Fumettilandia

Cinegatto

CHALLENGE RECENSIONI A CONFRONTO: LA MECCANICA DEL CUORE - GENNAIO

Buongiorno readers,
oggi sono qui per presentarvi il primo appuntamento della Challenge creata da me e Sabrina del blog Reading at Tiffany's, le recensioni a confronto.
Abbiamo deciso di iniziare questa mese con una lettura piccola ma dai contenuti enormi, La meccanica del cuore di Mathias Malzieu.
Se volete seguirci nei prossimi appuntamenti e leggere con noi, QUI troverete il calendario con le letture.



La meccanica del cuore
di Mathias Malzieu 
                                                    

Genere: Narrativa
Prezzo: € 8,50 (ebook 6,99)
Editore: Feltrinelli
Uscita: 22 maggio 2013

Nella notte più fredda del mondo possono verificarsi strani fenomeni. È il 1874 e in una vecchia casa in cima alla collina più alta di Edimburgo il piccolo Jack nasce con il cuore completamente ghiacciato. La bizzarra levatrice Madeleine, dai più considerata una strega, salverà il neonato applicando al suo cuore difettoso un orologio a cucù. La protesi è tanto ingegnosa quanto fragile e i sentimenti estremi potrebbero risultare fatali. Ma non si può vivere al riparo dalle emozioni e, il giorno del decimo compleanno di Jack, la voce ammaliante di una piccola cantante andalusa fa vibrare il suo cuore come non mai. L'impavido eroe, ormai innamorato, è disposto a tutto per lei. Non lo spaventa la fuga né la violenza, nemmeno un viaggio attraverso mezza Europa fino a Granada alla ricerca dell'incantevole creatura, in compagnia dell'estroso illusionista Georges Méliès. E finalmente, due figure delicate, fuori degli schemi, si incontrano di nuovo e si amano. L'amore è dolce scoperta, ma anche tormento e dolore, e Jack lo sperimenterà ben presto. Intriso di atmosfere che ricordano il miglior cinema di Tim Burton, ritmato da avventure di sapore cavalleresco, una favola e un romanzo di formazione, in cui l'autore, con scrittura lieve ed evocativa, punteggiata di ironia, traccia un'indimenticabile metafora sul sentimento amoroso, ineluttabile nella sua misteriosa complessità.
RECENSIONE SONIA

Se fosse stato un film, La meccanica del cuore avrebbe ricordato sicuramente una delle fiabe "dark" di Tim Burton... Il romanzo infatti mette in scena la rocambolesca vita di Jack che fin dalla nascita, a causa della notte più fredda del mondo, gli vediamo impiantare, dalla dottoressa Madeleine, la "strega della meccanica", un orologio a cucù affinchè il suo piccolo organo congelato possa scongelarsi e continuare a battere con regolarità.
Crescendo, il piccolo Jack, viene messo in guardia dalla fragilità del suo cuore, Madeleine infatti gli spiega che, sentimenti come l'amore e la rabbia, potrebbero essergli fatali.

E sarà proprio l'amore per una ballerina-cantante, Miss Acacia, a portare Jack lontanto da Madeleine e da tutti i suoi cari. Jask si ritroverà così a vivere un'avventura fuori dai canoni, un'avventura che da Edimburgo lo porterà fino in Andalusia, a Granada, per conquistare il suo grande amore. 
Jack e Miss Acacia si completano, sembrano aver trovato la felicità ma tra di loro c'è sempre quel cuore meccanico e quando i sentimenti mutano, tutto sembra ritornare alla realtà anche quella campana di vetro in cui era stato chiuso Jack fin dalla nascita...

Avrei preferito che il finale rimanesse in linea con le scene surreali e al limite della fantasia come per gran parte della storia, invece l'autore, Mathias Malzieu, abbandonato metafore e poesia che fino a quel momento ci avevano accompagnato, ha deciso di scaraventarci una realtà più cruda e diretta quasi a rompere volutamente l'incanto intorno a Jack e al suo mondo.

La meccanica del cuore è senz'altro una lettura delicata, dolce e poetica anche se a tratti, l'ho trovata dura e forte, tanto da mettere in risalto temi importanti come la diversità e il bullismo.
Nel complesso però l'ho trovata piacevole e dall'atmosfera coinvolgente anche se ho la presunzione di dire che... non è un libro adatto a tutti.

RECENSIONE SABRINA

Un libro così piccolo eppure così carico di intenti. La favola del piccolo Jack inizia con la sua nascita e un problema cardiaco che viene risolto con l'implemento di un orologio a cucù. Fin dalle prime ore di vita, Jack impara ad abituarsi al ticchettio dell'orologio ed essendo un ingranaggio alquanto delicato deve starci sempre molto attento ed evitare sentimenti che possano farlo scatenare troppo, come l'amore. Il piccolo Jack incontra Miss Acacia per caso e sembra tutto da subito magia, quel primo incontro è la chiave di tutta la storia, quel momento così sublime è l'inizio di un viaggio di riscoperta per il nostro protagonista. 

L'amore che ci viene narrato è un amore fedele e determinato, ci fa vagare insieme a Jack all'avventura per raggiungere finalmente la meta amata. Lungo la strada troviamo affrontate altre tematiche interessanti, la diversità, la famiglia ma forse avrei preferito fossero state evidenziate diversamente. I personaggi sono davvero originali e aggiungono quella nota poetica che ci confonde mascherandoci un libro ricco di riflessioni in una favola con scure sfumature gotiche, siamo circondati da atmosfere molto burtoniane e che mi hanno fatto sognare ad occhi aperti. 

Il finale mi ha spiazzato e mi ha lasciato un amaro in bocca che ha influenzato un po' la mia opinione della lettura in generale. Direi come voto un tre e mezzo, ho apprezzato la voglia dell'autore di mostrarci sentimenti forti, onesti e che sicuramente colpiscono ma ho anche trovato debolezza nella struttura della storia che riesce ad ingranare molto bene e che mi ha perplesso verso la fine.

2 commenti

  1. È lì, sulla mensola della mia libreria, che riposa beato... Dopo questa recensione credo sia giunto il momento di leggerlo ☺️☺️❤️📖

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura ne hai avute due con una botta... dai leggilo e fammi sapere che sono curiosa

      Elimina

Powered by Blogger.