Fumettilandia

Cinegatto

REVIEW PARTY: SORELLE SBAGLIATE DI ALAFAIR BURKE

Buongiorno readers,
eccomi qui a parlarvi di un thriller veramente intrigante che mi ha tenuta sulle spine fino alla fine.
In uscita oggi in libreria e in tutti gli store online, Sorelle sbagliate, di Alafair Burke, edito Piemme.


Sorelle sbagliate
di Alafair Burke
                                                      

Genere: Thriller
Editore: Piemme
Prezzo: € 19,50 (ebook 9,99)
Pagine: 302
Uscita: 11 Giugno 2019


Chloe è la più giovane delle sorelle Taylor, ma è sempre stata la più amata, forse perché nella sua vita tutto è sempre apparso sotto controllo. Invece Nicky... La scapestrata Nicky. Quella che ha sempre combinato tanti casini. Che ha sempre bevuto un po' troppo. Che ha sposato d'impulso il giovane avvocato Adam Macintosh e ha avuto un bambino, ma non sa essere né moglie né madre. Oggi, Chloe e Nicky sono due perfette estranee. Nicky è rimasta a Cleveland, sola. Chloe lavora a New York in un importante giornale di moda. Ce l'ha fatta. Non solo: si è presa qualcosa che apparteneva a Nicky. È stato più forte di loro: lei e Adam si sono innamorati. D'altra parte Nicky, quella volta, l'aveva fatta grossa, e quando Adam ha visto il suo bambino in pericolo, ha deciso che era troppo. Adesso Chloe e Adam sono sposati, e insieme stanno crescendo Ethan, il figlio che Nicky non ha saputo amare. Ma quando Adam viene trovato morto sul pavimento della loro casa di vacanza negli Hamptons, una serie di dubbi comincia ad affacciarsi nella vita di Chloe. Dubbi sul marito, che ultimamente era sempre più reticente a parlare del proprio lavoro. Dubbi sul figlio, che l'adolescenza ha decisamente messo in crisi. E perfino dubbi su se stessa. Perché la verità è molto più di quello che l'apparenza lascia credere. E la vita troppo spesso ci fa dimenticare le cose più vere.
RECENSIONE

Quante volte avevo notato che lui sembrava avere più cose in comune con me che con sua moglie? In quante occasioni avevo dovuto tenere a freno la lingua per evitare di essere accusata di voler sabotare l’unica relazione (più o meno) sana che mia sorella avesse mai avuto? E in quel momento eccoci lì, a ottocento chilometri di distanza, collegati solo da un segnale telefonico, ed era chiaro dalla parte di chi mi sarei schierata. Adam aveva bisogno di me. La nostra storia – a prescindere da Nicky – sarebbe nata in seguito, ma penso si possa dire che quella conversazione ne abbia segnato l’inizio. È stato il momento in cui ho anteposto Ethan al resto della mia famiglia, e così facendo ho scelto Adam. Non potevo prevedere che, quattro anni più tardi, sarei diventata la seconda moglie di Adam Macintosh, o che, dopo altri dieci anni, ne avrei ritrovato il cadavere.
Chloe pur essendo la più giovane delle sorelle Taylor, ha sempre dimostrato di essere quella più matura ed equilibrata. Dopo anni di studio e gavetta si è trasferita a New York e ora dirige un importante giornale di moda. Nicky invece, la maggiore delle due sorelle, ha passato la sua giovinezza a sballarsi e a cambiare frequentemente ragazzo, finchè non si è sposata con un giovane avvocato, Adam Macintosh, da cui ha avuto anche un figlio, Ethan.

Nonostante la gravidanza l'avesse migliorata, Nicky è ritornata ad essere la solita scapestrata ma dopo l'ennesimo incidente che ha quasi causato la morte di Ethan, Adam decide di chiedere aiuto a Chloe.
Adam ottiene l'affido di Ethan e su suggerimento di Chloe si trasferisce a New York. I due ovviamente finiscono per innamorarsi, si sposano e insieme, crescono Ethan diventato ormai un adolescente sensibile, triste, solitario e spesso problematico.

Chloe e Nicky con il passare degli anni, sono diventate delle perfette sconosciute, una vive a New York con una carriera galoppante alle spalle e l'altra è rimasta nella casa dei genitori a Cleveland, ma quando nella casa vacanza negli Hamptons, Adam viene trovato morto sul pavimento, ucciso da diverse coltellate, le due sorelle sono costrette a ricontrarsi e a condividere un grande dolore perchè a quanto pare, il principale indiziato è proprio Ethan.

Perchè Ethan avrebbe dovuto uccidere un padre e un marito così "perfetto"? Adam era veramente una persona così affidabile e premurosa? A cosa stava lavorando prima di essere trovato morto?


Sorelle sbagliate è stata una lettura assolutamente sensazionale... l'autrice è riuscita più volte a stupirmi e ad intrigarmi, depistandomi in continuazione. Con il crescere della storia poi, ci sono state delle rivelazioni veramente agghiaccianti che hanno aumentato ancora di più il ritmo del libro.
La Burke, con la sua scrittura precisa e fluente, ha dato vita ad una storia avvincente, ben congeniata e piena di intrighi, suspense, drammi di tribunale e dinamiche familiari.

Oltre al rapporto conflittuale tra sorelle infatti, verranno toccati punti importanti come l'abuso dei social, la violenza sulle donne o la complessità delle relazioni femminili e i diversi ruoli che le donne svolgono nella società contemporanea.
Il tutto viene affrontato con delicatezza ma anche con tanta professionalità, mostrandoci così tutti i lati di una "famiglia perfetta".

Ho apprezzato molto anche tutta la parte dedicata al processo che solitamente, non essendo un'esperta del settore, mi annoia moltissimo. La scrittura della Burke però è così coinvolgente, veloce, diretta e a tratti divertente, che è riuscita a tenermi incollata al suo libro fino alla fine.
Se siete in cerca di un bel thriller cosa aspettate?


1 commento

Powered by Blogger.