Fumettilandia

Cinegatto

RECENSIONE: FIUTANDO IL VENTO DI MARIA ELISA ALOISI

Buongiorno readers,
oggi sono qui per parlarvi di una lettura veramente carina scoperta proprio in questo periodo. Se avete il blocco del lettore e non sapete che genere leggere, vi consiglio assolutamente questo libro.


Fiutando il vento
di Maria Elisa Aloisi
                                                    

Genere: Narrativa
Prezzo: € 14,00 (ebook € 4,99) 
Editore: Tra le righe
Uscita: 3 dicembre 2019

Una ragazza e il suo cane. Un delitto. Un'oscura profezia. Sicilia, costa orientale, oggi. Chi è Bianca De Flor? Qual è il mistero che la lega a un passato che affonda le sue radici nel Medioevo? Quando il cadavere di una donna viene ritrovato nelle acque del porticciolo di San Giovanni Li Cuti, Bianca e l'affascinante avvocato Cesare Ursino assumono la difesa dell'imputata accusata dell'omicidio. Dietro il crimine si cela un filo che unisce i protagonisti e presto li coinvolgerà in una rischiosa avventura. Il passato si riflette nel presente come in un gioco di specchi svelando un'antica verità, un segreto che attraversa i secoli.

RECENSIONE

Spinta dall'entusiamo di un amico, conoscente, giullare? Sinceramente non so ancora come definirlo ma non voglio forviarvi con questi vaneggiamenti, ho iniziato, non vi nego con un bel po' di timore, la lettura di Fiutando il vento. Perché con un po' di timore? Bhè vi basta guardare la copertina che, non me ne voglia la casa editrici, tutto è tranne che accattivante ma soprattutto induce il lettore (non in tentazioni ma quasi) sulla strada sbagliata.
Di primo acchitto infatti non vi nascondo che ho pensato subito si trattasse del classico libro strappa lacrime in cui i protagonisti, una ragazza, probabilmente malata, e il suo fedele cane che darà sicuramente la vita per lei, e invece... mai fermasi all'apparenza ricordatelo.

La storia inizia con il ritrovamento di un cadavere, e si proprio quello che ispira la copertina vero? Da qui la prima parte del libro si trasforma subito in una indagine poliziesca in cui due avvocati, tra cui Bianca, la nostra protagonista, cercano di svelare il mistero intorno al corpo ritrovato.
E quando vi sembrerà di poter pronunciare la fatidica frase, il caso è chiuso, ecco che vi ritroverete catapultati in un secondo libro. La storia infatti farà completamente una virata diventando così un romanzo storico in cui i protagonisti, tra misteri, profezie e leggende, saranno condotti nel passato.

Ma come direbbe il compianto Corrado... non finisce qui! 
Nella terza utopica parte del libro infatti vi ritroverete ad affrontare qualcosa di irrazionale. Pur ritornando ai nostri giorni, vi sembrerà di essere stati catapultati all'interno di un libro fantasy, un libro magico in cui, proprio la magia, sarà il filo conduttore che terrà uniti tutti i personaggi.
Chi è Bianca De Flor? Qual è il mistero che la lega a un passato che affonda le sue radici nel Medioevo?

Non vi nascondo quindi che la lettura di Fiutando il vento si è rivelata una piacevolissima sorpresa. A partire dalla scrittura dell'autrice, Maria Elisa Aloisi, che ho trovato così scorrevole, coinvolgente e fluida. Vi dico solo che in pochissimi giorni ho completamente divorato il libro, se poi ci aggiungete che questa storia è un mix perfetto di molteplici generi, non potrete che rimanerne compiaciuti.
Come avrete ormai capito, il Pov è il mio stile narrativo preferito, quindi sono andata proprio a braccetto con la storia soprattutto grazie ad una delle voci narranti ehheeh.

Mi è piaciuto tutto di questo libro anche la parte un po' più storica che solitamente tende ad annoiarmi non amando, per l'appunto, i romanzi storici ma in questo caso l'ho interpretato come un passaggio essenziale per affrontare il finale.
Il romanzo poi è ambientato nella mia amata Sicilia (ecco ora mi è venuta voglia di Scacce, Arancini e Granita) quindi poteva non piacermi?
 
In conclusione perché leggere Fiutando il vento? Perché vi ritroverete centrifugati in una storia piena di generi differenti ma vi assicuro che ognuno sarà trattato con il dovuto "rispetto".


Nessun commento

Powered by Blogger.