Fumettilandia

Cinegatto

RECENSIONE: GUIDA AI PIZZI E ALLA PIRATERIA PER GIOVANI GENTILDONNE DI MACKENZIE LEE

Buongiorno readers,
se avete apprezzato la mia recensione dedicata al libro Guida ai vizi e alle virtù per giovani gentiluomini, allora non potete assolutamente farvi scappare questo secondo libro che vedrà come protagonista la sorella di Henry, Felicity.



Guida ai Pizzi e alla Pirateria per Giovani Gentildonne
di Mackenzie Lee 
                                                    

Genere: Narrativa
Prezzo: € 28,00 (ebook € 12,90)
Editore: Mondadori / Oscar Vault
Uscita: 29 settembre 2020

"Guida ai pizzi e alla pirateria per giovani gentildonne". Felicity Montague ha due obiettivi nella vita: evitare il matrimonio con Callum Doyle e iscriversi alla facoltà di medicina, riservata agli uomini. Una speranza però c'è: l'eccentrico dottor Alexander Platt sta cercando assistenti. Felicity dovrebbe recarsi da lui in Germania, ma non ha i soldi per il viaggio. Fortunatamente una donna misteriosa si offre di pagarglielo, purché la porti con sé travestita da sua cameriera. Quali sono i veri motivi di tanta insolita generosità?
RECENSIONE

Se avete letto Guida ai vizi e alle virtù per giovani gentiluomini, avrete sicuramente già avuto modo di conoscere Felicity, la sorella minore di Henry Montague, ma se ancora non lo avete fatto, non vi preoccupate perché in questo libro, dedicato interamente a lei, avrete l'onore di conoscerla.
In Guida ai pizzi e alla pirateria per giovani gentildonne infatti tutto il racconto sarà incentrato su Felicity che nel primo libro, ha dimostrato di avere grandissime abilità nel campo della medicina, nonostante a quel tempo, le donne fossero ritenute capaci solo di occuparsi di ricami, salottini da the e letture romantiche.

Felicity dopo la fantastica avventura del Grand Tour in compagnia del fratello e l'amico di sempre, Percy, si imbarca per Edimburgo in cerca di maggior fortuna. Il suo sogno è quello di riuscire ad entrare in qualche facoltà di medicina ma anche qui le donne sono viste quasi peggio degli schiavi e per questo si ritrova a lavorare in una panetteria. Ma quando il proprietario del locale si invaghisce di lei e le chiede di sposarlo, ecco che Felicity scappa e ritorna in Inghilterra.
Qui apprende la notizia che una sua amica di infanzia, Johanna, si sta per sposare con l'eccentrico dottor Alexander Platt, un bravissimo luminare nel campo medico, Felicity quindi, nonostante da anni non abbia più rapporti con la sua amica, corre a Stoccarda per partecipare al suo matrimonio e convincere il dottore ad assumerla come sua assistente. 
Ma Alexander Platt è veramente chi dice di essere? Riuscirà insieme a Sim una piratessa incontrata nel primo libro a scoprire la verità?

Anche questo secondo libro della Mackenzie è stata una ventata di aria fresca. L'autrice ha dimostrato ancora una volta, di avere uno stile unico, vivace, ironico e coinvolgente che, non so quale magia faccia, ma riesce ad incatenare il lettore fino alla fine e a spingerlo ad amare ogni personaggio incontrato.

Non vi nascondo però che nonostante in questo volume la Mackenzie ci abbia fatto viaggiare verso paesi affascinanti e magici come Stoccarda, Edimburgo, Zurigo, Algeri e Gibilterra, io ho preferito di gran luca il primo volume. Come avrete capito qui la storia è prettamente incentrata sulla difficoltà di essere donna in quel secolo, dell'incapacità dell'uomo di riconoscere che anche una donna è in grado di curare un malato, non mi sono assolutamente annoiata, perché come vi ho detto, la Meckenzie ha uno stile assolutamente perfetto però... non mi ritengo così femminista ehhe.

In conclusione perché leggere Guida ai pizzi e alla pirateria per giovani gentildonne? Perché anche qui vi ritroverete a viaggiare in una storia in cui  ogni momento è giusto per far accadere qualcosa di  intrigante e misterioso.

Nessun commento

Powered by Blogger.