RECENSIONE AUTORI EMERGENTI: NOI ANCORA UNA VOLTA DI MARIE THERESE TAYLOR

Buongiorno Gattolettori,
eccoci qui con un'altra lettura della nostra Simon. Oggi ci parlerà di un libro scritto da Marie Therese Taylor: Noi ancora una volta.

Noi ancora una volta
di Marie Therese Taylor


Aggiungi didascalia
Genere: Narrativa
Prezzo:
€ 9,98 (ebook € 3,99)
Editore: Independently published
Pagine: 184
Pubblicazione: 28 giugno 2017

Noi ancora una volta è un decamerone tutto al femminile.
I racconti – irriverenti, sensuali e dai forti riferimenti culturali e letterari – ci offrono lo spaccato di una realtà ormai distante: la Roma negli anni Settanta e Ottanta, quando si parlava di rivoluzione e di emancipazione femminile, quando ancora si cercava un cambiamento nella politica e si pensava di poter fare la differenza a suon di manifestazioni e assemblee.
A far da cornice ai testi vi è la storia di cinque donne. Margherita entra in coma in seguito a un incidente, e le quattro amiche di sempre si organizzano per raccontarle del loro passato ruggente e spingerla così a risvegliarsi. Le storie personali si intrecciano con quelle delle coetanee in un mix eterogeneo. C'è chi sceglierà la classica vita borghese e chi fuggirà con un brigatista, chi si rassegnerà a una vita coniugale monotona ma sicura e chi opterà per la libertà a ogni costo.
Le musiche di quegli anni Settanta e Ottanta accompagneranno la narrazione. Grazie ai link e ai qr code presenti nel testo, sarà possibile ascoltare le canzoni su Spotify mentre si legge.
RECENSIONE

L'obiettivo è uno: Risvegliare Margherita.
Ognuna si chiede dove finisce il tangibile, quello che si può toccare con mano, vedere odorare, sentire, persino gustare, e dove inizia la realtà fatta anche di altri sensi, oltre a quelli conosciuti.
Margherita è in un letto di ospedale e le uniche che possono riportarla alla luce, sono loro, le amiche di una vita.
Si mettono attorno a lei, tutte... insieme e iniziano a raccontare... Ed è un pretesto per narrare la storia di cinque donne nell'arco degli anni, da ragazze all'età matura. Un viaggio attraverso la memoria, ricordi traboccanti di amori, speranze, trasgressioni, delusioni, allegria che si riallacciano ad un presente vagamente scolorito.

Tutti la danno per scontata. Lei c'è e questo è quanto. La amano di un amore stanco, dolce, abitudinario, come una consuetudine e nessuno, nè figli e nè il marito, da tempo le chiedono: "Come stai?"
Un nostalgico languore di un passato più vivo, forte, emozionante.
Margherita le guarda mentre parlano, con gli occhi del cuore, gli parla, inascoltata, mentre raccontano le loro storie. Lei in un'altra dimensione.

Ehi ragazze sono qui! Però, però che pace. Mi sento tranquilla, come su un materassino ad acqua. Non avverto più il peso del corpo. Ragazze? Ragazze! Siete sorde? State parlando dei miei occhi chiusi. Ho gli occhi chiusi? Ma allora come faccio a vedervi?

Le amiche continuano a raccontare e la loro storia si accavalla alle storie di tante donne che portano con se, le varie sfaccettature dell'amore: "Amori furiosi, calmi, continuativi, amori devastanti, amori riposano..."

Un viaggio attraverso il pensiero femminile parallelemente al cambiamento dei tempi, al modo di essere donna in ambito sociale, sentimentale, culturare e sicuramente in tutto questo, il vissuto dell'autrice.
La scrittura è scorrevole ben articolata, le storie interessanti e seducenti, varie come i caratteri, gli umori e le sensibilità di ogni donna. Un libro che mi ha presa anche se ho trovato un po' meccanico l'incipit di ogni racconto.

Magari sarebbe stato interessante trovare un modo più fluido e non didascalico per intrecciare e amalgamare lo scorrere dei racconti. Ma è avvincente, scorprire e riscoprire il passato di una donna, sempre così denso e colmo di emozioni.
Una piacevolissima lettura!





Nessun commento

Powered by Blogger.