Fumettilandia

Cinegatto

RECENSIONE: GIOCHI D'OMBRE DI DANIELA DAWAN

Hola readers,
ora eccomi qui a parlarvi di un bellissimo libro che vi permetterà di approfondire la parte più nascosta di voi stessi.

Giochi di ombre
di Daniela Dawan


Genere:
Young Adult
Editore: Arya Giunti
Prezzo: € 14,00 (ebook e 8,99)
Pagine: 204
Uscita: 19 gennaio 2022
 
Quattro amici: Antonio, dal fisico imponente, che scrive poesie come un poeta antico; l’ombroso Omar, che non riesce a riconoscersi omosessuale; Olivia, bella e intraprendente, che ne è innamorata; Nina, solare e combattiva, che si lascia trasportare con entusiasmo nel mondo magico di Antonio, orfano di nobili origini. Ospiti in un antico maniero intraprenderanno un viaggio fisico in un dedalo di cunicoli e passaggi, animati da oscure presenze e nelle tenebre riusciranno a rivelarsi l’un l’altro nella loro più segreta intimità. Adesso, dovranno affrontare la sfida più difficile: coniugare le loro realtà, familiari e personali, con quanto hanno scoperto di sé e degli altri nell’oscurità. Cambierà per sempre il loro destino, il viaggio intrapreso nell’oscurità e dentro di loro?
RECENSIONE

Ed ecco qui un altro piccolo gioiellino che dovrebbe diventare, a mio avviso, assolutamente materiale scolastico. Perchè? Perchè Giochi di ombre è un inno alla diversità, un libro in cui, nonostante siamo nel 2022 e tutto dovrebbe essere etichettato come "normale", ancora si tende a isolare e a escludere, per le così dette differenze sociali e sessuali. Daniela Dawan quindi con questo libro ha deciso di sensibilizzare e affrontare, con delicatezza ma anche con tanta naturalezza, quello che ancora al giorno d'oggi sono grossi tabù: l'omosessualità, colore della pelle, la paura di essere se stessi e credere nelle proprie capacità.

Omar, Olivia, Antonio e Nina,  sono i protagonisti liceali di questo romanzo i quali per una serie di vicessitudini, si ritroveranno a varcare per caso una botola segreta che magicamente o misteriosamente, li trasporterà all'interno di un antico monastero benedettino.
 
Sarà qui che i quattro amici, partendo da piccoli giochi fino a ritrovarsi ad affrontare vere e proprie difficoltà, inizieranno a scavare piano piano nel proprio io mettendo in risalto aspetti del loro carattere fino a quel momento nascosto. Nel corso della storia poi, riusciranno anche a superare le loro paure e a consolidare ancora di più, pur nella diversità, la loro amicizia.
 
"La magia e la realtà sono legate. Se ci credi è magia: sei tu che la fai esistere credendoci. Se non credi è realtà."

Come avrete capito dalla premessa iniziale, il libro mi è piaciuto molto e la ritengo un'ottima lettura per ragazzi. L'autrice infatti è riuscita con la sua scrittura scorrevole e naturale, ha trattare un argomento molto importante, come la paura di fare coming out in una società prettamente ancora "troppo etero", e c'è riuscita senza cadere mai troppo nel banale o nascondendosi dietro ad una ironia forzata. La storia poi fin dalle prime pagine, è ricoperta da questa aurea prettamente misteriosa che vuoi o non vuoi, ti incatena al libro fino alla fine.

Perché leggere Giochi d'ombre? Perché se state cercando un libro che vi permettere sia di spaziare con la fantasia che di riflettere, questo è il libro giusto per voi.

 


Nessun commento

Powered by Blogger.