Fumettilandia

Cinegatto

FUMETTILANDIA: UTENA. LA FILLETTE REVOLUTIONNAIRE 1 DI CHICO SAITO

Buongiorno Gattolettori,
oggi vi parlerò di un personaggio moderno e ricco di sfaccettature, una fanciulla che sognava di essere un principe azzurro che qualcuno avrà avuto modo di conoscere anche attraverso la serie tv, un film animato cinematografico musical e videogiochi.


Utena
La fillette révolutionnaire: 1
di Chiho Saito 


Genere: Fumetto
Editore: Star Comics
Prezzo: € 9,95
LINK acquisto QUI

Utena Tenjo è una studentessa delle superiori bella e atletica, ma dal carattere e portamento da vero e proprio maschiaccio. Questa sua condotta ha avuto origine durante la sua infanzia, quando rimase profondamente affascinata dall'incontro con un principe misterioso - che la ispirò a tal punto da voler diventare lei stessa un principe. Quando, un giorno, Utena interviene per salvare la taciturna Anthy Hidemiya dai soprusi di uno studente, finisce col venire a conoscenza dell'oscuro segreto custodito dal consiglio studentesco dell'Accademia Otori. Inizia così, per le due fanciulle, un'inattesa concatenazione di eventi da cui non potranno più tornare indietro...
RECENSIONE

Una piccola bambina di nome Utena, dopo aver appreso la morte dei suoi genitori, in un momento di sconforto sviene e cade nel fiume. Un ragazzo misterioso, simile ad un principe, la salva e gli sussurra di non perdere mai la sua nobiltà d’animo e prima di sparire, le dona un anello con incastonata una rosa e con la promessa, che in futuro si incontreranno nuovamente. Dopo quell'avvenimento Utena inizia a ricevere ogni anno una cartolina col sigillo della rosa e convinta che queste lettere arrivino direttamente dal suo salvatore, decide di scoprirne il mistero.


Ed è così che la giovane Utena, diventata ormai una bellissima ragazza atletica, carismatica e caparbia, decide di frequentare l’Accademia Ohtori, luogo da cui sembrano provenire le cartoline. Nonostante Utena sia diventata per l'appunto una splendida ragazza, ispirata dal suo principe misterioso, è decisa a diventare anche lei un Principe pronta a salvare le ragazze in pericolo e proprio questa sua convinzione, la porta a battersi per la taciturna Anthy Hidemiya dai soprusi di uno studente. 

Durante il duello, Utena sprigiona un'energia mai vista venendo così a conoscenza di un grandissimo segreto. A quanto pare il sistema dei duelli ruota attorno all’enigmatica Sposa della Rosa, Anthy Hidemiya. Dal momento in cui le vite di Anthy e di Utena si uniscono a seguito del primo duello, tutta una serie di reazioni a catena ha luogo nella scuola.

Anthy infatti è la prescelta e chi l'avrà come sposa al termine degli archi dei duelli otterrà il potere di portare la 'Rivoluzione nel Mondo'. Sono così in molti a desiderare questo potere, al punto da sfidare costantemente Utena nel tentativo di riacquisire il controllo sulla Sposa della Rosa.
Mentre Utena cerca di svelare i misteri che avvolgono il fantomatico Confine del Mondo, la spada e l’identità del suo principe, il presidente del Consiglio Studentesco sembra intenzionato a prendersi gioco di lei...

Questo primo volume di Utena. La fillette Rèvolutionnnaire mi ha letteralmente incantata. Non si tratta infatti del solito shojo in cui c'è una donzella da salvare perchè in pericolo, abbandonata o altro. Qui è la protagonista stessa che nonostante i suoi dispiaceri e le sue perdite, combatte per aiutare i più deboli ma soprattutto è intenta a scoprire la verità, ovvero, chi si cela dietro il ragazzo misterioso che l'ha salvata quando ancora era una bambina.

Sono quindi pienamente soddisfatta di questo primo volume e non vedo l'ora di leggere i prossimi volumi che mi sembra di aver capito, in totale saranno cinque.
Il tratto dei disegni poi mi è piaciuto moltissimo, l'ho trovato delicato e profondo e fatemelo dire, amo le tavole semplice che si leggono con naturalezza senza mille dialoghi a creare confusione.

2 commenti

  1. Ricordo di averne letto delle recensioni (non propriamente entusiastiche per la verità) diversi anni fa all'uscita dell'anime per il mercato francese e poi italiani. Ci furono degli articoli su "Fumo di China" e su "E-Motion" una rivista che si occupava di animazione e che ha chiuso i battenti da anni. In sostanza sostenevano che col procedere della trama gli autori non erano riusciti a mantenere le promesse iniziali, che la storia si avvitava su sè stessa e che in buona sostanza non accadeva niente di niente. Però parlavano dell'anime, può essere che il fumetto sia molto diverso.

    RispondiElimina
  2. L'ho acquistato anche io. Molto anni '90 ma carino, si legge volentieri, almeno per ora. Attendo gli sviluppo della storia.

    RispondiElimina

Powered by Blogger.