Fumettilandia

Cinegatto

PAGINA 69 #29

Eccomi nuovamente qui readers,
è arrivato il momento della Rubrica di Pagina 69. Oggi sul Blog troverete F.L. Scala il romanzo, Nati sulla Terra

Pagina 69

Se sei un autore emergente e vorresti anche tu il tuo spazio nella Pagina 69 pui inviarmi il tuo materiale a gattolibraio@libero.it

Autore Emergente se ti sei appena sintonizzato sul mio blog, il giovedì è dedicato a te quindi scegli come vuoi avere un po' di visibilità (segnalazione o pagina 69) e invia un email a gattolibraio@libero.it con il libro 

Sia per la pagina 69 che per la segnalazione dovrai inviarmi il seguente materiale:
- Libro da segnalare
- Piccolo estratto a piacere del libro
- Biografia
- Foto autore/autrice o qualcosa che vi rappresenti

Avviso: Tutte le email sprovviste di questo materiale non saranno neanche prese in considerazione

Ricordo che la rubrica è stata ideata da Ornella di Peccati di Penna.
 
NATI SULLA TERRA - F.L. SCALA

Genere: Narrativa
Prezzo:
€ 9,98 (ebook € 2,99)
Editore: Self Publishing
Pagine: 305
Pubblicazione: 24 settembre 2018

Un professore quarantenne, una donna affascinante e un mistero che coinvolge un’organizzazione segreta.
 
Durante una conferenza per presentare il suo ultimo saggio, Daniel Warviz, professore e linguista, espone ipotesi controverse sull’origine aliena delle civiltà antiche.
Il suo prossimo libro che cita alcune tesi sugli Antichi Astronauti promette di essere un grande successo, poiché basato su un prezioso diario che testimonia l’uso di ingegneria genetica già millenni or sono.
Proprio durante questa conferenza Warviz incontra Laila: una mediorientale misteriosa quanto affascinante che si dimostra interessata a scoprire come lui sia entrato in possesso di questo documento dal valore inestimabile.
Purtroppo per il professore, Laila non è l’unica che vuole porgli questa domanda.
Warviz si ritrova così, suo malgrado, coinvolto in una guerra che va avanti da millenni, una faida che si consuma attorno ai discendenti di “Coloro che vennero dal Cielo”.
Il professore finirà per svelare molti segreti, forse molti di più di quanto avrebbe desiderato...

ESTRATTO

Daniel Warviz si sfregò le mani sudate e si sporse appena oltre la cortina che lo nascondeva alla vista del pubblico. La stanza era ormai gremita, il palco e le luci preparati, la lavagna e i pennarelli colorati disposti come li aveva chiesti.
Come ogni volta prima di una conferenza, l’ansia raggiungeva il suo picco. Uscì dal retro del palcoscenico e fermò una delle hostess.
-  Scusi, dov’è una toilette? -
La ragazza, le braccia cariche di bibite, si voltò trafelata e gli rispose:
- In fondo a destra quello degli uomini. - quindi sfuggì rientrando nella sala conferenze.
Warviz raggiunse a lunghi passi la destinazione indicatagli, si chiuse deciso in una delle toilette e vomitò nel bel bagno in marmo dell’hotel a cinque stelle in cui si trovava.
Risollevò la testa dalla tazza sentendosi liberato: rimettere prima di una conferenza era un rituale per lui. Si sarebbe sentito a disagio se non fosse accaduto. Preparato all’evenienza, tirò fuori spazzolino e dentifricio dal taschino della giacca e si lavò i denti con calma.
Daniel era un americano dai tratti del viso eleganti, di poco più di quarant’anni, piuttosto alto, una forma fisica che si manteneva ancora solo grazie alla rendita dello sport praticato durante gli anni universitari.
I capelli iniziavano a ingrigire, ma Warviz se li ravvivò, fiero di loro. Erano parte del suo fascino da professore, così come gli occhiali, nella tasca della giacca, che metteva e toglieva a seconda delle occasioni.
Si guardò nello specchio emettendo un profondo sospiro e sorrise deciso all’immagine di sé stesso. Ora poteva iniziare.
Tornò nella sala conferenze, dove ormai tutto era pronto e trovò le luci già soffuse per invitare i presenti a prendere posto. Una delle hostess gli porse il telecomando del proiettore.
Era bionda, graziosa. Daniel non aveva idea se fosse quella incontrata qualche minuto prima. Controllò che ci fosse dell’acqua a disposizione sul palco e prese il telecomando.
- La ringrazio infinitamente. -
Quindi prese fiato e superò la cortina che lo nascondeva al pubblico. Il calore delle luci lo accolse immediatamente, gli applausi fecero tacere il borbottio in sala e Daniel iniziò la sua dissertazione.
- Signori e signore, vi ringrazio per la vostra presenza qui, stasera... ringrazio l’hotel Hilton che ci ospita in questa uggiosa serata inglese che stiamo per dedicare alla lettura di antichi testi e alla scoperta di antiche civiltà. -
Fece una pausa e aggiunse:
- Sono certo di dover ringraziare anche la pioggia battente per il grande afflusso di questa sera. -
Una risata si mosse tra il pubblico. L’uomo percorse a grandi passi il palcoscenico e ricominciò a parlare:
- Naturalmente no, naturalmente siete tutti qui perché ho promesso che stasera avrei mostrato una delle più grandi prove a sostegno delle nostre tesi. Ma non muoviamoci con troppa fretta, partiamo quindi dall’inizio. -
Quindi cliccò col pulsante al proiettore che mostrò la prima slide. Un’immagine della creazione di Adamo, di Michelangelo.
Daniel declamò convinto:
- Per ricapitolare le ipotesi da cui partiamo, i testi biblici, nonché le cosmogonie sumere e babilonesi, ci tramandano un’unica storia, concorde fin nei dettagli. Sulle Bibbie che avete a casa troverete scritto: Dio creò l’uomo. E lo fece a sua immagine, maschio e femmina Dio li creò. Questa è la pietra su cui si fondano le religioni monoteiste, che ci dicono che prima di esse esisteva un mondo popolato di spiriti e dei… ma voglio mostrarvi il testo biblico nella sua traduzione più letterale. -
Quindi modificò la slide, sovrapponendo all’illustrazione una citazione:


“Ed ’Elohim creò ha-’adam in sua immagine,
in immagine di ’Elohim lo creò,
maschio e femmina li creò”
(Gen 1, 26-27)

Fece una pausa per dare ai presenti il tempo di leggere e riprese:
- C’è un ma... un grosso ma... - si guardò intorno - Elohim è un termine plurale. La Genesi parla davvero di Dio oppure stiamo ancora parlando della stessa storia narrataci dalle tavolette cuneiformi trovate nella valle dell’Eufrate? Stiamo parlando di Dio o si tratta ancora di quelle antiche divinità che veneravano i popoli che idearono la scrittura, identificandoli come... quelli che vennero dal cielo?
F. L. SCALA


F. L. Scala è una giovane autrice italiana. Fisica per formazione, dopo un periodo in cui si è dedicata al fantasy (“La Veste e i Dadi”, 2016; “La Bella e la Bestia”, 2017) è approdata nella fantascienza grazie a Nati sulla Terra (2018).
La saga così iniziata, continua con Il Giudice (2020) e proseguirà con altri titoli.
Per conoscere le prossime uscite e mantenersi in contatto con lei, seguitela su Amazon, Instagram e Facebook.
- Foto autore/autrice o qualcosa che vi rappresenti
In allegato  
Allora che cosa ve ne sembra? Vi ho incuriosito? Correte ad acquistarlo...


Nessun commento

Powered by Blogger.