Fumettilandia

Cinegatto

CINEGATTO: CLIMAX

Hola readers,
eccoci qui con un'altra bellissima prima visione che la nostra cara Ilenia ha visto per noi, Climax, uscito ieri in tutte le sale cinematografiche.


Scheda Film

Gaspar Noé è stato a Milano presso la Fondazione Prada dove ha tenuto una conferenza su Climax, il film presentato alla 71° edizione del festival di Cannes e in uscita al cinema in Italia a partire dal 13 giugno grazie a Mial Vision ed Europictures. Una lunga conversazione che, partendo da Climax, ha toccato tutti i punti fondamentali del suo cinema. Dall’improvvisazione attoriale e registica alla cinefilia, dall’utilizzo delle sostanze psicotrope a scopo creativo, fino alle nuove tecniche cinematografiche, come la realtà virtuale, che ci proiettano verso una nuova concezione di cinema.

Climax, film diretto da Gaspar Noé, è la storia di un gruppo di venti ballerini francesi che in una notte invernale si riuniscono in un remoto edificio isolato nel bel mezzo della foresta. Siamo a metà degli anni Novanta e la nottata di prove per i giovani in breve tempo si trasforma in un festino a base di sangria e LSD. Tra musica alta e divertimento, i giovani vengono pervasi da una strana e ipnotica follia, che crescerà di ora in ora. Sebbene alcuni si sentiranno in paradiso, altri si ritroveranno immersi nel loro inferno personale.
Climax è un film di genere drammatico, horror, musicale del 2018, diretto da Gaspar Noé, con Sofia Boutella e Romain Guillermic. Uscita al cinema il 13 giugno 2019. Durata 95 minuti. Distribuito da Mial Vision con Europictures. 

RECENSIONE

Climax racconta la storia di un gruppo di ballerini francesi che dopo aver fatto delle prove di ballo si concedono una serata di relax e divertimento a base di musica e sangria. Alla bevanda è stata aggiunta l LSD, e inconsciamente questi giovani talenti si stanno drogando. Da un clima di festa e divertimento si passa ad uno scenario horror.


Un film angosciante dove gli attori rappresentano il comportamento che la droga provoca:
disinibizione, follia e paura.
Il film è vietato ai minori di 18 anni è ovvio! Le scene sono crude e scandalose: la morte di un innocente bambino, una donna incinta ovviamente presa a calci sullo stomaco, un ragazzo abbandonato a morire al freddo, una ragazza che prende fuoco, urla, sesso violento e lacrime.


Durante la visione del film ci si aspetta sempre che succeda qualcosa di terribile e quel qualcosa sotto effetto della droga arriva sempre. Il messaggio del film è molto chiaro: la droga uccide te e chi ti sta intorno. Ottimo messaggio ma la critica è rivolta alla sceneggiatura: perché girare delle scene con la macchina da presa rivolta al contrario? Perché far apparire la
scritta  ad effetto “morire è un esperienza incredibile? 


45 minuti di scene mute con un sottofondo di urla è qualcosa di esagerato. Sembra quasi che il regista voglia arrivare per forza a fare scandalo con questo film piuttosto che a lanciare un messaggio chiaro.




Voto



2 commenti

  1. Noé è genio e sregolatezza. Esagerato, ma lo amo molto. Questo non ha fatto eccezione.

    RispondiElimina
  2. Di sicuro è un'esperienza, e la vivrò presto ;)

    RispondiElimina

Powered by Blogger.