Fumettilandia

Cinegatto

CINEGATTO: LAST CHRISTMAS

Su Sky Cinema il film di Natale Last Christmas con protagonista Emilia Clarke, diretto da Paul Feig. Un po’ diverso dai classici natalizi, ma con una bella lezione per tutti da leggersi tra le righe.



Scheda Film


Last Christmas, il film diretto da Paul Feig, ambientato a Londra durante le feste di Natale, racconta la storia di una giovane donna, Kate (Emilia Clarke), particolarmente goffa, irrimediabilmente sfortunata e con un'esistenza condotta all'insegna di scelte sbagliate e di piccoli vizi, come l'alcol. Il suo vero nome è, in verità, Katerina, ha origini jugoslave e si è trasferita con tutta la sua famiglia in Inghilterra. Ha un sogno nel cassetto sin da quando era bambina: diventare una cantante famosa, ma le avversità della vita non le hanno ancora permesso di far emergere il suo talento.
Kate lavora come elfo in un negozio di decorazioni natalizie, gestito da una donna nota come "Santa" (Michelle Yeoh), proprio come Santa Claus, che vede del gran potenziale in lei. È proprio fuori dal posto di lavoro che Kate incontra un giorno Tom (Henry Golding), aitante giovane troppo perfetto per essere vero. Il giovane è in grado di vedere attraverso le numerose barriere di Kate e di tirare fuori la porta migliore di lei. Dal quel momento la vita di Kate prende una svolta improvvisa e la ragazza riesce ad aprirsi così tanto con Tom da raccontargli addirittura cosa le è successo l'anno prima, quando ha rischiato di perdere la vita...
LAST CHRISTMAS

Sulle note di Last Christmas, famosissima canzone degli Wham!, l’omonimo film prende piede dalla passione e dal talento musicale di Katarina/Kate (Emilia Clarke), figlia di immigrati jugoslavi in Inghilterra e commessa presso un negozio di articoli natalizi. La vita frenetica di Kate, che preferisce dormire sul divano di amici o di ragazzi appena conosciuti piuttosto che passare la notte dai propri genitori, è costellata da sfortunati eventi dovuti alla distrazione e alla leggerezza della ragazza, conseguenza di un nuovo approccio alla vita adottato successivamente a un trapianto di cuore. Prendere a cuor leggero la vita, ma non nel migliore dei modi.



Un cuore che non sente suo, qualcosa di estraneo che la rende diversa, incompleta, eppure viva. Ed è proprio questo che chi le vuole bene cerca di sottolineare, sull'importanza dell'essere viva. Definita egoista, incosciente e non affidabile, il personaggio di Kate è oltre la linea del menefreghismo, sembra aver perso la speranza e la gioia tipica del periodo natalizio a cui era tanto affezionata. Un nuovo incontro, Tom (Henry Goldin), lentamente rovescia nuovamente la prospettiva buia di Kate sulla vita. Tom sembra essere la sua controparte, altruista a tal punto di spendere le sue notti come volontario presso un centro di accoglienza per senzatetto, lontano dalla tecnologia tanto da tenere il proprio cellulare nella credenza della cucina, innamorato della vita e di tutto quello che offre. Kate, si intuisce, era molto simile a lui, e per questo il consiglio di Tom di “guardare su” risulta oggi prezioso: tenere gli occhi bassi fa perdere fin troppo della vita, bisogna alzare la testa e non distrarsi. 




Un bel consiglio, ma c’è di più. Le persone che amiamo, ovunque esse siano, sono sempre dentro di noi, e non solo a Natale. Kate se ne renderà conto proprio grazie a Tom, e lo spettatore, seguendo il suo percorso, si addentra piano piano in questo messaggio, più che prezioso questa volta. Un film ricco di canzoni e luci, condito dal bellissimo sorriso di Emilia Clarke che, sul finale, ci regala una sorpresa con la sua versione di Last Christmas che vi ripropongo completa qui sotto (se non avete visto il film, aspettate a cliccare!)
 

 


2 commenti

Powered by Blogger.