Fumettilandia

Cinegatto

RECENSIONE: UNA BRAVA BAMBINA DI SEO MI-AE

Buongiorno readers,
oggi io e le mie colleghe siamo qui per parlavi di un thriller Coreano che ricorda molto Il silenzio degli innocenti.

Una brava bambina
di Seo Mi-Ae 
                                                    

Genere: Thriller
Prezzo: € 19,00 (ebook 11,99)
Editore: Giunti
Uscita: 11 marzo 2020

Sun-kyung, la giovane professoressa di criminologia da tutti soprannominata Clarice (come la protagonista del Silenzio degli Innocenti) riceve un'inaspettata telefonata: Lee Byungdo, un temibile serial killer, che ha ucciso tredici donne, si è deciso a parlare e vuole farlo solo ora e solo con Sun-kyung. Ma i due non si conoscono, allora perché proprio lei? Nel frattempo la figlia del marito di Sun-kyung si trasferisce da loro, così, da un giorno all'altro, in seguito a un terribile incendio in cui ha perso i nonni. La bambina quasi non parla, ha comportamenti strani e un passato segnato da violenze e lutti. Possibile che gli occhi di un terribile serial killer e di una indifesa bambina nascondano la stessa oscurità?
RECENSIONE

Sun-kyung, la giovane professoressa di criminologia, che ricorda molto la protagonista del Silenzio degli Innocenti, Clarice, è stata chiamata per incontrare Lee Byungdo, un temibile serial killer, che fino a quel momento aveva rifiutato di parlare con chiunque.
Per Sun-kyung è un vero e proprio onore anche se, non si capacita del perchè, Lee Byungdo abbia scelto proprio lei, come fa a conoscerla?

Lo stesso giorno in cui questa inesperta psicologa criminale intervista Yi Byeongdo, scopre che suo marito, che ha sposato da solo un anno, ha portato a casa la figlia avuta dal suo precedente matrimonio, di cui lei, tra l'altro, non ha mai chiesto informazioni, neanche che fine avesse fatto la sua ex moglie. A quanto pare Hayeong, una bambina di soli undicianni, è l'unica sopravvisuta dell'incendio che ha visto morire i suoi due nonni materni.
Ma se la bambina in preda al terrore è scappata dalla finestra della sua camera, come ha fatto ad indossare le scarpe che solitamente si lasciano all'ingresso?

La vita di Sun-kyung sarà così sconvolta sia dall'incontro con Lee Byungdo che, a quanto pare, oltre alle tredici donne nasconde altre vittime, che da Hayeong, una bambina manipolatrice incapace di provare sentimenti. Riuscirà Sun-kyung a non impazzire e ad affrontare quell'oscurità che gli occhi di un terribile serial killer e di una indifesa bambina nascondono?


Devo dire che questa è la prima volta che mi ritrovo alle prese con un thriller Coreano e a parte la difficoltà iniziale di memorizza i nomi, che almeno per me, sembravano tutti uguali, l'esperienza è stata abbastanza positiva.
Certo non vi troverete davanti ad un libro che eccelle per i colpi di scena o per altro, infatti è tutto abbastanza intuibile già dalle prime pagine ma la scrittura di Seo Mi-Ae riesce comunque a coinvolgere il narratore e a tenerlo incollato al libro fino alla fine.

Visto le premesse però mi sarei aspettata qualcosa di più e quindi mi sento di consigliare questo libro soprattutto a quelle persone che si stanno, da poco, approcciando alla lettura di questo genere. 
Se siete infatti dei thrilleristi navigati... mmmhh non so quanto potrà piacervi Una brava bambina. È vero alcune scene sono un po' forti ma la storia è abbastanza lineare e non ci sono cambi di ritmo così sconvoilgenti e al cardiopalma da lasciarvi il segno.


2 commenti

Powered by Blogger.