Fumettilandia

Cinegatto

BLOGTOUR: L'OPALE PERDUTO DI LAUREN KATE - 2° TAPPA

Buongiorno readers,
oggi ho il piacere di presentarvi la seconda tappa del Blogtour dedicato a questo nuovo libro di Lauren Kate. Che ne dite di conoscere alcuni dei personaggi del libro?


L'opale perduto
di Lauren Kate
                                                      

Genere: Romanzo Storico
Editore: Rizzoli
Prezzo: € 18,00 (ebook 9,99)
Pagine: 352
Uscita: 3 Settembre 2019

E Violetta si sente meno sola. Erano due spiriti affini su un tetto.È una cupa notte di dicembre del 1725, Venezia è stretta nella morsa dell’inverno. Violetta, cinque anni, si è rifugiata nella soffitta dell’istituto per trovatelli noto come ospedale degli incurabili, dove vive. Oltre il vetro gelido di una finestra, con la sua bambola stretta al petto, sente il canto soave di una donna, giù in strada, e la vede abbandonare un bambino nella ruota. Dieci anni dopo, in quella stessa soffitta piena di vecchi indumenti e violini rotti dove lei continua a sognare una vita libera, Violetta incontra Mino. Violinista dell’ala maschile dell’orfanotrofio e primo essere umano capace di farle intravedere, attraverso il soffio suggestivo della musica, un orizzonte di speranza. Ma questa inaspettata magia ancora non basta: troppo urgente è il desiderio di Violetta di diventare una cantante, e potrebbe essere un desiderio maledetto…dopo il successo mondiale della saga di Fallen, ecco il nuovo romanzo di Lauren Kate: la storia di un amore ostacolato, in una Venezia magnifica e crudele, città delle maschere, luogo perfetto dove nascondere, fin che si può, i trasalimenti del cuore.
focus on sui personaggi

L'opale perduto è stata una bellissima lettura, intensa e particolare e con questa tappa ho avuto il compito di presentarvi alcuni dei personaggi anche se a mio avviso, la musica e l'atmosfera veneziana, sono stati i protagonisti indiscussi di questa storia.


                                                     VIOLETTA 

Violetta è stata abbandonata quando era ancora una bambina, da quel giorno vive nell'Orfanotrofio degli Incurabili, un complesso di mura medievali che sorge
ai margini meridionali della città di Venezia.


È uno spirito libero e questo spesso la porta a trasgredire le regole dell'orfanotrofio, rimediando così punizioni severe, come il taglio dei capelli o le bacchettate sulla mano.

Ama la musica soprattutto il canto e il suo sogno più grande è quello di poter entrare nell'ambitissimo coro degli Incurabili.

Violetta amava la musica. Il suo cuore batteva al ritmo
dei concerti sacri che echeggiavano tra le mura dell’asilo,
ma la perseguitava anche il mistero silenzioso delle proprie origini. Era stata abbandonata quando aveva appena due
giorni. Nessuno sapeva da dove venisse, chi l’avesse portata
lì o per quale terribile motivo.


Segnata dall'ennesimo abbandono avvenuto davanti all'Orfanotrofio, Violetta giunge alla consapevolezza di non volere una famiglia soprattutto un figlio...

«Questo è quello che fanno le mamme» mormorò. «Questo
è quello che sono le mamme.» Con le mani tremanti
rimise a posto la bambola sul davanzale. «Io non sarò mai
una madre.»


                  MINO

Come Violetta anche Mino è un orfano degli Incurabili e proprio come lei, anche lui ama la musica, soprattutto il violino.

È una persona simpatica, generosa, onesta e amante dell'arte. Da subito attratto da Violetta, sogna di poter costruire una vita con la ragazza, di suonare in giro per il mondo con lei.

«Sono il ragazzo che non ti tradirà» rispose lui. «Puoi
chiamarmi Mino, se vuoi. Ma sei salita qui per stare da sola.
Ti lascio in pace. Scusami…»


Ma sarà proprio l'amore per Violetta a portarlo alla deriva. Ma grazie a delle splendide persone incontrate lungo la sua strada, riuscirà nuovamente a ricostruirsi una vita.


Pur essendo Violetta e Mino, i protagonisti indiscussi di questo romanzo, ho pensato di presentarvi anche altri 3 personaggi fondamentali....


                      LAURA 


 Laura è la classica ragazza modello, è la migliore amica di Violetta ma rispetto alla ragazza, lei è una persona più tranquilla e ligia al dovere.

Passa le sue giornate a preoccuparsi di qualsiasi cosa, soprattutto che Violetta non venga punita per l'ennesima volta.


Laura si preoccupava per gli esercizi vocali di Violetta e per gli spartiti di Violetta, troppo spesso sparpagliati sul pavimento. Nel corso degli anni era diventata bravissima a inventare scuse plausibili da presentare alla badessa per i ritardi a lezione di Violetta, ma non smetteva mai di temere
che alla fine l’amica sarebbe stata punita con la verga. Il loro rapporto era un duetto: più l’una si preoccupava, più l’altra le dava motivi per farlo.


Nel momento del bisogno, Laura è sempre lì pronta per Violetta.



                        FEDERICO
 
Da subito si intuisce che questa figura così misteriosa, imponente, ricca e solerte sarà una pedina fondamentale nella vita di Violetta.

È un personaggio passionale, potente e sempre pronto ad accorrere in suo aiuto. Proprio per questo la ragazza adorava la scioltezza della sua andatura, i suoi rari sorrisi, la lucentezza dei suoi capelli e le rughette intorno agli occhi, la forma tonda delle sue unghie
e il fatto che non si nascondeva mai dietro una maschera come tutti i Veneziani.

Ma anche Federico... nascondeva i suoi segreti.

Aveva bisogno di vedere Federico, ma lo temeva. Lui sarebbe stato ancora arrabbiato per la sua improvvisa scomparsa, per il fatto che aveva abbandonato la scena. E non sapeva ancora della collana.

Per finire potevo non presentarvi anche Sprezzatura per gli amici Sprezz? Non vi viene voglia di dargli una grattatina dietro le orecchie come era solito fare Mino?


SPREZZ
Senza Sprezz, procurarsi da mangiare sarebbe stato più difficile che mai.
Gli abissi della sua miseria continuavano a stupirlo. Si raddrizzò la maschera e riannodò il nastro.


4 commenti

  1. Non fremo così tanto a leggerlo, ma non nascondo nemmeno che mi incuriosisce ☺️☺️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Impegnativo all'inizio ma alla fine si è rivelata una bellissima lettura :-)

      Elimina
  2. Ma che bellissimo dreamcast hai formato.. secondo me ci hai assolutamente preso ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieee me li sono immaginata proprio così eheheh soprattutto Sprezz ahahah

      Elimina

Powered by Blogger.