Fumettilandia

Cinegatto

RECENSIONE AUTORI EMERGENTI: L'ULTIMO SEGRETO DI PAGANINI DI DAVIDE LAZZERI

Buongiorno Gattolettori,
eccoci qui con un'altra lettura della nostra Simon. Oggi ci parlerà di un libro di Davide Lazzeri, L'ultimo segreto di Paganini.


L'ultimo segreto di Paganini
di Davide Lazzeri


Genere: Thriller
Prezzo:
€ 14,90 (ebook € 9,99)
Editore: Self Publishing
Pagine: 294
Pubblicazione: 18 Maggio 2020

1840. Muore Niccolò Paganini, il più grande e virtuoso violinista della storia, lasciando un segreto pericoloso per l’umanità. Rimarrà celato per più di un secolo e mezzo. 2012. Mentre a Genova vengono barbaramente massacrati due studiosi di musica artefici di una scoperta sensazionale, a Shanghai un luminare della chirurgia ricostruttiva viene ricattato e costretto ad eseguire interventi pericolosamente innovativi. 2013. Un famoso scienziato newyorkese dal passato torbido scompare nel nulla e contemporaneamente a Parigi ricompaiono i cadaveri mutilati di un gruppo di giovani violinisti russi rapiti l’anno prima. Quali connessioni ci sono tra tutti questi eventi? Claire Coriner – scienziata statunitense di neuropsicobiologa – comincia ad indagare cogliendo indizi che la portano in Europa. Seguendo un unico filo di sangue, potere e follia che lega gli eventi tra Italia, Francia, Germania e Spagna, farà luce su una catena di crimini, abili depistaggi ed eventi poco chiari che affondano le proprie radici nell’era nazista e negli sviluppi della musicoterapia come strumento terapeutico per il corpo e la mente. Scoprirà che le ragioni di questa cospirazione globale risalgono all’ultimo giorno di vita di Niccolò Paganini e nelle peculiarità delle composizioni musicali eseguite con il suo violino. Riuscirà Claire a scongiurare la minaccia che incombe? Con pagine intrise di scienza e di storia, questo romanzo accompagna il lettore attraverso scoperte mediche, rivelazioni storiche e teorie sul potere della musica nel controllo di massa e disvela elegantemente il male che si annida nel cuore dell'uomo. Ripercorrendo la vita del violinista più abile, controverso e chiacchierato della storia, L’ultimo segreto di Paganini indaga nel lato oscuro e demoniaco tanto celebre dell’artista che ha incantato per mezzo secolo il pubblico di tutta Europa. Guidati dal fantasma di Paganini, Claire ed i suoi compagni mettono in risalto i legami più oscuri ed arcani tra musica, medicina, fisica quantistica e controllo della mente, affrontando un viaggio che mescola abilmente fiction e realtà in un thriller mozzafiato che condurrà ad una verità inaspettata e crudele. Cosa sta rischiando davvero il mondo?
RECENSIONE

"Un fiume in piena di accordi improvvisati e straordinari riempie l'angusta stanza. Le dita corrono veloci sulle corde a inventare note diaboliche o divine. L'arco risponde a quel movimento con una corsa ancora più impetuosa facendo ardere le corde che emanano scintille come il fulmine in cielo. Sembra la voce di un uomo che a tratti piange commuovendosi e a tratti urla..."

L'ultima melodia di Paganini suonata nel suo ultimo giorno di vita, per lei molti moriranno...

 

Oggi la nostra Simon ha scelto di parlarci di questo libro seguendo un filone battagliero... lettura sì VS lettura no, chi vincerà?


PRO

Mentre leggevo il libro, è nata una gran voglia di approfondire e documentarmi sulla vita di Paganini. Le vicende riportate nel libro saranno vere, immaginarie? La risposta l'ho avuto, più che esauriente, nella Postafazione.

 

CONTRO

Manca un po' di fluidità tra i capitoli, talmente tante deviazioni, bivi, digressioni, spiegazioni, in ognuno di loro, che a tratti si perde la strada, si allenta la tensione e si toglie suspence al Thiller.

 

PRO

Ben prima di metà libro inziia a sbrogliarsi il bandolo della matassa e si entra totalmente nella storia che diventa davvero avvincente!


CONTRO

A momenti sembra quasi un saggio per lo stile narrativo, esplicativo, per me molto, molto interessante, ma c'è il rischio che un lettore non addentro a certi temi, possa incontrare degli scogli da oltrepassare, perdendo il filo del racconto e la concentrazione

 

PRO 

Lodo, apprezzo e lodo il parlare della MUSICA, immensa potenza vitale e indispensabile per la vita umana. Un mio perenne pensiero: La musica arriva dove non arriva l'uomo. Così come è bellissimo il riferimento alla vitalità, alla necessità, alla essenzialità dell'arte!


CONTRO

Gli argomenti sono complessi, articolati a volte sconosciuti e tanti. Da una parte è uno sprono per documentarsi dall'altra, a volte, è come se non ci fosse il centro dell'obiettivo, si perde un po' il focus.


PRO 

Appassionanti nella postfazione tutte le informazioni, note, riferimenti a testi, vicende, verità o immaginazione, sia sulla vita di Pagani che per gli effetti terapeutici della mosia, sia per la parte sulla chirurgia ricostruttiva che sull'infamia dei nazisti.

 

CONTRO

Passaggi storici sono in minoranza. Mi sarebbe piaciuto un più ampio respiro sulla parte storica, davvero intrigante.

 

PRO 

A parte alcuni dubbi sulla struttura e su, forse troppe, lunghe diramazioni, il libro è scritto davvero bene e mi ha sorpreso il fatto che sia un'opera prima. Tanti temi su cui poter riflettere, tante curiosità, e quello che di thriller c'è, coinvolgente! 

Un luminoso passaggio su cui soffermarsi...

 

"Voi potreste immaginare la vostra vita senza musica? Il mondo sarebbe lo stesso senza Mozart e Beethoven? E potreste immaginare la vostra vita senza un quadro, una statua, un bassorilievo? Il mondo sarebbe lo stesso senza la Cappella Sistina, la Monna Lisa, gli impressionisti e Picasso?"...

Nessun commento

Powered by Blogger.