Fumettilandia

Cinegatto

PAGINA 69 #67

Eccomi nuovamente qui readers,
a parte qualche eccezzione il giovedì diventerà in tutto e per tutto il giorno dedicato agli autori emergenti e grazie ad una new entry che scoprirete la prossima settimana, troverete sempre una recensione dedicata ai nostri autori emergenti.
Che ne dite ora di passare alla nostra Rubrica di Pagina 69?
Oggi sul Blog abbiamo come ospite Stefano Caruso e il suo libro "Shameland".

Pagina 69

Se sei un autore emergente e vorresti anche tu il tuo spazio nella Pagina 69 pui inviarmi il tuo materiale a gattolibraio@libero.it

Autore Emergente se ti sei appena sintonizzato sul mio blog, il giovedì è dedicato a te quindi scegli come vuoi avere un po' di visibilità (segnalazione o pagina 69) e invia un email a gattolibraio@libero.it con il libro 

Sia per la pagina 69 che per la segnalazione dovrai inviarmi il seguente materiale:
- Libro da segnalare
- Piccolo estratto a piacere del libro
- Biografia
- Foto autore/autrice o qualcosa che vi rappresenti

Avviso: Tutte le email sprovviste di questo materiale non saranno neanche prese in considerazione

Ricordo che la rubrica è stata ideata da Ornella di Peccati di Penna.
 
SHAMELAND - STEFANO CARUSO

Genere: Fantasy/Humor
Prezzo:
€ 9,99 (ebook € 1,99)
Editore: Self Publishing
Pagine: 219
Pubblicazione: 26 Giugno

Shameland nasce dalla domanda: perché i cattivi nei fantasy fanno cose stupide?
Non uccidere il protagonista quando ne hanno l’occasione, torturare in maniera inutile i suoi amici per farlo arrabbiare, fare cose cattive tipo stare fermo nella fortezza mentre il suo regno cade in pezzi, aspettare che il protagonista sia abbastanza forte da ucciderlo e non affrontarlo prima…
Shameland risponde: lo fanno perché il cattivo più stupido vince la Evil’s League.
Il Signore Oscuro di Shameland è in lotta per vincerla.
Ma con un Prescelto completamente fuori di testa, il piano non andrà come previsto...
Se siete stufi dei soliti cliché, dell’abuso dei viaggi nel tempo, delle ragazze che si innamorano del protagonista perché sì, delle forzature di trama, dei flashback,… Questo è il romanzo che fa per voi.

ESTRATTO




«Hai idea di quanto sia noioso fare il tiranno senza Ribellioni™ e Prescelti™? Chi uccido? Chi squarto? Secondo te chi è che finanzia di tasca propria gli insorti? Eh? Che razza di figura farei al meeting interdimensionale dei Signori Oscuri™ se non compio almeno un genocidio ogni cinquant’anni?» Il Signore Oscuro™ si massaggiò le tempie. «Uccidere i neonati che potranno a loro volta uccidermi diventando grandi, come la logica imporrebbe, non mi farà guadagnare Punti Cattivo… I neonati non valgono niente…» sbuffò. «Vi ricordate Erode? È finito ultimo alla prima edizione del torneo. È stato preso per il culo persino da Darth Vader… Io vi sembro così scemo? Fottuti orchetti senza cervello!» Il Signore Oscuro™ fece una pausa e prese un respiro profondo. Scacciò con la mano una mosca che gli svolazzava davanti agli occhi. «Io vorrei imitare il mio grande maestro, Galbatorix!» guardò ammirato un punto non precisato del soffitto a volta. «Ah! Che uomo, signori miei! Non si è schiodato dal trono nemmeno col Prescelto™ alle porte! Ho ancora tanta strada da fare…» il Signore Oscuro™ sospirò, carico di ammirazione, poi tornò a rivolgere la propria attenzione agli orchetti e riprese il suo discorso: «Per non parlare del fatto che sono secondo nel Campionato Dei Tiranni Più Cattivi Del Secolo Scorso e Presente, millecinquecento punti avevo… Avevo sorpassato perfino quel vecchio rincoglionito di Sauron! Avevo la vittoria in pugno, avevo! Ma quello stronzo di Voldemort continua a spammare Avada Kedavra, e così mi ha superato di cinquanta punti negli ultimi dieci anni!»

Si girò verso il muro e tirò un pugno che creò una crepa orizzontale lungo tutta la parete.
«Ditemi voi se è giusto… lui punta un bastoncino, dice una formula e il nemico muore… io devo stanarli e combattere contro di loro all’ultimo sangue… per me è irregolare!» sbuffò il Signore del Male™.
«Anche secondo noi è irregolare, signore» dissero in coro gli orchetti.

«L’arbitro dice che è regolare, dice…» il Signore Oscuro™ sputò per terra, subito un orchetto armato di straccio si precipitò a pulire. «Per fortuna la maga gnocca profetica ha fatto la sua nuova profezia, temevo saltasse il secolo…» Incrociò le braccia e rifletté ad alta voce: «Devo ideare un piano così assurdamente complicato e arzigogolato da fare cinquecento punti in un colpo solo! Voldemort non capirà nemmeno come ha perso!» il Signore Oscuro™ scoppiò in una risata malvagia che fece tremare i muri. «Non vedo l’ora di alzargli la coppa in faccia! Immaginate la sua espressione quando vedrà che ho vinto! Sbiancherà d’invidia!» scoppiò in una risata incontrollata. «L’avete capita? Andiamo su, avete visto com’è pallido?»
Gli orchetti rimasero in silenzio, perplessi.
STEFANO CARUSO



Nato a Rivoli nel 1994, cresciuto senza genitori e senza punti di riferimento.
Da piccolo volevo scrivere un libro: 60 pagine di disegni di dinosauri legato con lo spago, insieme formavano una storia che raccontavo a voce alle persone.
Ho studiato tecnica narrativa e vari manuali di scrittura da autodidatta. Ci ho messo una decina d’anni prima di decidermi a buttare giù il primo romanzo.
Voglio portare qualcosa di fresco a mai visto nel panorama italiano, sono alla continua ricerca di artisti con cui confrontarmi e da cui imparare.
Allora che cosa ve ne sembra? Vi ho incuriosito? Correte ad acquistarlo...


2 commenti

  1. Questo autore è delle mie parti :-) (oddio una cinquantina di chilometri...) però il fantasy non fa per me :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Di che zona sei tu? :)
      Comunque peccato, anche se è un fantasy piuttosto atipico, magari ti piacerà qualche mio lavoro futuro (principalmente thriller)

      Grazie ancora al gatto libraio! :)

      Elimina

Powered by Blogger.