RECENSIONE: LE AMICHE CHE VORRESTI E DOVE TROVARLE DI BEATRICE MASINI E FABIAN NEGRIN

Buongiorno Gattolettori,
è arrivato il momento di parlarvi di un'iniziativa molto carina che è stata realizzata grazie alla collaborazione dell'illustratore Fabian Negrin e alla penna narrativa di Beatrice Masini.
Attraverso l'albo illustrato della collana Strenne per ragazzi, ci faranno conoscere le eroine, più o meno note, della letteratura.

Le amiche che vorresti e dove trovarle
di Beatrice Masini e Fabian Negrin


                                                       
Genere: Narrativa per ragazzi
Editore: Giunti
Prezzo: € 18,00
Pagine: 177
Uscita: 3 Aprile 2019


Un libro realizzato a quattro mani da Beatrice Masini e Fabian Negrin. Ventidue ritratti di eroine letterarie - da Emma Bovary a Jane Eyre, da Lady Chatterley a Anna Karenina, da Jo a Pippi Calzelunghe, fino ad arrivare alle modernissime Matilde di Roald Dahl o Mina di David Almond - che hanno in comune la caratteristica di uscire dagli schemi della propria società. Le tavole sono diversificate stilisticamente a seconda del carattere e del tipo di personaggio. A ciascuna eroina è dedicato un brano evocativo attraverso cui l'autrice condivide con le giovani lettrici le emozioni e i temi che il personaggio si porta dentro, come una porta che si apre su mondi e sogni sempre nuovi. In appendice, una breve contestualizzazione con informazioni sui romanzi e gli autori citati. Età di lettura: da 11 anni.
RECENSIONE

Come vi ho accennato prima grazie al libro "Le amiche che vorresti e dove trovarle" è stata lanciata da Giunti, un'iniziativa molto carina, "Adotta un’amica" in cui librai e blogger hanno scelto di adottare un'eroina di questo libro. Curiosi di conoscere la nuova amica del salotto del gatto libraio?

SUSAN JULIA CARAWAY


Vi presento la mia amica Susan, una ragazza eccentrica e fuori dal comune che è appena arrivata alla Mica Area High School in Arizona.
Susan Julia Caraway è una ragazza molto particolare e proprio per questo, ha deciso di farsi chiamare Stargirl Caraway. È la prima volta che si rapporta con il mondo studentesco,  per anni infatti ha studiato in casa.

Che sia una persona eccentrica quindi ve l'ho già comunicato, ma il fatto che sia anche una vegetariana conformista è tutto un programma... cosa vuol dire? Chiedetelo a lei, vi assicuro che sarà uno spasso ascoltarla.

Stargirl ha sicuramente molti difetti, se così si può definire l'essere "diversi" ma c'è da dire che a gentilezza non la batte nessuno e questo purtroppo non fa che creare continui contrasti con i comportamenti abituali della comunità che per la sua singolarità, la definiscono arrogante, impicciona e egocentrica.

Com’è difficile non essere uguali.
Ma com’è bello.
Prendi una ragazzina che invece di mettersi in divisa sceglie molli abiti volanti fuori moda. Che potendo andrebbe sempre in giro scalza. Che porta un topo in tasca. Che suona l’ukulele. Che viene da lontano. Che ha imparato un sacco di cose, e non sui libri di scuola, perché alla scuola - la scuola vera, coi banchi e tutto - non è proprio abituata.
Metti che si chiami Stargirl.
Di una così non puoi che innamorarti. Di nascosto, però. Perché se fosse come le altre sarebbe tutto così più semplice.
E lei non sarebbe quello che è.


Fortunatamente anche se viene esclusa dai compagni, Stargirl non si lascia intimidire, anzi, sa quali sono i sentimenti che valgono di più, come quelli che prova verso la propria famiglia.

Anche lei però si è imbattuta nell'amore, quello per Leo, un suo compagno di scuola, che pur amandola, ha paura di essere etichettato come lei. Stargirl per lui ha deciso di uniformarsi alla massa, di ritornare Susan, di smettere di essere "diversa" ma è giusto annullare il proprio io per poter essere accettati?
Susan non potrà mai far parte dei "cool" per loro sarà sempre una "sfigata", una ragazza che veste abiti stravaganti e che va in giro sempre accompagnata da un topolino domestico e un ukulele a tracolla.


