Fumettilandia

Cinegatto

PAGINA 69 #28

Eccomi nuovamente qui readers,
è arrivato infatti il momento della Rubrica dedicata ai nostri autori emergenti, Pagina 69.
Oggi sul Blog abbiamo come ospite Federico Mastrodomenico, e il suo libro: "Il mondo perduto: tra sogno e realtà".


Pagina 69

Se sei un autore emergente e vorresti anche tu il tuo spazio nella Pagina 69 pui inviarmi il tuo materiale a gattolibraio@libero.it

Autore Emergente se ti sei appena sintonizzato sul mio blog, il giovedì è dedicato a te quindi scegli come vuoi avere un po' di visibilità (segnalazione o pagina 69) e invia un email a gattolibraio@libero.it con il libro 

Sia per la pagina 69 che per la segnalazione dovrai inviarmi il seguente materiale:
- Libro da segnalare
- Piccolo estratto a piacere del libro
- Biografia
- Foto autore/autrice o qualcosa che vi rappresenti

Avviso: Tutte le email sprovviste di questo materiale non saranno neanche prese in considerazione

Ricordo che la rubrica è stata ideata da Ornella di Peccati di Penna.
 
IL MONDO PERDUTO: TRA SOGNO E REALTA'  FEDERICO MASTRODOMENICO

Genere: Narrativa
Prezzo: € 14,99
Editore: Self Publishing
Pubblicazione: 29 Aprile 2021


“Il Mondo Perduto” è, un romanzo psicologico; i didascalici temi filosofici, diventano progressivamente più consueti. Alla stregua di un abile pittore, l’autore descrive veristicamente i natii ambienti in cui l’asperger Antonio rivive le emozioni rimosse; incontrando i suoi esigui reali rinominati paesani sovente estinti, Mastrodomenico spazia sia nel tedioso presente che in quel radioso passato nel quale entrambi questi asperger si immergono unificandosi. Scandite dal tranquillo trascorrere delle ore di una delle ripetitive giornate castresi, le vicende di tale protagonista quasi depresso si svolgono fra luci e ombre. Principalmente nei sogni in cui egli né pensa né parla, Antonio assapora la gioiosità delle popolate contrade del borgo medioevale; annunciata anche dai profumi momentaneamente assenti o dagli inanimati avanzanti elementi, essa svanisce nel silenzioso paesino odierno tanto caro quanto ostile. Soltanto un intermedio ingenuo autistico che corre attraversando le abbandonate campagne, prospicienti Castrovalva, può arrivare a quella destinazione che esiste unicamente nel preconscio dell’asperger dotato di intelligenza straordinaria.In questa rappresentazione particolareggiata dei propri luoghi nativi, Mastrodomenico rinuncia né ai suoi toni autoironici né al suo umorismo eccezionale; la velata drammaticità, non permea l’avvincente viaggio nel mondo perduto.Consapevole sia delle sue potenzialità che dei suoi problemi, Mastrodomenico immagina “Il Mondo Perduto” e si prefigge di esporre ulteriormente la sua approfondita conoscenza pressoché unica della sindrome di Asperger.

ESTRATTO
 
‒ Mia nonna, Elvira, permetteva che io ammirassi lungamente la magnificenza dell’agglomerato di pioppi or sovrastante e buio. Sporgendomi sia da una delle finestre esposte a levante che dai terrazzi naturali affacciantisi sulle campagne ubicate ad est di Castrovalva, non distinguevo codeste voluminose chiome femminili; invece, ero attratto dalle argentate slanciate piante maschili disegnanti l’Africa del gigantesco mappamondo prospiciente il versante orientale del “monte San Michele”. 
 
Protesi nel vuoto sovrapponentesi all’immaginato chiazzato planisfero, i robusti vegetali sembravano rasentare questa cresta rocciosa; circa penzolanti, dense infiorescenze parevano prossime alla parte inferiore del pietroso nido costruito da una maestosa aquila reale. 
 
Trattenuto dai ricurvi artigli impedenti di piombare sul sottostante bacino solcato dal gorgogliante rivo, il potente uncinato becco dilaniava una preda mimetizzantesi tra frutti rossicci o bruni e lobate “tremanti” foglie ancor verdastre ‒ meditò Antonio, girando su sé stesso; rallentato dalla brezza che vorticava muovendo quasi gli alti fusti lisci oppure rugosi, lui guardava nell’etereo spazio distanziante folte lunghe spighe pendule e le facciate non principali del borgo medioevale.

FEDERICO MASTRODOMENICO


Federico Mastrodomenico nasce nel freddo febbraio del 1969, nella piccola Castrovalva sita nell’entroterra aquilano. Fino al 1989, Federico frequenta egregiamente gli ambienti scolastici; sempre primo della classe, lui è tuttavia consapevole della sua lenta troppo elaborata capacità di apprendere che lo fa essere sia geniale che socialmente inadatto. Ancora ignaro del suo autismo ad alto funzionamento, Federico affronta forzatamente la leva obbligatoria e il decennio trascorso lavorando saltuariamente in una fabbrica sulmonese di bibite. Impossibilitato ad esprimere le sue potenzialità, Federico si dedica allo studio approfondito sia della musica che del pianoforte. Anche mentre svolge altre varie attività successive a quella di operatore nel suddetto stabilimento industriale, Federico continua a studiare ampliando i propri interessi; tanto il liceo scientifico quanto gli studi interrotti da ingegnere, fanno in modo che lui si dedichi allo studio prima dell’elettronica e poi dell’informatica.
Federico, a causa dei suoi lavori sempre più precari, si isola quasi completamente. Navigando su Internet, Mastrodomenico comincia a rendersi conto di essere autistico. Le notizie concernenti l’asperger, nel 2012, erano però poche e fuorvianti. Federico si vede quindi costretto ad approfondire i suoi studi autodidattici di neuropsicologia. Indotto da una sua amica psicologa, Federico Mastrodomenico scrive “Essere Sé Stesso” e riscrive praticamente la sindrome di Asperger. Prima della pubblicazione di questo saggio avvenuta nel 2017, Federico compone: I Colori dell’Esistenza, Il Mondo Perduto, altri due romanzi.
A fine aprile 2021, viene pubblicato “Il Mondo Perduto”; con questo naturalistico romanzo psicologico, Federico Mastrodomenico riesce a farsi apprezzare sia in qualità di esperto già noto conoscitore dell’asperger che come scrittore raffinato. Certo della propria originalità espressa da elaboratissime forme grammaticali, Federico si definisce così: scritto-pittore. Dopo che la sua sindrome di Asperger è stata diagnosticata da importanti medici della psiche, nel 2020, Federico Mastrodomenico sembra aver raggiunto il proprio obiettivo consono al suo eccezionale talento innato sia matematico che letterario.

Allora che cosa ve ne sembra? Vi ho incuriosito? Se volete potete acquistarlo direttamente dal link sottostante.


         


Nessun commento

Powered by Blogger.