamente, venne inizialmente usato per descrivere la posizione di coloro che, anche quando teisti, non credevano nel dio di colui che li additava come "senza dio". 
 
BUDDHISMO
 
Il VI ed il V secolo avanti Cristo furono importantissimi per la storia umana.
Dalla Cina alla Grecia filosofi e uomini religiosi si impegnarono come mai prima di allora nella ricerca del mistero della vita, dell’uomo , del bene e del male, sul valore dell’esistenza.
L’uomo non si accontenta più solo di ciò che viene tramandato ma cerca risposte più valide: in Cina Confucio, in Grecia Socrate e Platone diffondono nuovi concetti… in India, nella “Regione di mezzo” predicò il Buddha.
Il territorio della Regione di mezzo era costellato di piccoli stati (situati a sud dell’Himalaya fino al Gange e ad est di Delhi fino a Benares) che erano sotto l’egemonia della classe sociale dei guerrieri e dei sacerdoti. Si praticavano riti, sacrifici e credevano in molti Dei.
La ricostruzione della vita del Buddha, il suo nome era Siddhattha Gotama, non è semplice perché si basa su racconti e diverse interpretazioni, i libri che parlano della sua vita sono scritti molti anni dopo la sua morte. A 29 anni , nel 531 a.C., abbandona la sontuosa casa del padre (era figlio di un principe, per studiare alla scuola dei guru per imparare come liberare l’uomo dalla sofferenza e dalla morte. Ad un certo punto del suo percorso spirituale riceve l’illuminazione, a 35 anni inizia a predicare e fonda un ordine monastico con soli 5 discepoli. Muore a 80n anni.
 

Alla fine della settimana Alice, oltre ad aver avuto l'opportunità di conoscere nuove religioni, avrà modo di apprendere che anche se si venera un Dio o Dei diversi, se si mangia la carne o no, tutte dicono più o meno la stessa cosa... rispettare gli altri, comportarsi bene e diventare delle brave persone.

 

Le religioni spiegate ai bambini è un'ottima lettura capace di spiegare alla perfezione alcune delle religioni più importanti. A mio avviso dovrebbe diventare un testo scolastico, sarebbe utile infatti a scuola studiare tutte le religioni e non solo quella Cristiana.

 

Nessun commento

Powered by Blogger.