Fumettilandia

Cinegatto

GRAPHIC NOVEL: PIAZZA FONTANA DI FRANCESCO BARILLI E MATTEO FENOGLIO

Buongiorno readers,
altra bellissima graphic novel targata Becco Giallo Editore. Questa volta il protagonista di questa Graphic Journalism sarà Piazza Fontana.


Piazza Fontana
di Francesco Barilli e Matteo Fenoglio


Genere: Graphic Novel
Editore: Becco Giallo
Prezzo: € 18,00
LINK acquisto QUI

Milano, 12 dicembre 1969. A metà pomeriggio la Banca Nazionale dell'Agricoltura in Piazza Fontana è ancora affollata per le contrattazioni del mercato agricolo e del bestiame, che per tradizione si tengono di venerdì. Alle 16 e 37, nel salone principale dell'edificio, esplode una bomba collocata per provocare il più alto numero di vittime: al piano terra, sotto il tavolo che si trova al centro della stanza, di fronte agli sportelli. Il bilancio finale è di 17 morti e decine di feriti. L'esplosione di Piazza Fontana segna l'inizio della strategia della tensione e apre il sipario sui dieci anni più controversi e bui della più recente storia italiana.

RECENSIONE



Come ogni venerdì la Banca Nazionale dell'Agricoltura in Piazza Fontana è affollata dalle contrattazioni del mercato agricolo e del bestiame. Sono le 16.37 del 12 dicembre 1969 quando si sente un boato... nel salone principale dell’edificio, esplode una bomba collocata proprio per provocare una strage. 
Fortunatamente, se si può definire così, il bilancio totale delle vittime è di soli 17 morti e 88 feriti.

Quello di Piazza Fontana, è solo uno dei tanti misteri italiani irrisolti e personalmente, solo grazie a questa splendida graphic novel nata dalla collaborazione di Francesco Barilli e Matteo Fenoglio, ne ho potuto approfondire meglio la storia. Trentatré anni di processi, depistaggi, condanne e assoluzioni, una strage che secondo alcuni poteva essere evitata, per altri era inevitabile.

Piazza Fontana, un fatto di cronaca nera spaventosa, viene raccontato con precisione e meticolosità, nelle tavole di questo magnifico libro. Ogni disegno, ogni tratto, ci riporta a quel lontano 12 dicembre e ogni didascalia ci rimanda a quella verità sempre più lontana...
La graphic novel ripercorre la storia dell'attentato di piazza Fontana, dalla sua preparazione ai giorni successivi. Dalle testimonianze, alquanto rocambolesche, al ruolo misterioso e incomprensibile, che i servizi segreti hanno avuto nei depistaggi. Indagini che agli occhi di tutti, sono risultate falsate e ostacolate fin dall'inizio... perchè?  Chi ha ordinato l'eccidio? Che cosa voleva ottenere?
Piazza Fontana darà il via a quella che in molti hanno chiamato Strategia della tensione o gli anni di piombo. Anni in cui a partire dalla fine degli anni sessanta agli inizi degli anni ottanta, l'Italia è stata vittima di una serie preordinata di atti terroristici.

Purtroppo questi sono fatti storici che spesso i programmi scolastici non toccano, fatti che invece andrebbero ricordati e impressi nella mente.

Proprio per questo, continuo a ripetere che libri, in particolar modo la collana di cronaca nera e le graphic journalism della Becco Giallo, sono un ottimo strumento per ricordare e mantenere viva la storia Italiana. Attraverso i disegni infatti, con semplicità e curiosità, si apprendono nozioni e si attivano meccanismi che probabilmente senza le immagini non otterrebbero la giusta attenzione.

Di questa collana poi ho iniziato ad apprezzare tantissimo anche gli approfondimenti. Alla fine di ogni parte illustrata infatti oltre a trovare la cronaca dettagliata delle tavole con tutte le spiegazioni, potrete approfondire l'argomento, grazie agli articoli e alle testimonianze allegate. È chiaro che entrambi gli autori hanno fatto uno studio approfondito sull'intera vicenda, niente viene lasciato al caso, ne i disegni che sono curati nei minimi dettagli, che la parte narrativa, concisa ma determinante.

Non lo faccio mai, anzi mi correggo, penso di non averlo mai fatto, ma sento il dovere di ringraziare la Becco Giallo che tramite questi prodotti, mantiene vivo il ricordo di avvenimenti che purtroppo troppo spesso, tendiamo a dimenticare con troppa facilità, GRAZIE!

"E poi non è una questione di vincere o perdere. Semplicemente uno Stato che non ha il coraggio di riconoscere la verità è uno Stato che ha perduto...uno Stato che non esiste"

3 commenti

  1. Questa collana offre sempre argomenti interessanti. Non leggo graphic novel ma penso proprio che a questo genere sia da leggere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi assolutamente iniziarle a leggere...fidati ti potrebbero piacere tantissimo.

      Elimina
  2. UAU! Non conoscevo questa collana e soprattutto non sapevo di questo evento interessantissimo e che concordo non deve essere dimenticato. Più graphic novel come questa nelle scuole sarebbero perfette per imparare, far riflettere e far conoscere anche questi aspetti cupi ma veri della nostra storia italiana. Bella recensione ;)

    RispondiElimina

Powered by Blogger.