Fumettilandia

Cinegatto

PAGINA 69 #41

Buon pomeriggio readers,
come tutti i giovedì è arrivato il momento di presentarvi l'autore ospite della pagina 69. Eccomi qui con, "Cronache di Fulgenzio Draconzio" di Raffaele Guadagnin.

Pagina 69

Se sei un autore emergente e vorresti anche tu il tuo spazio nella Pagina 69 pui inviarmi il tuo materiale a gattolibraio@libero.it

Autore Emergente se ti sei appena sintonizzato sul mio blog, il giovedì è dedicato a te quindi scegli come vuoi avere un po' di visibilità (segnalazione o pagina 69) e invia un email a gattolibraio@libero.it con il libro 

Sia per la pagina 69 che per la segnalazione dovrai inviarmi il seguente materiale:
- Libro da segnalare
- Piccolo estratto a piacere del libro
- Biografia
- Foto autore/autrice o qualcosa che vi rappresenti

Avviso: Tutte le email sprovviste di questo materiale non saranno neanche prese in considerazione

Ricordo che la rubrica è stata ideata da Ornella di Peccati di Penna.
 
CRONACHE DI FULGENZIO DRACONZIO 
RAFFAELE GUADAGNIN

Genere: Raccolta di racconti fantastici
Prezzo: 13,00
Editore: Poetikanten - ilfilorosso
Pagine: 214
Pubblicazione: Dicembre 2018

È di maghi giardinieri e draghi burloni, abili spadaccine e regnanti legulei, di umbratili bibliotecarie, che narrano le sei eroicomiche "Cronache dello studioso cosmopolita Fulgenzio Draconzio", delle sue peregrinazioni fra i docili declivi della nivea Altavetta e le lugubri rupi di Torretempesta, nei giorni in cui i piccoli Rufina, Crispino e Anselmo riscattarono gli enigmatici elfi di Boscoselvaggio e i Tetri Paladini dello stregone Morgante sfidarono i temerari cavalieri di Arcospezzato. Non credetegli, se lo desiderate, non credete alle canzoni di gesta del bardo Saffiro o al Diario di bordo di capitan Bonaventura: a Fulgenzio, in realtà, non importa. Immaginate. Età di lettura: da 7 anni.

ESTRATTO

 

Il mio nome è Fulgenzio Draconzio, però potete tranquillamente chiamarmi Messere Fulgenzio Draconzio Lisandro Ratberto di Rocca dei Senzaquattrini, quarto e ultimogenito di Ursicio Manoferma, Re di (ohibò!) Rocca dei Senzaquattrini.
Al maggiore dei miei fratelli Fidenziano Cutberto bla bla (potete tranquillamente chiamarlo Fido) spettano il castello (niente meno che un lugubre torrione abbarbicato a un lugubre isolotto!) e di succe-dere a mio padre con il titolo di Re Fido bla bla di bla dei bla. Al secondo (Nicez... beh, non importa) sarebbe spettato il mestiere dello studioso, ma, forse perché solito firmarsi incrociando due tremolanti righe in diagonale, è stato creato intrepido cavaliere. L’occupazione prediletta del terzogenito è invece il buontempone: scialacquatore capace, compete a lui di prosciugare pian piano il limitato patrimonio di famiglia. E chi rimane per cantare le gesta di Ursicio Eccetera, del suo regno di second’ordine, se non il qui scrivente Fulgenzio Draconzio?
Credo immaginiate che se il nostro reucolo leggesse (stentatamente, com’è suo costume) il lusinghie-ro ritratto appena riservato a lui e ai suoi baldanzosi rampolli ne sarebbe oltremodo scontento: mi spic-cherebbe la testa dal collo in un battibaleno! Tuttavia, nella trepidante attesa degli epici volumoni dedi-cati alle sue imprese (attesa che sarà estremamente lunga), questo libercolo di esigue dimensioni passerà sicuramente inosservato al suo sguardo minaccioso. Ma chi sono allora i protagonisti, i comprimari, gli antagonisti, le comparse e i caratteristi che quatti quatti o baccagliando vanno e vengono nel nostro di-messo manoscritto? E se non è l’epopea del triste regno del mio biasimevole padre e dei miei intempe-stivi fratelli, di quali luoghi ameni o orridi vi accingete a leggere?
Dovete sapere che molti studiosi sono anche dei grandi viaggiatori (e non era certo mia intenzione costituire un’eccezione!), quindi, imbarcatomi sulla nave corsara dei pirati Guiscardo Cattabriga e Ruti-lio Ingannasorte, ho fatto vela per il placido Golfo di Bonaventura, approdando al porticciolo di Onde-basse, la città più meridionale dell’Alkaden. Guidato da Cassiopea, Fata protettrice di vagabondi e fore-stieri, mi sono avventurato fino al limitare di Boscoselvaggio, per poi proseguire sull’accidentata Strada delle Robinie (dopo una sosta nella modesta locanda di Fiordaliso e Orso, beninteso!) alla volta della città di Arcospezzato. Infine ho valicato il passo dell’Ertosentiero, racchiuso dalle Cime delle Viverne, con l’aiuto dello scorbutico cacciatore Bruno Squarcialupo, e concluso il mio viaggio a Porto degli Sco-gli, flagellato dalle mareggiate del pericoloso Stretto del Kraken.
È delle persone conosciute durante il mio andare a zonzo, degli avvenimenti di cui sono state parte-cipi, che sono in procinto di narrarvi: della battaglia combattuta dal bizzarro mago Venerio contro il ba-silisco, e di quella tra i cavalieri di Arcospezzato e i Tetri Paladini dello stregone Morgante; della fuga delle due principessine Elena e Estella, del loro incontro con gli Elfi di Boscoselvaggio; dell’accoglienza ricevuta alla corte di Arcospezzato dal sentenzioso Re Tito e della stralunata regina Casimira; dell’imprevedibile accordo tra un gatto goffo e un cane brontolone, cioè il ladro Ale Giuratrabocchetti e il Capitano della guardia Rolfo Castigamatti; del riscatto del malvagio Michele di Foscomaniero e della grande amicizia tra i piccoli Rufina, Crispino e Anselmo.
E se queste testimonianze non dovessero incontrare il vostro favore, fingete pure che siano frutto della mia fantasia. Ma non illudetevi, perché a volte la fantasia muove gli animi più della realtà stessa. 



Fulgenzio Draconzio Lisandro Ratberto di Rocca dei Senzaquattrini

RAFFAELE GUADAGNIN

Raffaele Guadagnin nasce a Milano nel 1986. Laureato in lettere moderne e diplomato al conservatorio in Musica Elettronica, è insegnante di lettere negli istituti tecnici. Più volte premiato a premi letterari fetival musicali nazionali e internazionali, oltre alle raccolte di racconti Cronache di Fulgenzio Draconzio e Nuove Cronache di Fulgenzio Draconzio (ilfilorosso) ha pubblicato in rivista i saggi Ellie o dell’istanza generatrice in Laborintus di Edoardo Sanguineti (Studi Novecenteschi, n.83) e Prospettive storiche per un umorismo... mancato (Stile Euterpe, n.2), e in antologia In questo Purgatorio de l’inferno... e Carla e i Novissimi. Sempre in antologia ha pubblicato il racconto breve Il dilemma di Diabelli.
Allora che cosa ve ne sembra? Vi ho incuriosito? Qui potete trovare il link d'acquisto.


2 commenti

Powered by Blogger.