RECENSIONE: FIND ME. ORA DI KATHINKA ENGEL

Buongiorno readers,
oggi sono qui per parlarvi di un romance, dopo thriller e narrativa avevo proprio bisogno di un po' di romanticismo.

Find me. Ora
di Kathinka Engel
 
                                                      
Genere: Romance
Prezzo: € 14,90 (ebook 8,99)
Editore: Sperling & Kupfer
Uscita: 11 febbraio 2020

Delusa dall'amore e ferita dalla perdita dell'adorato nonno che le ha trasmesso l'amore per i libri, Tamsin lascia il Maine di nascosto, contro il parere dei genitori, e si iscrive all'università di Pearley, in California, per studiare letteratura e realizzare finalmente i suoi sogni. Concentrata su se stessa e sulle sue passioni, è determinata a iniziare una nuova vita e soprattutto a evitare per sempre gli uomini, dopo aver tanto sofferto a causa del suo ex. Un giorno, nel bar sotto casa, conosce Rhys: bello, enigmatico e pieno di segreti. Il ragazzo, infatti, è stato in riformatorio perché ingiustamente condannato per un crimine che non ha commesso e sta cercando di ricominciare in un mondo che gli è ostile e lo guarda con sospetto. Il primo incontro tra Tamsin e Rhys è un vero disastro, tuttavia, col passare del tempo, l'attrazione tra loro diventa irresistibile, tanto che i due sono inseparabili. Ma proprio mentre stanno cominciando a fidarsi davvero l'uno dell'altra, il passato torna a bussare alla porta di Rhys, mettendo in discussione la sua storia con Tamsin…
RECENSIONE

Delusa dal tradimento del suo ragazzo storico e addolorata dalla perdita del nonno e dalle continue imposizioni da parte dei genitori, Tamsin ha deciso di lasciare il Maine di nascosto e trasferirsi in California dove qui si è iscritta all'università di Pearley.
Finalmente è libera di essere l'artefice del proprio destino, ovvero, studiare lettere e cavarsela da sola. Ha anche deciso di chiudere definitivamente con i ragazzi, basta con i tradimenti e le delusioni d'amore o almeno questo, fino a quando la mancanza di caffeina, non la porta nel bar sotto casa dove lavora il tenebroso Rhys.

Dopo anni chiuso tra il riformatorio e la prigione per un crimine mai commesso, Rhys è finalmente libero di ricominciare da zero la propria vita e grazie all'aiuto dell'assistente sociale che lo segue, inizia a lavorare come cameriere, proprio nel bar frequentato da Tamsin. Bello, enigmatico e pieno di segreti, Rhys non passa di certo in osservato ma il primo incontro tra i due, è a dir poco disastroso.
Rhys infatti tra abusi e prepotenze subite in prigione, non riesce a rapportarsi con il prossimo, figuriamoci poi con una ragazza così piena di vita come Tamsin.
Riuscirà la tenacia e la pazienza di Tamsin a far cadere tutti i muri e i segreti di Rhys?

Sinceramente mi aspettavo una storia molto più coinvolgente e travolgente di questa e invece, mi sono travata davanti ad un libro scontato e scusatemi se lo dico... lagnoso. Lo stile dell'autrice infatti non mi ha convinta per niente, non è riuscita a catturare il mio interesse e a rendere i due protagonisti interessanti. Il tutto poi è apparso completamente privo di emozioni e il lascia e riprendi tra i due personaggi per motivi a volte incomprensibili, mi ha solo dato la "mazzata" finale.

Visto il momento però Find me. Ora è riuscito ad allontanarmi con la mente, da questa quarantena che giorno dopo giorno, sta diventando sempre più insopportabile e claustrofobica. Quindi se cercate qualcosa di poco impegnativo e veloce da leggere, ecco qui Find me.




Nessun commento

Powered by Blogger.