RECENSIONE: VOLEVO ESSERE MARADONA DI VALERIA ANCIONE

Buongiorno readers,
esce oggi in tutte le librerie e gli store online, il bellissimo libro di Valeria Ancione, giornalista del Corriere dello Sport, "Volevo essere Maradona", che in chiave autobiografica, racconta tra realtà e fantasia, la storia di Patrizia Panico, una fuoriclasse del calcio femminile italiano.
Volevo essere Maradona
di Valeria Ancione
                                                      

Genere: Narrativa per ragazzi
Editore: Mondadori
Prezzo: € 17,00 (ebook 7,99)
Pagine: 189
Uscita: 14 Maggio 2019

Non è facile la vita se sei femmina fuori e calciatore dentro. Patrizia però ha talento da vendere, non demorde e imbraccia il suo pallone come uno scudo, senza fermarsi davanti a niente e nessuno: né davanti alla madre, che le ripete di continuo di scendere dalle nuvole e studiare, né davanti ai ragazzi della borgata, convinti che una femmina non possa giocare a calcio. Grazie alla sua tenacia entra in una vera squadra e, di sfida in sfida, il suo sogno spicca il volo, portandola lontano, tra serie A e Nazionale. Patrizia però non dimentica mai il vero significato che ha per lei il pallone: è un rifugio, un amico fidato, un'ancora di salvezza negli anni dell'adolescenza. In una parola: è tutta la sua vita. Una storia vera, che tra realtà e finzione ci accompagna nella vita di una ragazza che ha fatto del calcio la sua più grande avventura. Il racconto di un sogno straordinario, la prova che sulle ali di un sogno chiunque può volare. Età di lettura: da 10 anni.
RECENSIONE

In questa esilarante biografia, l'autrice Valeria Ancione, ci ha dato la possibilità, attraverso la sua scrittura, di fare la conoscenza di un grandissimo calciatore o meglio, "calciatrice"... Patrizia Panico.
Volevo essere Maradona infatti è la storia di una sportiva che fin da quando era una bambina  dalle gambe storte e i piedi piatti, ha sempre amato il calcio e sognato di diventare una calciatrice professionista

Purtroppo si sa che in certi sport, soprattutto quello del calcio, la donna non è vista di buon occhio... Ma cosa ne volete sapere voi femmine di fuorigioco, tattiche, moduli 4-3-1-2 o 4-4-2 o ancora di schemi, possesso palla ecc...? Figuriamoci quindi ad indossare dei scarpini e involare con il mitico Super Santos nell'aerea avversaria...
Come insegna questo libro però, i sogni non vanno chiusi nel cassetto in attesa che arrivi la fata madrina ad avverarli, bisogna lottare per realizzarli, crederci e non smettere mai di provarci... in fondo anche un sognatore per eccellenza come Walt Disney ha sempre detto: Se puoi sognarlo puoi farlo!

Mi sento di avere qualcosa da dire perché so maneggiare un pallone. Mi sento di avere una parola in più perché so fare gol. Non ho paura perché so fare meglio di un maschio una cosa… da maschi.
Ed è così quindi che conosciamo Patrizia Panico, perchè se si parla di sogni, di certo quello di "voler essere Maradona" non può assolutamente passare in osservato... con i piedi Patrizia se la cava, anzi ha un grande talento, ma ciò che l'ha portata a diventare quello che è oggi, è stata soprattutto la sua tenacia. Grazie a questa, niente e nessuno l'ha potuta distogliere dal suo unico obiettivo: il calcio, neanche quei ragazzi della borgata di Tor Bella Monaca che mettendola da parte perchè era "femmina", non volevano farla giocare a calcio con loro... ma a testa alta e con carattere, anche a loro ha dimostrato di meritare un posto in campo.

Se resisti e insisti a far valere le tue ragioni non ci proverà più nessuno a piegarti. Anche se questo di solito funziona in strada e non con i genitori.
Patrizia non ha mai mollato, neanche per un secondo e quando alla fine è riuscita a convicere i suoi genitori a farla giocare a calcio, è entrata a far parte di una vera squadra di calcio femminile, il Borussia, da non confondere ovviamente con il Dortmund perchè sempre a Roma siamo rimasti.
Con quei scarpini di due taglie più grandi e con quel suo amico rotondo, Super Santos, sempre sottobraccio quasi a ricordare il protagonista del famosissimo anime, Holly e Benjy, Patrizia Panico, partita dopo partita, nonostante una vita complessa dettata dalla separazione dei suoi genitori, è riuscita a spiccare il volo e ad arrivare prima in serie A e poi anche in Nazionale.


Valeria Ancione è riuscita attraverso le sue parole e la sua ironia, a mostrarci come a volte, anche i sogni più irrealizzabili, con tanta forza di volontà e caparbietà, possono diventare realtà.
Il suo stile è diretto e coinvolgente e si finisce così, subito per ammirare e contemplare, il coraggio e la costanza di Patrizia Panico.
È un libro divertente ma allo stesso emozionante e mi sento di consigliarlo sia ai sognatori, ma soprattutto a quei ragazzi che purtroppo, sembrano non avere nessuno scopo o sogno nel cassetto...
So cosa vuol dire sacrificarsi e vivere per lo sport... è vero ho praticato uno sport da "femmina" ma solo quell'amica sferica è riuscita sempre a donarmi un concentrato di emozioni forti e belle... anche io indoor o sabbia, con lei sono sempre felice...

Patrizia, sai cosa?
Cosa Sabrina?
Quando giochi a calcio, tu sei felice e rendi felici tutti


2 commenti

  1. Hai fatto una bellissima recensione, visto il tema calcistico sei stata doppiamente brava :).
    Grande giocatrice, la Panico; la sua storia è veramente un inno alla determinazione e un esempio a raggiungere gli obiettivi che ci poniamo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille ma comunque come avrai ormai capito sono una super sportiva e amo il calcio eeheheh
      Ho avuto anche la fortuna di conoscerla personalmente, veramente una bellissima persona.

      Elimina

Powered by Blogger.