Fumettilandia

Cinegatto

LeacchiappaVip

IL TRONO DI PELLICOLE: WEDNESDAY CONQUISTA NETFLIX

Mercoledì è la serie Netflix creata da Alfred Gough e Miles Millaril e con un produttore esecutivo d'eccezione: Tim Burton.



WEDNESDAY CONQUISTA NETFLIX

8 episodi ed è già un cult. Mercoledì ha la firma di Tim Burton e un passato molto conosciuto grazie alle storiche avventure de La Famiglia Addams, apparsa per la prima volta sul The New Yorker dal genio di Charles Addams.


Jenna Ortega è Mercoledì, adolescente molto particolare, con una predilezione verso il macabro e la capacità di conoscere eventi futuri e passati attraverso delle visioni. Con lei l'immancabile Mano, e a seguire - da lontano - la sua famiglia: papà Gomez (Luis Guzmán, mamma Morticia (Catherine Zeta-Jones, fratellino Pugsley (Isaac Ordonez) e zio Fester (Fred Armisen). Le avventure alla Nevermore fanno da sfondo a questa serie tv che ha conquistato il popolo di Netflix: come mai?


Se non avete visto Mercoledì, non continuate a leggere per evitare gli SPOILER!



Gli episodi diretti da Tim Burton sono decisamente i migliori. In particolare due scene hanno giustamente raggiunto il cuore dei fan: il violino e il balletto. Non occorre dire altro, sono due scene iconiche che rimarranno a lungo nella memoria degli spettatori. Nel complesso, il punto di forza del telefilm è proprio Mercoledì e la sua interprete, Jenna Ortega. Non solo la giovane Addams è da sempre un personaggio caratteristico e riconoscibilissimo, che piace per la sua imprevedibilità e per il suo gusto grottesco, ma la Ortega ha saputo rendere una Mercoledì adolescente nel migliore dei modi. Non potrebbe essere più iconica di così, non potrebbe piacere di più. I personaggi che interagiscono con lei sono altrettanto ben strutturati e gli interpreti sono stati scelti in maniera eccellente, dalla compagna di stanza ai familiari della protagonista. Ciò che non convince del tutto è la storia, un po' troppo Hogwartsiana, con magia, una specie di Voldemort che ritorna ecc. Certo, Mercoledì doveva essere inserita in un contesto dark, però forse non c'era bisogno di caricarla di poteri, dentro una scuola di gente con altri poteri... La famiglia Addans vecchio stile non è quella di Netflix, e non poteva esserla in quanto prodotto destinato a una generazione diversa. Nel complesso l'esperimento è riuscito, ha catturato gli spettatori più giovani e interessato i più "vecchi", che però hanno storto il naso su molti punti. Mi chiedo: questo continuo successo di serie tv che si inseguono e poi si dimenticano, serve a qualcosa? Si parla già di come Mercoledì abbia buttato giù dal podio Stranger Things, ma non passerà molto tempo prima che la situazione cambi nuovamente. E così mi viene da sorridere, perché i "nostri" telefilm sono indimenticabili. Vuoi per l'attesa tra un episodio e un altro, tra una stagione e un'altra, per l'impossibilità di reperirli se non in tv e a un orario di programmazione stabilita... quei telefilm ce li portiamo ancora dentro e li guardiamo e riguardiamo, perché non sono imitabili, non passano di moda e non lottano per il podio, ma lo condividono. 


                                   

Nessun commento

Powered by Blogger.