Fumettilandia

Cinegatto

BLOGTOUR: FINALE DI STEPHANIE GARBER - 10° TAPPA

Hola readers,
finalmente è arrivato il mio turno di parlarvi di questo fantastico libro, con la tappa di oggi scopriremo Jack e le carte di Caraval.



Finale
di Stephanie Garber
 
                                                      
Genere: Fantasy
Prezzo: € 19,00 (ebook 9,99)
Editore: Rizzoli
Uscita: 3 Dicembre 2019

Sono passati due mesi da quando i Fati sono stati liberati, due mesi da quando Legend ha reclamato per sé il trono, due mesi da quando Tella ha scoperto che il ragazzo di cui si è innamorata in realtà non esiste. Mentre vite, imperi e cuori restano in sospeso, Tella deve decidere se fidarsi di Legend o piuttosto di un ex nemico. Dopo aver scoperto un segreto che ribalta tutta la sua vita, Rossella dovrà tentare l'impossibile per salvare coloro che ama e l'Impero. E Legend dovrà fare una scelta che lo cambierà per sempre. Caraval è finito, ma il più grande dei giochi è appena cominciato. Non ci sono spettatori questa volta, qualcuno vincerà, e qualcuno perderà per sempre.
JACK E LE CARTE DI CARAVAL

Anche in questo terzo volume, la storia gira tutta intorno ad un mazzo di carte, che ovviamente non è un semplice mazzo di carte come tanti ma è magico...
In passato Paloma la madre di Rossella e Donatella era riuscita, pagandone le conseguenze anche lei, ad imprigionare i Fati, delle potenti figure simili agli dei, all'interno di un mazzo di carte, il Mazzo del Destino.
I Fati sono degli esseri pericolosi, malvagi, ilari... amano giocare con i sentimenti degli umani, si nutrono della loro paura e ora... sono ritornati per regnare incontrastati.

MAZZO DEL DESTINO: Uno dei metodi per leggere il futuro.
I Mazzi del Destino sono composti da trentadue carte: sedici immortali, otto luoghi e otto oggetti. 

Foto @ilsalottodelgattolibraio

Vediamo le composizioni delle carte:

I FATI MAGGIORI
Il Re Assassinato
La Regina Non-Morta
Il Principe di Cuori
La Morte Fanciulla
La Stella Caduta
La Signora Fortuna
L’Assassino
L’Avvelenatore

I FATI MINORI
Il Giullare Matto
La Dama Prigioniera
La Sacerdotessa
Le Ancelle
La Sposa Nubile
Il Caos
La Vergine Incinta
Lo Speziale

I Fati erano trentadue. Otto luoghi fatidici, altrettanti oggetti fatidici e sedici Fati immortali. Come gran parte degli abitanti dell’Impero di Mezzo, anche Tella un tempo aveva creduto che quegli esseri antichi fossero solo un mito, ma frequentando Jacks aveva imparato che erano più simili a divinità malvagie.

PRINCIPE DI CUORI - Jacks

Donatella fa la sua conoscenza nel secondo capitolo, Legend, quando spinta dal bisogno di ritrovare la madre, si imbatte in questa figura crudele, beffarda e manipolatrice.
Jack è un personaggio emblematico, a tratti freddo e calcolatore in altri bello e irresistibile.

E si ritrovò di fronte Jacks, tale e quale al Principe di Cuori che l’aveva ossessionata da bambina. Carnagione pallida, capelli biondo-dorati che gli spiovevano sugli occhi di un innaturale azzurro argento, appena appena iniettati di sangue. Ma il suo sorriso era smagliante e affilato come un rasoio che non vede l’ora di essere usato.
Ha un fascino magnetico, misterioso e la nostra protagonista, Donatella spesso si lascierà ingannare da lui.
Ma sarà proprio uno dei suoi baci mortali, immune a quanto pare per Donatella, a far battere nuovamente il cuore 

Secondo il mito, il Principe di Cuori possedeva la facoltà di controllare le emozioni. Ma dato che Jacks non era nel Mazzo del Destino quando Legend aveva liberato gli altri Fati, avrebbe dovuto avere ancora solo metà della sua magia.

Jacks le rivolse uno dei suoi classici sorrisi con le fossette, le labbra schiuse in un ghigno scaltro che lo trasformarono nel bellissimo Principe di Cuori che tanto l’aveva affascinata da bambina. «Forse preferisco essere io a torturarti.

Questo è tutto miei cari lettori... ma non perdetevi le prossime tappe che troverete sui blog, Aria's Wild - Playlist e Worldbuilding e The enchanted library - Recensione

Vi lascio qui anche un piccolo gioco dedicato a questa bellissima serie, realizzato dalla rizzoli.




Nessun commento

Powered by Blogger.