Fumettilandia

Cinegatto

RECENSIONE AUTORI EMERGENTI: VERONICA C'È

Hola Gattolettori,
come ogni giovedì ecco qui la recensione della nostra carissima Simon che oggi ci parla di una storia sull'adolescenza ... Veronica c'è di Grazia Gironella

Veronica c'è
di Grazia Gironella
                                                   

Genere: Narrativa
Editore: Self Publishing
Prezzo: € 15,00
Pagine: 274
Uscita: 4 Aprile 2019

Per sfuggire a una realtà intollerabile, Veronica si mette sulle tracce di un sogno: il padre che non ha mai conosciuto. I sogni, però, possono essere pericolosi…
Veronica ha sempre avuto una situazione familiare difficile per i problemi di sua madre. Quando scopre che sta per seguirla in una comunità per tossicodipendenti e per l’ennesima volta si vedrà sconvolta la vita, decide di fuggire per trovare il padre che non ha mai conosciuto. Non sa che i problemi di sua madre la metteranno in pericolo, né che "padre" può essere solo una parola. Ma la fuga le farà anche conoscere delle persone speciali, che la aiuteranno a rispondere alla sua vera domanda: chi sono io?
RECENSIONE

Veronica scappa da una madre inadeguata, sofferente, scapestrata, piena di problemi, scappa da una vita che non vuole avere, scappa da un luogo, Villa Serena, in cui non vuole stare, scappa da una situazione squallida, dalle botte, da pranzi mai avuti e panini fatti per conto suo, da affetto scarsamente ricevuto. Scappa, sognando una persona che non ha mai conosciuto, sognando di poterlo trovare.

Ha solo 15 anni Veronica, insicura, tormentata, un caso "triste-e-difficile" e si sente anonima:

Media statura, occhi castani, capelli castani, ne magra ne grassa... insomma quante ce ne sono di ragazze così? Che stronzo.
Costretta, da una madre instabile, a cambiare città più e più volte...

Cambiare spesso casa ha questo fantastico vantaggio: ovunque vai, non sei nessuno.
Invischiata in una storia più grande di lei. Una brutta storia di delinquenza e crimine.

All'improvviso ho paura. Non di essere riportata a casa. Paura e basta. Questi nn sembrano poliziotti...
In questa fuga, pericolosa e rocambolesca, tra treni, piazze, paesi, città e due ceffi che le stanno alle calcagna, Veronica incontra Elena, Sapan, Alex, queste tre persone diventeranno i suoi angeli custodi, le sue guardie del corpo, i suoi amici e il suo amore, Alex. Con il loro aiuto Veronica giungerà a destinazione e riuscirà a centrare l'obiettivo, incontrarLo, conoscerLo... l'illusione diventa delusione.

Non la sento più. Sto correndo verso l'uscita, accecata dalle lacrime che mi gonfiano gli occhi. Che stupida! Como ho potuto credere di avere conquistato il suo affetto? Uno che non ricordava nemmeno chi fosse mia madre...
Il sogno infranto la farà crescere, responsabile, sicura di se stessa e dei suoi sentimenti e la fuga, alla fine, troverà un suo senso. Ha incontrato degli amici, un amore e soprattutto ha trovato la giusta via da percorrere, inseguire i suoi desideri, credere nel proprio talento, un percorso che la porterà a capire che Veronica c'è.

È sempre difficile entrare nel delicatissimo mondo dell'adolescenza e ho apprezzato l'approccio attento e sottile dell'autrice. Il non-sorvolare sui passaggi emotivi ed emozionali, ti coinvolge e non ti fa mai allontanare dalla storia.
La narrazione, lo sviluppo della trama è strutturata molto bene, ci sono tutte le fasi, la fuga, la solitudine, la paura, la ribellione, l'incontro con nuovi amici e la lenta confidenza che instaura con loro, il confronto col padre ritrovato, il tutto è costruito con abilità, non si salta nessuno step e le varie tappe sono approfondite e dettagliate sia a livello pratico che mentale.

Una bella storia di quattro amici.
Veronica, fragile e tenace.
Elena, bella e insofferente.
Alex, conturbante e sensibile
Sapan, tenero e misterioso.
Quattro amici in viaggio alla scoperta di emozioni

Nessun commento

Powered by Blogger.