Fumettilandia

Cinegatto

CINEGATTO: THUNDER FORCE

Disponibile su Netflix Thunder Force, film di Ben Falcone con Octavia Spencer e Melissa McCarthy.


Scheda Film



In un mondo terrorizzato dai supercriminali, una donna ha sviluppato il procedimento per dare superpoteri alle persone normali. Ma quando la scienziata Emily Stanton dà accidentalmente alla sua migliore amica Lydia abilità incredibili, le due donne devono diventare la prima squadra di supereroi. Ora tocca alla Thunder Force combattere super potenti criminali e salvare Chicago dalle grinfie di The King.

THUNDER FORCE

Siamo abituati a grandi supereroi, impavidi, imbattibili, scultorei. Poche volte il cinema ci ha offerto diverse prospettive, come l’Hancock di Will Smith o il Deadpool di Ryan Reynolds. Tuttavia si trattava sempre di eroi muscolosi, fortissimi, con l’aggiunta di caratteraccio o rotelle fuori posto. Questa volta, nel film di Ben Falcone, le eroine sono due, sono donne e non hanno nulla a che fare con i canoni classici del mondo fumettistico. Octavia Spencer e la moglie dello stesso regista Melissa McCarthy sono le Thunder Force, donne con il potere dell’invisibilità per la prima e super forza per la seconda. Il movente che spinge la piccola Emily a perseguire il sogno di diventare una scienziata viene liquidato nei primi minuti del film in un modo fin troppo veloce: dopo aver subito la perdita dei genitori uccisi da un gruppo di super criminali, Emily decide di continuare il lavoro iniziato da loro e creare un siero che doni dei poteri ai normali esseri umani. Non vengono spese molte parole di più, solo qualche confusa informazione che si perde facilmente nel corso del film. In realtà non è importante, perché il film è una commedia vera e propria – quanto riuscita è un altro discorso –, mascherata da cinecomic. La prima parte del film serve per mostrare le due personalità assolutamente opposte di Emily e Lydia, una quasi invisibile agli occhi degli altri e la seconda dal cazzotto facile. Crescendo, le due amiche sembrano inseparabili, ma la perfezione di Emily nella vita e nello studio vengono sempre più messe in pericolo dal carattere approssimativo di Lydia, finché le due non si allontanano. Anni dopo, in occasione di una rimpatriata scolastica, Emily e Lydia (ormai grandi e interpretate rispettivamente dalla Spencer e dalla McCarthy) si incontrano: la prima è una scienziata ricca e di successo, con laboratori ed edifici giganteschi – per sottolineare il tutto; la seconda è la solita Lydia del liceo, sconclusionata e approssimativa. Per un errore, il siero della forza su cui Emily lavora da anni viene iniettato alla sua amica ritrovata, enfatizzando il cazzotto facile. All’altra super donna non resta che avere il potere dell’invisibilità e, insieme, combattere i super criminali.


Non c’è nulla di particolarmente emozionante o divertente durante il film, tutto è abbastanza scontato e banale. Jason Bateman nella parte di Crab, un mezzo uomo e mezzo granchio, è contemporaneamente la cosa migliore e peggiore del film, perché fa parecchia impressione e allo stesso tempo non puoi togliertelo dalla testa. Per le due protagoniste il discorso è molto diverso: Octavia Spencer è una grandissima attrice, vincitrice meritatissima di un Oscar per The help, e qui sprecatissima; Melissa McCarthy dovrebbe far ridere, ma la verità è che la sua interpretazione in Copia originale è stata la migliore della sua carriera fino a questo momento, e non si trattava di una commedia. Forse le è stata affibbiata l’etichetta della comica, ma l’attrice ha altre carte da giocare, altre potenzialità da esplorare e in cui potrebbe raggiungere risultati migliori. Si parla di spreco di talento per tutto il cast e la critica ha già assegnato punteggi molto bassi al film. È un peccato perché le buone premesse c’erano tutte, ma ancora una volta, come spesso accade, non è stato fatto nessuno sforzo per rendere il film un prodotto diverso dal solito e di un livello comico e innovativo superiore al resto delle offerte sul mercato. altro dire, Buona visione!




2 commenti

  1. Hai detto bene: McCarthy, Spencer, Bateman..un vero spreco di talento in questo film!

    RispondiElimina

Powered by Blogger.