Fumettilandia

Cinegatto

PROGETTO INFANZIA: OPAL LEE E IL SIGNIFICATO DELLA LIBERTA'

Buongiorno Gattolettori,
posso assicurarvi che qualsiasi età abbiate, non si smette mai di imparare. Oggi  infatti vi parlerò di Juneteenth, una parola che mi vergogno a dirlo, ho scoperto solo grazie a questo bellissimo albo.



Opal Lee e il significato della libertà
La vera storia della nonna del Juneteenth  
di Alice Faye Duncan - Keturah A. Bobo

 
Editore: 
Eternity
Prezzo: € 18,00
Uscita: 15 giugno 2022
Link d'acquisto: QUI

Quando Opal Lee aveva dodici anni, i vicini in preda alla rabbia bruciarono la casa della sua famiglia in Texas per il colore della loro pelle. Da quel giorno, decise che si sarebbe fatta portavoce dell’uguaglianza. E così è stato. Opal è diventata un’insegnante, una leader della sua comunità e un’attivista per i diritti civili, attualmente candidata al Premio Nobel per la Pace 2022. Con passione, tramanda storie vere che altri hanno dimenticato, ad esempio la storia della sua festa preferita: il Juneteenth. Questa ricorrenza segna il giorno in cui il 19 giugno 1865, nella lontana città di Galveston, in Texas, gli ultimi schiavi ricevettero finalmente la notizia della loro liberazione. All’età di 89 anni, Opal Lee ha percorso a piedi la distanza che separava la sua casa di Fort Worth da Washington, D.C., per chiedere che il Juneteenth fosse riconosciuto come festa nazionale Il suo impegno instancabile le è valso il soprannome di "nonna del Juneteenth" ed è stato premiato il 17 giugno 2021, quando il presidente statunitense Joe Biden ha firmato una legge che riconosce pubblicamente il Juneteenth come festa federale. Un libro illustrato che ispirerà i bambini a inseguire con coraggio i propri sogni e fare la differenza. Età di lettura: da 8 anni.
RecensionE

Mi spiace dirlo perché suona quasi come un'offesa verso le grandi opere di narrativa ma sto imparando molte più cose attraverso gli albi dedicati ai ragazzi che con i così detti libri per "adulti". È il caso di Opal Lee e il significato della libertà. La vera storia della nonna del Juneteenth una bellissima favola moderna che parla sostanzialmente di Liberta.
 


Ma facciamo un passo indietro, che cosa è il Juneteenth? Non meravigliatevi se non conoscete questo giorno, io ad esempio l'ho scoperto solo grazie alla gentilissima referente dell'ufficio stampa.
Il Juneteenth come "proclama Wikipedia" è una festa federale degli Stati Uniti che commemora la liberazione degli schiavi afroamericani, e viene utilizzata spesso anche per celebrare la cultura afroamericana. La ricorrenza è nata a Galveston, in Texas, e viene celebrata ogni anno il 19 giugno in varie parti degli Stati Uniti dal 1866

 

Il Juneteenth è stato riconosciuto come festa federale il 17 giugno 2021, quando il presidente degli Stati Uniti d'America Joe Biden ha firmato la legge del Juneteenth National Independence Day. È stata scelta la data del 19 giugno per la ricorrenza perché il 19 giugno del 1865 il generale dell'esercito dell'Unione Gordon Granger proclamò l'obbligo di liberare tutti gli schiavi del Texas, l'ultimo stato della Confederazione a non aver ancora abolito la schiavitù.  

 

 
Il testo, dolcissimo e colorato, accompagna bambini e ragazzi, all'interno di una storia vera in cui Opal Lee, un'attivista nera, si batte sia per l'uguaglianza e l'unità, che per ottenere il riconoscimento Nazionale del Juneteenth. Attraverso tre storie profonde quindi, i ragazzi potranno imparare dei punti fondamentali da non dimenticare mai nel corso della propria vita:

  • Siamo tutti uguali
  • Non bisogna avere paura di far sentire la propria voce
  • La libertà è per tutti. Il Juneteenth siamo IO e VOI
 

Se neanche voi conoscevate il Juneteenth, è arrivato il momento, grazie anche questo albo, di approfondire la storia legata al nome! Alice Faye Duncan e Keturah A. Bobo, hanno fatto un lavoro splendido e a mio avviso, testi così, dovrebbero diventare materiale scolastico, chissà se così, grazie alle parole semplici e alle immagini d'impatto, si riesca a sensibilizzare un po' di più i nostri ragazzi!



Nessun commento

Powered by Blogger.