Fumettilandia

Cinegatto

CINEGATTO: PET SEMATARY

Hola readers,
ritorna il nostra appuntamento con il cinema e la nostra Annalisa è andata a vedere in antemprima per noi Pet Sematary, il film tratto romanzo horror di Stephen King "Cimitero vivente".


Scheda Film

Pet Sematary è un film di genere horror del 2019, diretto da Dennis Widmyer, con Jason Clarke e John Lithgow. Uscita al cinema il 09 maggio 2019. Durata 101 minuti. Distribuito da 20th Century Fox Italia.


Pet Sematary, il film diretto da Kevin Kölsch e Dennis Widmyer e basato sul romanzo horror di Stephen King "Cimitero vivente", segue le vicende del Dr. Louis Creed (Jason Clarke), il quale, dopo aver traslocato insieme alla moglie Rachel (Amy Seimetz) e i loro due figli da Boston in una località rutrale del Maine, scopre un misterioso cimitero vicino alla sua nuova casa. Quando una tragedia colpisce la sua famiglia, Louis si rivolge al suo bizzarro vicino, Jud Crandall (John Lithgow), scatenando una pericolosa reazione a catena dalle terribili conseguenze.
RECENSIONE



Il maestro del brivido Stephen King è noto per la sua abilità nel costruire tensione e paura scavando in storie che, seppur paranormali, trovano sempre un punto di incontro con la realtà. Pagliacci, camere di albergo, ammiratrici che si spingono all’estremo: qualunque sia la storia, lo spettatore verrà colpito nel suo punto debole, ovvero il potrebbe succedere. In Pet Sematary, romanzo del 1983, questa sottile inquietudine è data dal fatto che i protagonisti sono animali domestici. Non abbiamo a che fare con leoni o tigri, con creature non facenti parte della nostra quotidianità; ma ad innescare tutto sono gli animali che più comunemente si trovano nelle nostre case. Quella linea tra l’impossibilità e la possibilità è tenuta da loro, in questo remake firmato da Kevin Kölsch e Dennis Widmyer e interpretato da Jason Clarke, Amy Seimetz e John Lithgow.


La storia inglese The monkey’s paw, che insegnava tramite desideri avverati e portatori di spiacevoli circostanze a non modificare il proprio destino, fa da base al romanzo di King. E proprio i desideri sono il fulcro (e il secondo aggancio con la realtà) del racconto: tutti desideriamo qualcosa, migliorare le nostre vite, ma a che prezzo? Questo secondo adattamento cinematografico – Cimitero Vivente del 1989 – mantiene dei lati comuni alla storia, ma come spesso accade, si discosta dall’idea e dalla narrazione originale. La famiglia Creed si trasferisce nel Maine per permettere al capofamiglia Louis di lavorare come medico scolastico. La casa, apparentemente dei sogni, si rivela essere costruita vicino ad un cimitero degli animali. Da lì a poco, la nuova vita della famiglia Creed prenderà una piega sconvolgente.


Pet Sematary è un horror di cui ci si aspetta tutto, perché non promette brividi da splatter e non si proclama come film dell’anno; ancora una volta, quello che si trova in questo film è una riflessione sul subconscio, sui desideri nascosti e su quanto essi siano pericolosi. “A volte la morte è meglio”, viene detto da uno dei personaggi secondari. Chi se ne va – probabilmente – ha smesso di soffrire, il problema è di chi resta. Pet sematary punta tutto su questo, sulla disperazione di un genitore, su quanto si è disposto a fare per riavere ciò che si è perso. Se vi aspettate di saltare sulla sedia, non andate a vederlo. Se invece siete curiosi di questa riflessione, volete vedere un film ben girato, con una fotografia degna di un romanzo di King, e non avete più di queste pretese, Pet sematary fa per voi.

4 commenti

  1. Sono molto affezionato a film vecchio e romanzo, leggo di tantissimi cambiamenti. Vado a vederlo domani, ma cauto!

    RispondiElimina
  2. Se non ci sono JumpScare, vale proprio la pena vederlo :)
    Sai che io non ho visto il film del 1989?

    RispondiElimina

Powered by Blogger.