“Era elusiva. Era oggi. Era domani.
Era il profumo sfuggente di un fiore di cactus, l’ombra fugace di un gufo stregato.
Non sapevamo come comportarci, con lei.
Tentavamo di fissarla a una tavola di sughero come una farfalla, ma lo spillo l’attraversava e lei volava via”.

Bellissimo personaggio quello di Susan vero? La mia nuova amica sembra proprio fatta per me...  Tornando al volume, Le amiche che vorresti e dove trovarle è un libro che divorerete in pochissimo tempo ma state attenti... dopo vi ritroverete in libreria ad acquistare tutti i libri di quelle protagoniste che ancora non avevate avuto il piacere di conoscere.

E già avete proprio capito bene, vi ritroverete infatti a leggere ventidue ritratti di eroine letterarie - da Emma Bovary a Jane Eyre, da Jo March a Anna Karenina o ancora da Mary Poppins a Alice, fino ad arrivare alle modernissime Matilde di Roald Dahl e Pippi Calzelunghe.
Ogni "amica letteraria" sarà accompagnata da un bellissima illustrazione che a seconda del carattere e dell'identità del personaggio potrà dersificare in forma e colori.

A ciascuna protagonista poi sarà anche dedicato un brano riguardante la propria storia, una frase evocativa per il quale sono diventate famose...ne volete un esempio?

“O il pozzo era molto profondo, oppure lei cadeva molto piano,
perché mentre scendeva ebbe un bel po’ di tempo
per guardarsi intorno. Subito tentò di capire dove stava andando,
ma era troppo buio per vedere alcunché; poi guardò le pareti
del pozzo e si accorse che erano piene di armadi e scaffali;
qua e là vide mappe e quadri appesi a ganci.
Passando prese un barattolo da uno scaffale.
Sull’etichetta c’era scritto MARMELLATA DI ARANCE,
ma con sua grande delusione era vuoto; non le andava di buttar via
il barattolo, così mentre cadeva riuscì a infilarlo in un armadio”. 

Come non ricordare la discesa di Alice all'interno di un buco, pronta a trasportare la protagonista e il lettore, in un nuovo mondo pieno di avventure e ostacoli da superare?

Attraverso questo splendido libro per ragazzi, ho avuto anche il piacere di fare una prima conoscenza con protagoniste che, per una cosa o per un'altra, non ancora incrociato la mia strada di lettrice... Anna Karenina, Catherine Earnshaw sono pronta a conoscervi veramente!

Non voglio aggiungere altro perchè "Le amiche che vorresti e dove trovarle" è un libro che va sfogliato e contemplato in ogni sua pagina, solo facendo così oltre a rendervi conto della bellezza infinta delle illustrazioni, vi accorgerete che in compagnia di un libro, non si è mai soli!
UNO SGUARDO AGLI AUTORI

Beatrice Masini è nata a Milano, dove vive e lavora. Giornalista, traduttrice (tra i suoi lavori i libri della saga di Harry Potter), editor, scrive storie e romanzi per bambini e ragazzi.

Fabian Negrin è nato nel 1963 in Argentina e vissuto fino ai diciotto anni in Argentina. Laureato in Messico si trasferisce nel ’89 in Italia dove attualmente abita. Lavora prevalentemente nell’ambito dell’editoria per ragazzi per l’Italia e l’estero. Fra i libri da lui illustrati ricordiamo:Storia del re Kabul e dello sguattero Gauwauin di Max Jacob e Il cavallo alato di Silvina Ocampo per Mondadori; Il Nataledi Dylan Thomas e Breve storia del mondo di Gombrich per Salani; The Selfish Giant di Wilde per Bloomsbury; Una notte di Hanukkah di Singer per Einaudi Ragazzi; The Secret Footprints di Julia Alvarez per Alfred Knopf,Wizard Tales di Fiona Waters per Pavilion Children's Books. Ha scritto i seguenti libri: Lerolero e altre storie per Mondadori e Il Gigante Gambipiombo, Molto nuvoloso, In bocca al lupo, Il mondo invisibile, Fumo negli occhi, Una rapina da quattro soldi e Occhiopin per Orecchio Acerbo Editore.

2 commenti

Powered by Blogger.