Fumettilandia

Cinegatto

AUTORI EMERGENTI RECENSIONE: IL COLORE DEL BUIO DI STEFANO BOSIO

Hola readers,
ora è arrivato il momento dello spazio dedicato agli Autori Emergenti, la nostra Simon oggi ci parlerà di un giallo scritto da Stefano Bosio.

Il colore del buio
di Stefano Bosio


Genere: Giallo
Editore: Lettere Animate
Prezzo: € 16,00 (ebook € 2,99)
Pagine: 330
Uscita: 23 Marzo 2017

La vita di Sofia è alla deriva quando suonano alla porta, recapitando un vecchio pacchetto, datato 1964. Dentro, l’eredita di suo nonno Stefano: una villa nella piccola e sconosciuta cittadina lacustre di Malaura del Garda.Sofia decide di partire, ma da subito è evidente che qualcosa non va. Su Malaura circolano strane voci, racconti bizzarri e inquietanti che Sofia vorrebbe liquidare come semplici superstizioni popolari.Una volta laggiù, però, il suo scetticismo inizia a vacillare. Le stranezze emergono una dopo l’altra, insieme ai tasselli di un oscuro passato che ha gettato un’ombra sulla cittadina e sui suoi strani abitanti.E sembra che tutti facciano ricadere la colpa della rovina di Malaura su Stefano e sulla diga che fece costruire.Inizia così un viaggio a ritroso nel tempo, perché Sofia deve scoprire la verità, non solo sul nonno, ma soprattutto su se stessa.Ma la storia è lunga e la notte scende prima che lei se ne sia andata. E nessuno, sano di mente, rimarrebbe a Malaura quando il buio inizia a colorarsi.
RECENSIONE

Cosa spinge gli abitanti di Malaura ad isolarsi? Ad allontanare chiunque si avvicini al loro paese? Perché le finestre dei piani alti di tutte le case sono chiuse con delle assi inchiodate? Perché tutto è arido, desolato e senza vita? Cosa è quella insolita luminescenza che si vede solo di notte che colora il buio?
Questo è un romanzo che si gioca su due livelli.
Anno 1961, Stefano Re, un giovane ingegnere rampante a cui hanno affidato la costruzione di una diga, arriva in questo sperduto paese vicino al Lago di Garda. Già dai primi momenti del suo arrivo, accadano cose strane e misteriose. Niente e nessuno però gli impedirà di costruire la sua diga.

la ragazza alzò un dito, portandoselo alle labbra pallide e spaccate dal freddo, in un gesto eloquente. Stefano entrò per la prima volta a teatro con la mente turbata, chiedendosi perché mai quella ragazza cercasse di dirgli di rimanere in silenzio. Lo avrebbe scoperto solo molto tempo dopo…
Anno 2014, Sofia vive a Torino, un giorno riceve un pacchetto con dentro delle chiavi, scopre che queste chiavi aprono una casa che suo nonno, Stefano Re, le ha lasciato in eredità. Malgrado il difficile momento che sta passando decide di partire.
Inizia così un’avventura strana, inquietante, a tratti spaventosa, che la riporterà alle radici della sua vita e che le farà scoprire, i segreti della sua famiglia.

il richiamo di Malaura era troppo forte. Ora lo so. Lo sento dentro di me. La consapevolezza ha accelerato il processo in modo esponenziale. Se tu potessi vedermi ora.
Bello, originale, coinvolgente, affascinante. Già dalle prime pagine questo libro mi ha tenuta incollata a sé, grazie alla sua atmosfera curiosamente conturbante e piena di tensione.

Si passa da un livello all’altro in un susseguirsi di eventi, di immagini bellissime, di descrizioni di personaggi e paesaggi fatte con maestria. Quando ti dispiace di lasciare un “livello” per entrare nell’altro, questo subito ti avviluppa e ti abbranca, pieno sia di suggestioni visive che mentali.
Gente!!...preparate bevande, cibo e poltrona, perchè grazie a Il colore del buio, non vi ci rialzerete tanto presto!



1 commento

  1. Bell'articolo. La trama la trovo intrigante e leggere romanzi passando da un periodo storico a un altro mi è sempre piaciuto. Se poi è scritto bene, meglio ancora. Lo aggiungo alla mia readers list. Grazie per la recensione. Anch'io mi diletto nel lasciare pensieri e impressioni sui libri che leggo, se ti va di visitare il mio blog https://babbinimarcodotcom.wordpress.com/ ne sarei felice, grazie.

    RispondiElimina

Powered by Blogger.