Fumettilandia

Cinegatto

GIORNATA DELLA MEMORIA 27 GENNAIO

Buongiorno readers,
oggi è il GIORNO DELLA MEMORIA una ricorrenza internazionale celebrata per ricordare e commemorare le vittime dell'OLOCAUSTO.
Ovviamente è inutile ricordare che questi eventi così incisivi e significativi della storia  Mondiale non andrebbero riportati alla mente solo una volta all'anno e soprattutto rendersi conto che la STORIA non ci ha insegnato proprio niente, però come ogni anno, ho deciso di dedicare un post a questa giornata così importante.
 

«La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.
In occasione del "Giorno della Memoria" di cui all'articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell'Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere. »


Cosa è accaduto a Roma?



L'Italia ha formalmente istituito la giornata commemorativa, nello stesso medesimo giorno, alcuni anni prima della corrispondente risoluzione delle Nazioni Unite: essa ricorda le vittime dell'Olocausto e delle leggi razziali e coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati ebrei, nonché tutti i deportati militari e politici italiani nella Germania nazista.

Prima di arrivare a definire il disegno di legge, si era a lungo discusso su quale dovesse essere considerata la data simbolica di riferimento: si trattava di decidere su quali eventi fondare la riflessione pubblica sulla memoria. Erano emerse in particolare due opzioni alternative. Il deputato Furio Colombo aveva proposto il 16 ottobre, data del rastrellamento del ghetto di Roma (il 16 ottobre 1943 oltre mille ebrei furono catturati e deportati dall'Italia ad Auschwitz): questa ricorrenza avrebbe permesso di focalizzare l'attenzione sulle deportazioni razziali e di sottolineare le responsabilità anche italiane nello sterminio.

Il rastrellamento del ghetto di Roma è consistito in una retata di 1259 persone, di cui 689 donne, 363 uomini e 207 tra bambini e bambine quasi tutti appartenenti alla comunità ebraica, effettuato dalle truppe tedesche della Gestapo tra le ore 5.30 e le ore 14.00 di sabato 16 ottobre 1943 (da cui il ricordo di questo giorno come Sabato nero), principalmente in Via del Portico d'Ottavia e nelle strade adiacenti ma anche in altre differenti zone della città di Roma. Dopo il rilascio di un certo numero di componenti di famiglie di sangue misto o stranieri, 1023 deportati furono avviati ad Auschwitz.
Cit. Wikipedia


Girando per Dachau - Estate 2014


 
Esterno di Dachau


 
Arbeit Macht Frei - Il lavoro rende libri 

 
Murales


Foto all'interno del campo 
 
Ti consiglio un libro

Sono tanti i libri che vorrei consigliarvi, non basterebbe un intero post quindi ecco qui i più significativi.





Ti consiglio un film...

E se volete celebrare la giornata con due bellissimi film... non potete assolutamente perdetevi due grandi classici, LA TREGUA e la VITA E' BELLA

 


"Mentre tutti noi continuiamo a domandarci sgomenti come possa essere stato possibile un evento colossale e atroce come l'Olocausto, ho voluto raccontare quelle decisioni che talvolta prendiamo in una frazione di secondo, per coraggio o codardia, e di come tutti noi possiamo essere al tempo stesso gli eroi e i cattivi". 
[Monica Hesse]

2 commenti

  1. Ci sei stata? Caspita, non oso immaginarmi lì, già dai film li sento opprimenti quei luoghi, figurarci starci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sono stata a Dachau un posto veramente suggestivo e inspiegabile... il silenzio parlava da solo

      Elimina

Powered by Blogger.