Fumettilandia

Cinegatto

CINEGATTO: TERMINATOR

Disponibile su Sky On Deman l’ultimo capito di Terminator, diretto da Tim Miller nel 2019. Tornano Arnold Schwarzenegger e Linda Hamilton nei panni del famosissimo cyborg e di Sarah Connor.


Scheda Film


Trama. Un cyborg proveniente dal 2029 fa il proprio arrivo a Los Angeles per uccidere Sarah Connor, destinata a diventare madre del futuro capo della resistenza umana in un mondo governato da robot.
TERMINATOR

Nel lontano ma non troppo 1984 James Cameron diede il via a una delle saghe fantascientifiche più famose al mondo. E nel 1991 realizzò il migliore dei capitoli, vincitore di quattro Premi Oscar per Miglior trucco, Migliori effetti speciali, Miglior sonoro e Miglior montaggio sonoro. La storia è incentrata su un cyborg spietato (Schwarzenegger), tornato indietro nel tempo dal 2029 per uccidere Sarah Connor (Hamilton), futura madre di John, colui che guiderà i superstiti dell’olocausto nucleare scatenato da Skynet – la rete di difesa di intelligenza artificiale – contro il dominio dei cyborg. Nel secondo capitolo, Terminator: il giorno del giudizio, il cyborg torna questa volta per salvare Sarah e John dopo essere stato riprogrammato da quest’ultimo nel futuro. 
 

Il film, ricorderete, si conclude con la distruzione del progetto scientifico che avrebbe portato alla nascita di Skynet e dello stesso Terminator. Il terzo capitolo di Miller riparte proprio da qui, ignorando le altre numerose uscite cinematografiche legate al franchise degli scorsi anni. Si riparte dal 1998 in un mondo senza Skynet, sconfitto infatti nel titolo precedente. Il primo (e quasi unico) colpo di scena arriva subito, dunque non ve lo svelo. 
 
Con un salto al 2020, la soldatessa potenziata artificialmente, Grace (Mackenzie Davis), si scontra con un nuovo cyborg, entrambi alla ricerca di una ragazza chiamata Dani Ramos (Natalia Reyes). Missioni opposte, dal momento che Grace, tornata indietro dal futuro, deve proteggere Dani proprio dal cyborg assassino. Ad aiutarla compare inaspettatamente anche Sarah, alla ricerca di risposte: qualcuno, infatti, continua a mandarle le posizioni dei Terminator sulla Terra e lei vuole scoprire di chi si tratta e perché lo fa. Un nuovo nemico è dunque presente in questo nuovo mondo? Chi lo sa. 
 

Quello che posso dirvi è poco, perché la trama è scrupolosamente top secret per chi non ha visto il film. In generale, posso dirvi che le novità sono davvero poche, così come i colpi di scena: uno, come vi ho detto, è all’inizio, e l’altro è già visibile nella locandina, ovvero una super Sarah Connor/Linda Hamilton sempre all’altezza, bellissima e grintosissima. Grandissimo personaggio femminile del cinema fantascientifico, molto apprezzato da sempre. 
 
In questo nuovo capitolo non è certo da meno, risultando una delle pochissime cose meritevoli del film. Purtroppo, Terminator: Destino oscuro è stato un flop al cinema. Secondo il mio parere, l’insuccesso è dovuto a una trama fin troppo semplice, ripetitiva, intuibile. Inoltre, l’ombra del primo e soprattutto del secondo capitolo sovrasta ogni film uscito in un secondo tempo: nonostante siano passati trentasei anni dal primo titolo, i “classici” della saga restano insuperabili. 
 

Certo, gli effetti visivi del primo film lasciavano molto a desiderare… aspetto ampiamente recuperato nel secondo titolo (ricordate il cyborg di metallo, che diventava liquido?). Il film di Miller non sorprende nemmeno in questo aspetto, anzi, il cyborg con le movenze da ninja è davvero inopportuno. Non credo che il pubblico si aspetti chissà cosa comunque, ormai sappiamo che le nuove uscite delle saghe anni 80/’90 non sono paragonabili agli originali. Quindi mettetevi comodi e, se volete, guardate questo film con estrema leggerezza.
 
 
Che altro dire, Buona visione!




Nessun commento

Powered by Blogger.