Fumettilandia

Cinegatto

RECENSIONE AUTORE EMERGENTE: L'IDENTITA' PERFETTA DI SARAH ARENACCIO

Buon pomeriggio Gattolettori,
come tutti i giovedì eccoci arrivati all'appuntamento con le recensioni della nostra Simon che oggi ci ha parlato di un libro dolcissimo e a tratti...diverso.

L'identità perfetta
di Sarah Arenaccio


Genere: Narrativa
Prezzo:
€ 12,99(€ 2,99 ebook)
Editore: Self Publishing
Pagine: 210
Pubblicazione: Maggio 2019

Dario ha quasi sette anni quando si trasferisce in città con sua madre. Ha una passione sconfinata per la matematica ed è un bambino all'apparenza un po' strambo, ma non per Laura, che decide di trascinarlo per un braccio nel mondo e mostrargli come ci si sente a essere tanto diversi da lui. Crescono insieme, scontrandosi con la realtà della vita, senza mai riuscire a comprendere l'altro, ma soprattutto se stessi. Perché, se è facile imparare a contare, la vera difficoltà è arrivare a capire cos'è che conta davvero.
In fondo, le incognite dell'esistenza e quelle matematiche non sono poi così diverse: siamo tutti in qualche modo alla ricerca dell'identità perfetta.
RECENSIONE

Ho detto ciao, io sno Laura
Si, avevo capito.
E allora perchè non hai risposto?
Perchè non mi hai fatto nessuna domanda...
Ed è così che si incontrano Laura e Dario, in una stradina di un comune condomino, isolato dal centro della città, una specie di oasi tranquilla.
Laura, una valanga su una bicicletta rosso fiammante, lanciata a tutta velocità.
Dario, appena trasferito in città, serio, responsabile, bizzarro.
Laura è una bambina travolgente, intraprendente, affascinante.
Dario anche è un bambino ma ha i suoi tempi, le sue stranezze e spesso si isola, si guarda intorno in cerca di risposte...

...sulle nuvole per certe cose, con i piedi fin troppo piantati in terra per altre. Imparerai a conviverci e amarlo anche per questo.
In un attimo questi due poli opposti si attraggono e inizia un viaggio che da bambini porta alla maturità, sempre visceralmente insieme, capendosi nell'intimo più profondo. Saranno portatori dei segreti l'uno dell'altra, delle aspirazioni, dei conflitti e spettatori, sempre l'uno dell'altra, dei cambiamenti sia fisici che mentali.
Un'amicizia speciale, insostituibile. Il loro equilibrio non si spezzerà neanche quando vivranno i primi amori o quando prenderanno strade diverse, ci sarà sempre un filo a tenerli uniti.
Lui, c'è sempre per lei. Lei, c'è sempre per lui e ancor prima di saperlo, ci sono per entrambi.
Tra i due è lei che entra nel suo mondo, lei che è piena di chiacchere, parole, emozioni, disordine.
Dario ama la matematica, rimanendo nel suo mondo fatto di silenzi, sguardi, concentrato sulla necessità di risolvere problemi in una modalità veloce, netta, giusta, chiara.

...In matematica i problemi sono logici e sensati e, soprattutto mi rassicura la possibilità di trovare una o più soluzioni. I numeri non sono come le persone, per fortuna. Anche quando son irrazionali, sono facilmente gestibili. Al contrario, le persone sono imprevedibili e causano eventi e emozioni altrettanto imprevedibili. Questo mi disturba, mi confonde...
Lei è il disordine che a lui manca, lui l'ordine che manca a lei. 
Mentre attorno e dentro di loro la vita scorre e gli eventi si succedono, amori, scuola, olimpiadi di matematica, università e una figlia... iniziano ad abbandonare l'infanzia, l'adolescenza... e piano piano come un fiume sotterraneo, il loro affetto aumenta, fino a straripare in un'ondata di amore.
Forse sarà proprio per questo motivo a far allontanare Dario da Laura, sarà lui infatt a dare il primo e vero doloroso strappo al loro rapporto... per la "perturbante incognita"... per le "variabili impossibili da determinare", per "gli esiti sconosciuti" o per la paura dell'indefinito? Chissà...
Fortunatamente però il destino o il caso, fate voi, li farà riunire perchè, perchè...

...Laura. Si era insinuata nella sua vita e nelle sue viscere senza quasi che Dario se ne accorgesse, un elemento inatteso in un insieme chiuso. E, se era riuscita ad uscire con estrema facilità dalla sua vita, Dario dovette prendere coscienza del fatto che, in realtà, Laura era ancora lì, dentro di lui. Laura era nei suoi silenzi e nelle sue conquiste personali, nelle piccole sconfitte e nel rapporto con i suoi genitori. Non se n'era mai andata molto semplicemente perchè era parte di lui. Nel loro insieme caiuso, lei era un punto interno di cui lui costituiva un intorno, questo era evidente.
La storia di un amore diverso, di un diverso. Ed è bello come l'autrice tratti la diversità come se fosse un valore aggiunto, un dono, una preziosità.
Ma dico io, chi è che ha deciso cosa sia la diversità e che aspetto debba avere? Magari è Dario ad essere "normale" e Laura la "diversa"... E' così attraente questa normalità da essere ricercata da tutti così affannosamente? Nooo!!! E per fortuna questo libro ne è la dimostrazione.
Evviva la diversità!

L'ho trovato scritto talmente bene che è stato difficile staccarmi dalle sue pagine. Ogni parola, ogni frase è al suo posto, non una parola di meno, non una di troppo. Mi ha colpito la profondità di questa storia e la fluidità della scrittura, senza intoppi, stonature, forzature o inutili fronzoli, con un linguaggio diretto e franco capace di spingere il lettore a non stancarsi mai del libro. Se non ci fosse stata una sveglia ad attendermi e a ricordarmi gli impegni mattinieri, lo avrei sicuramente letto tutto d'un fiato.

Impalpabile e tenera la figura di Dario che malgrado la sua apparente anaffettività, è un baluardo di purezza, stupore, onestà e sincerità. Ma un grazie va anche a Laura che è riuscita, con la sua forza, a far emergere tutto questo... una coppia extra-ordinaria!

... Le loro dita si intrecciarono, come se aspettassero quel momento da sempre, come non ci fosse nient'altro da sapere...
Leggetelo... vi assicuro che non ve ne pentirete affatto!




3 commenti

  1. Che splendida recensione, grazie... Sono commossa. Simon ha colto esattamente ciò che intendevo esprimere. Dario e Laura saranno sempre nel mio cuore.

    RispondiElimina
  2. Anche a me è piaciuto molto e mi trovo d’accordo con te sul fatto che sia scritto molto bene, che sia equilibrato, non una sbavatura o un fronzolo inutile.
    Sarah è brava, merita di essere letta!
    E questi ue personaggi sono costruiti veramente bene!

    RispondiElimina
  3. Concordo su tutto! Una storia deliziosa e tenera, ma anche profondamente coinvolgente. Il primo romanzo di Sarah che ho letto, i cui protagonisti non possono non restare nel cuore. Soprattutto Dario, perché Laura a volte... è davvero insopportabile! ;)

    RispondiElimina

Powered by Blogger.