Fumettilandia

Cinegatto

GRAPHIC NOVEL: GRASS KINGS. I RE DELLA PRATERIA DI MATT KINDT E TYLER JENKINS

Buongiorno readers,
oggi vi voglio parlare di una graphic novel imperdibile, un grapich novel particolare che sarà apprezzata soprattutto da un pubblico maschile.


Grass Kings
I re della prateria
di Matt Kindt e Tyler Jenkins


Genere: Graphic Novel
Editore: Oscar Ink
Prezzo: € 30,00 (ebook € 14,99)
LINK acquisto QUI

Il Regno della Prateria è una strana, inquietante enclave della profonda provincia rurale americana: all'apparenza si tratta semplicemente di uno squallido campo caravan sulla riva di un lago nei pressi di Cargill City. Qualcuno dice che ci abiti un serial killer. Ma in realtà è una sorta di terra promessa per ogni specie di disperati e derelitti. E soprattutto è il regno dei tre Grass Kings, i re della Prateria, tre fratelli in lotta da tempo con le istituzioni locali e soprattutto con lo sceriffo di Cargill, Humbert. Il più anziano è Bruce: ex sceriffo della città di Raven, passa le giornate a pattugliare il Regno, ne è diventato la polizia non ufficiale. Robert, suo fratello minore, è il vero sovrano, ma è anche il più solo e infelice: qualche anno prima la figlia Rose è scomparsa nei pressi del lago, e di lì a poco anche della moglie si è persa ogni traccia. Infine c'è Ashur, il fratello più giovane, appena un ragazzo. E poi c'è Maria: è emersa un giorno dal lago, davanti alla porta di Robert, in cerca di rifugio. Lui l'ha accolta, l'ha accudita fino a che Maria non ha recuperato le forze, nell'illusione che quella giovane donna misteriosa possa essere la figlia perduta. Ma forse la sua decisione porterà alla rovina quel misero regno...
RECENSIONE

Nonostante il passare del tempo abbia cambiato la struttura e il paesaggio americano, il lago nella prateria è rimasto sempre lì, immutato, e attento osservatore di tutti i cambiamenti morfologici di questa terra. Con il tempo però è diventato un fondamentale divisorio tra due città contrastanti: Cargill City con la sua giurisdizione severa e corrotta e il Regno della prateria, dove le regole invece le hanno create i suoi abitanti e i fratelli Grass Kings.

“Benvenuti nel Regno della Prateria. E qua i fessi come te vengono presi a calci in culo.”
Nel Regno della prateria infatti vige la fratellanza, il rispetto e la condivisione. Molti concittadini di Cargill approvano il loro regime ma altri, come lo sceriffo Humbert, vorrebbero vedere la piccola cittadina rasa al suolo.  
È Robert, il medio dei fratelli Grass Kings, a far in modo che le regole nel Regno vengano rispettate anche se, alcune voci, collocano un serial killer impunito proprio nella prateria, luogo che, in passato, ha visto sparire proprio l'unica figlia di Robert. 
Sarà Bruce invece, il più grande dei fratelli, ex sceriffo della città di Raven dal passato turbolento a far rispettare l'ordine e scoprire la verità sul misterioso serial killer.


Ma non voglio soffermarmi oltre sulla trama perfettamente costruita da
Matt Kindt e se volete scoprire come si concluderà la storia, non vi resta che acquistare questo splendido gioiellino. Voglio invece porre l'attenzione sulle illustrazioni. Vi troverete infatti a sfogliare sì una graphic novel ma allo stesso tempo, anche un album di acquarelli. Tyler Jenkins infatti, attraverso le tavole, dipinge una storia assolutamente coinvolgente, empatica e misteriosa. Pagina dopo pagina, i colori tenui e sfumati, che in più di un'occasione sembrano solo abbozzare la tavola, accompagneranno il lettore fino alla risoluzione del mistero.

Sicuramente è una graphic novel fuori dal comune, non è la classica storia semplice e facile da digerire, attraverso le tavole infatti saranno trattati molti temi importanti, duri e crudi come la violenza, in tutte le sue forme, la corruzione, gli insabbiamenti ecc. da cui poi, non mancheranno neanche i drammi famigliari e i problemi raziali.


Insomma Grass Kings. I re della prateria è il giusto compromesso per chi vuole approcciarsi al mondo delle graphic novel ma non ama ritrovarsi in presenza di semplici fumetti. Questo è un piccolo capolavoro artistico con sfumature sul genere thriller. Cosa state aspettando allora?




2 commenti

Powered by Blogger.